Rassegna settimanale 6-12 Novembre: Africa Subsahariana

6 novembre, Liberia – La Corte Suprema liberiana sospende il ballottaggio: indagini per possibili brogli

La Corte Suprema della Liberia ha ordinato alla commissione elettorale di indagare in seguito alle accuse di brogli riportate da un candidato delle elezioni presidenziali del 10 ottobre 2017, hanno riferito i portali locali di notizie.

La corte ha deciso che le elezioni di martedì saranno sospese fino a quando la Commissione Elettorale Nazionale (NEC) non avrà terminato le proprie indagini. Le accuse di frode sono state depositate dal leader della Liberty Party (LP) Charles Walker Brumskine, che arrivato terzo al primo turno.

Nel ballottaggio del 7 novembre avrebbero dovuto scontrarsi i primi due candidati arrivati alle elezioni di ottobre: l’ex pallone d’oro George Weah e il vicepresidente incaricato Joseph Boakai. Il vincitore avrebbe sostituito la prima leader africana eletta democraticamente, Ellen Johnson Sirleaf. Weah ha superato ha raggiunto il 10 ottobre il 38,4% dei voti espressi, 28,8% Boakai, mentre Brumskine ha raggiungo solo il 9,6%.

“Le elezioni saranno sicuramente ritardate, ma non sappiamo per quanto tempo”, ha dichiarato il portavoce del NEC Henry Flomo.

Affrontando i cinque giudici della Corte venerdì scorso, Brumskine ha citato “irregolarità grossolane”. Nella denuncia del partito della Libertà, sono stati riportati diversi problemi, tra cui la tarda apertura dei sondaggi, l’assenza di controllori di coda e atti fraudolenti da parte di alcuni funzionari della NEC. “Non si tratta di perdere o vincere”, ha detto Brumskine alla Corte, “ha a che fare con il sistema che va rimesso a posto”.

Gli avvocati del NEC hanno risposto che i firmatari della denuncia non hanno alcuna prova e hanno chiesto al giudice di sospendere la decisione in modo che la Commissione possa organizzare il secondo turno.

Fonte: Africa News
Link: http://www.africanews.com/2017/11/06/liberia-supreme-court-suspends-run-off-orders-probe-into-poll-fraud/

Sud Sudan – Guerra civile, inflazione e malnutrizione: rischio carestia nel 2018

Il conflitto e l’iperinflazione sono le cause principali della fame nel Sud Sudan, secondo l’ultima valutazione delle Nazioni Unite e delle agenzie di aiuto nel paese più giovane del mondo. La relazione aggiornata sulla classificazione della fase di sicurezza alimentare (IPC) è stata rilasciata lunedì dal governo del Sud Sudan, dall’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura delle Nazioni Unite (FAO), dall’UNICEF, dal Programma Alimentare Mondiale (WFP) e da altri gruppi umanitari coinvolti nella regione.

“I divari di consumo alimentare diffuso e estremo […] dovrebbero farci estremamente preoccupare per il peggior scenario possibile: carestia in molte località del Sud Sudan nel 2018”, ha dichiarato Katie Rickard, coordinatore nazionale per REACH, un’iniziativa di ricerca umanitaria che ha fornito dati per la relazione.

Il numero complessivo di persone affette da carenze alimentari in Sud Sudan è stimato a 4,8 milioni e il numero di persone classificate come “in emergenza” è raddoppiato rispetto all’anno scorso nel Paese africano orientale. Più di 1.1 milioni di bambini al di sotto dei cinque anni si prevede di essere malnutriti nel 2018, inclusi quasi 300.000 “a un rischio aumentato di morte”, secondo la relazione. La popolazione sud sudanese è poco più di 12 milioni.

L’insicurezza continua a ostacolare la produzione alimentare e distruggere i mercati, aumentando di conseguenza i prezzi dei vari generi alimentari. I sacchetti di alimenti di base come il sorgo, il mais e la farina di grano sono aumentati fino al 280% rispetto allo scorso anno, secondo il rapporto IPC.

La causa principale è il conflitto che sta logorando il Paese, i cui combattimenti si sono concentrati nell’area verde del Sud Sudan, portano a livelli minimi la produzione alimentare.

Fonte: Deutsche Welle
Link: http://www.dw.com/en/conflict-in-south-sudan-with-hyperinflation-food-insecurity-threatening-famine-for-2018/a-41252547

7 novembre, DR Congo – Gli Stuti Uniti mostra entusiasmo nella non interferenza di Kabila nelle elezioni del prossimo dicembre 2018

Gli Stati Uniti hanno reagito martedì ad un annuncio sulle elezioni della Repubblica democratica del Congo (DRC) rispetto alle prossime elezioni presidenziali.

La Commissione Elettorale Indipendente Nazionale (CENI) ha, infatti, rilasciato nel fine settimana un calendario nel quale è stata fissata l’elezione del prossimo presidente nel dicembre del 2018.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti afferma che il Governo di Washington è particolarmente felice del fatto che l’intransigente Joseph Kabila sia pronto a rispettare la Costituzione e che sia disposto a ritirarsi dopo il suo successore sarà scelto.

Il Presidente ha già pubblicamente dichiarato che non contesterà i risultati delle elezioni. Per l’opposizione e gli attivisti, che hanno richiesto una transizione democratica del Paese guidato da Kabila dal 2001, è già una vittoria il fatto che siano riusciti a fissare le elezioni entro la fine del prossimo anno.

Fonte: Africa News
Link: http://www.africanews.com/2017/11/07/us-happy-kabila-will-not-contest-in-december-2018-polls/

Corno d’Africa – La politica migratoria congiunta tra UE e il Corno d’Africa è intrinsecamente erronea, secondo un nuovo report

Una nuova relazione congiunta redatta dall’Iniziativa Internazionale per i Diritti dei Rifugiati (IRRI), l’Iniziativa Strategica per le Donne nel Corno d’Africa (SIHA) e il Centro per la Legge sui Diritti Umani dell’Università di Londra, prende una posizione critica sul “processo di Khartoum” avviato dall’Unione Europea.

Il punto critico centrale è la necessità di una ristrutturazione della politica stessa, dato che sembrerebbe che l’iniziativa europea metta i migranti in pericolo, invece di limitare la migrazione di massa e di combattere la tratta illegale e il fenomeno dello smuggling.

Fondata nel 2014 tra 37 Stati membri dell’UE e degli Stati africani, la politica multilaterale intende limitare la migrazione di massa dal Corno d’Africa in Europa e affrontare le questioni regionali della tratta e del contrabbando. I critici dicono che la politica ha esacerbato la situazione regionale e ha messo i migranti in maggiore pericolo.

Una donna eritrea che ha lasciato il suo Paese due anni fa e risiede nella capitale etiope di Addis Abeba, sta progettando di proseguire verso l’Europa: “So che i profughi vengono rapiti, venduti e persino uccisi. Non lasciano ai migranti abbastanza acqua o cibo per giorni. Picchiano e torturano gli uomini. Violentano le donne. Ho sentito tante cose cattive da parte di altri che hanno già attraversato, ma non ho altro modo per raggiungere l’Europa, se non percorrendo la stessa via.”, ha detto.

Hala Al-Karib, direttore regionale della SIHA ha dichiarato: “Gli sforzi europei in materia di migrazione sono troppo concentrati sul cercare di impedire alle persone di muoversi. Essi trattano il movimento transfrontaliero illegale come una pura applicazione della legge anziché come sintomo di una radicata governance e di problemi di estrema povertà, e non riescono a tener conto dei motivi di partenza della gente o della loro terrificante mancanza di scelta”.

La relazione è arricchita da più di 60 rifugiati eritrei. L’Eritrea è uno dei Paesi più poveri del mondo e ha uno dei peggiori standard di rispetto dei diritti umani. Ogni mese, cinque mila persone lasciano il paese, nella speranza di sfuggire alla repressione politica, alla persecuzione religiosa, alle pratiche dure del lavoro, alla fame e all’inserimento militare forzato.

La relazione promuove l’istituzione di nuove politiche tra l’UE ei suoi partner africani, in cui vengono affrontati i fattori politici che causano la migrazione, il passaggio sicuro e il giusto trattamento dei migranti che deve diventare una responsabilità condivisa. Il rapporto supporta anche nuove politiche che riflettono le esperienze degli individui e delle comunità interessate e in cui i diritti fondamentali dei rifugiati e dei migranti siano rispettati.

Fonte: Deutsche Welle
Link: http://www.dw.com/en/eu-horn-of-africa-migration-policy-inherently-flawed-new-report-suggests/a-41286435

8 novembre, Africa Occidentale – Rara vittoria per le foreste pluviali: gli Stati si impegnano a fermare “la morte da cioccolato”

I governi del Ghana e della Costa d’Avorio stanno formulando piani per fermare immediatamente ogni nuova deforestazione dopo che un’indagine del Guardian ha scoperto la distruzione delle foreste pluviali dell’area sa parte dell’industria del cacao.

Gli altri Paesi dell’Africa occidentale stanno preparando nuove misure per salvare le loro foreste rimanenti e ripristinare quelle già degradate.

In un’indagine pubblicata nel mese di settembre, il Guardian ha scoperto che il cacao proveniente da aree deforestate è entrato nelle catene di fornitura di alcuni dei più grandi attori dell’industria del cioccolato. Allo stesso tempo, il gruppo ambientale Mighty Earth ha pubblicato il “Dark Secret del cioccolato”, una relazione che ha scoperto che “una grande quantità del cacao utilizzato nel cioccolato prodotto da Mars, Nestlé, Hershey, Godiva e altre compagnie di cioccolato è stata coltivata illegalmente”.

La perdita di copertura di alberi in Costa d’Avorio ha raggiunto 328.000 ettari nel 2014.

Alcuni funzionari corrotti ivoriani, che dovevano proteggere i parchi nazionali e i boschi classificati protetti del Paese, accettavano enormi tangenti per permettere agli agricoltori su piccola scala di tagliare gli alberi e di coltivare il cacao. Questo cacao viene poi acquistato da intermediari che lo vendono ai grandi commercianti di cacao tra cui Barry Callebaut e Cargill, società che vendono a Mars, Cadbury e Nestlé.

L’azione intrapresa ora dai due Governi è molto promettente, ha detto la Mighty Earth, ma non avrà successo, a meno che i produttori di cacao e produttori di cioccolato non finanzino entrambi l’azione.

Fonte: The Guardian
Link: https://www.theguardian.com/world/2017/nov/08/rare-victory-for-rainforests-as-nations-vow-to-stop-death-by-chocolate

Costa d’Avorio – La repressione della marcia delle donne di Abobo portata davanti alla CPI

I processi a Laurent Gbagbo e Charles Blé Goudé proseguono dinanzi alla Corte penale internazionale (CPI) de L’Aja, Paesi Bassi. Per il suo secondo giorno di audizioni, l’ex comandante dell’esercito ivoriano, il generale Firmin Detho Letho, è stato portato a dare delucidazioni sulla “marcia delle donne” di Abobo, a nord di Abidjan, duramente repressa dalle forze di difesa e di sicurezza il 3 marzo 2011 durante la crisi post elezioni.

Davanti alla Corte, il Generale Firmin Detho Letho è formale: “Non ero a conoscenza della partecipazione delle donne a questa marcia”. Questo ex ufficiale militare parla dell’evento con totale distacco. Il suo superiore, Philippe Mangou, ex capo dello staff degli eserciti dell’ex presidente ivoriano, riferì che lo manteneva informato di tutte la azioni telefonicamente. Quindi il soggetto è stato convocato durante una riunione quotidiana.

“Nella riunione pomeridiana, il CPCO (Chief Center for Planning and Coordination of Operations) ha fornito un aggiornamento sulla situazione”, afferma. “È stato durante questo incontro che siamo stati informati che i soldati avevano represso questa marcia. Ci sarebbero stati sei o sette morti. La sera in televisione, abbiamo visto le donne sul campo, sentito i colpi, è stato un totale sbandamento.”

Fonte: Radio France Internationale
Link: http://www.rfi.fr/afrique/20171108-detho-letho-firmin-cote-divoire-cpi-gbagbo-ble-goude-abobo-marche-femmes

9 novembre, Burundi – “Non abbiamo ancora finito”, la Corte dell’Aja al Burundi

Quando il Burundi è diventato il primo Paese a ritirarsi dalla Corte Penale Internazionale meno di due settimane fa, i suoi leader hanno pensato di aver evitato con successo un’indagine su gravi crimini da loro commessi, tra cui omicidi, torture e stupri.

Apparentemente, sembrano aver fatto male i propri calcoli.

La Corte ha annunciato giovedì che un panel di giudici ha autorizzato il pubblico ministero Fatou Bensouda ad aprire le indagini sui crimini che il Burundi ha commesso mentre era ancora membro della CPI. I giudici hanno anche affermato che il Sig. Bensouda ha l’autorità di indagare su ogni crimine che il Burundi ha commesso fino al suo ritiro, “se presenti i requisiti giuridici”.

L’obbligo di cooperazione da parte del Burundi “rimane in vigore fino alla fine delle investigazioni e fino al comprovato risultato delle indagini”.

L’annuncio ha avuto l’approvazione il 25 ottobre scorso – due giorni prima dell’entrata in vigore del ritiro ufficiale del Burundi – ma la decisione è rimasta sotto il sigillo della Corte fino a giovedì per proteggere le vittime e i potenziali testimoni.

La decisione ha stordito e fatto infuriare Bujumbura, capitale del piccolo Paese dell’Africa meridionale che è il primo – e si spera l’unico – Stato ad essersi ritirato dallo Statuto di Roma, con il quale venne creata la Corte nel 2002.

Willy Nyamitwe, il portavoce del Presidente Pierre Nkurunziza, ha riportato in un tweet che la decisione della Corte rispecchia quello che egli definisce “delle oltraggiose bugie per implementare l’agenda nascosta dell’Occidente per destabilizzare l’Africa”.

Fonte: The New York Times
Link: https://www.nytimes.com/2017/11/09/world/africa/icc-burundi-nkurunziza.html?rref=collection%2Fsectioncollection%2Fafrica&action=click&contentCollection=africa&region=stream&module=stream_unit&version=latest&contentPlacement=3&pgtype=sectionfront

Camerun – Il Governo riporta che ci siano I separatisti dietro l’assassinio di due truppe nella regione a Bamenda

Il governo del Camerun ha dichiarato che ci sono i separatisti dietro al raid su un punto di controllo della sicurezza che ha ucciso due gendarmi delle forze paramilitari.

Il Ministro delle Informazioni Issa Tchiroma ha riportato all’agenzia AFP che gli aggressori armati hanno prima ucciso poi sequestrato le armi dei due.

L’attacco di lunedì sera si è svolto nei pressi di Bamenda, la capitale della regione nordoccidentale del Paese, nella città di Jakiri.

I portali dei media locali hanno segnalato un esodo di massa dei giovani dalla città a seguito dell’attacco, in mezzo alla crescente paura di rappresaglie e repressioni da parte delle forze di sicurezza. Già enormi gruppi di persone sono fuggiti dalla regione verso la Nigeria, ha confermato l’UNHCR la scorsa settimana.

I cittadini delle regioni anglofone del Camerun – Nord-Ovest e Sud-Ovest – hanno subito una lunga emarginazione da parte della maggioranza francese. Un tentativo di dichiarazione di indipendenza simbolica all’inizio di ottobre è degenerata in innumerevoli scontri che hanno causato morti, lesioni e arresti di massa.

Fonte: Africa News
Link: http://www.africanews.com/2017/11/09/cameroon-govt-says-separatists-behind-murder-of-two-troops-in-bamenda/

10 novembre, Togo – Dimostranti anti-governativi si impegnano a continuare la pressione per modificare i limiti dei mandati presidenziali

L’opposizione di Togo giovedì ha portato in piazza la sua terza protesta contro il Governo di questa settimana, tra la preoccupazione per una perdita di slancio dopo più di due mesi di azione.

I dimostranti della capitale Lomé stanno mantenendo le promesse di marciare per tutto il tempo necessario a costringere il Presidente Faure Gnassingbe a porre fine a 50 anni di regime guidato dalla sua famiglia.

Una coalizione di 14 partiti di opposizione ha organizzato manifestazioni ebdomadarie da fine agosto, chiedendo l’introduzione di un limite di due mandati per i presidenti e la riforma elettorale.

Vogliono che le misure vengano applicate retroattivamente e che impediscano a Gnassingbe di presentarsi alle prossime due elezioni del 2020 e del 2025, rimanendo potenzialmente in carica fino al 2030.

Fonte: France 24
Link: http://www.france24.com/en/20171110-togo-protests-continue-amid-stalemate-concerns

10 novembre, DR Congo – Legislatore e miliziani a processo per violenza sessuale su minori

Diciotto persone, tra cui un legislatore provinciale, sono state processate giovedì nella regione orientale del Congo per stupro di decine di bambini, ha detto gli attivisti dei diritti delle vittime.

Almeno 46 bambini, alcuni di soli 18 mesi, sono state stuprati nei pressi della città di Kavumu tra il 2013 e il 2016, scatenando proteste e critiche a livello internazionale dei confronti della DR del Congo per le lente risposte da parte del Governo.

Nel giugno dello scorso anno, le autorità hanno arrestato Frederic Batumike, un deputato della provincia del sud di Kivu e dei miliziani accusati di essere anch’essi gli aguzzini di diverse vittime.

I gruppi di diritto sperano che il processo, che dovrebbe durare diverse settimane, colpirà l’impunità in Congo, dove affermano che le forze governative e i gruppi militari militanti nel confine orientale senza legge hanno usato da tempo lo stupro come arma di guerra.

L’apertura del processo in un tribunale militare in Kavumu è avvenuta giovedì, dove gli imputati sono accusati di stupro, omicidio e l’organizzazione di un gruppo armato.

Fonte: Africa News
Link: http://www.africanews.com/2017/11/10/lawmaker-militiamen-on-trial-in-dr-congo-for-child-rape/

11 novembre, Sud Sudan – Il Governo di Kiir usa cibo come arma da guerra, rapporto delle Nazioni Unite

Il governo del Presidente di Salva Kiir, utilizza il cibo come arma di guerra per combattere i civili bloccando gli aiuti alimentari, hanno riportato i controllori dalle sanzioni delle Nazioni Unite al Consiglio di sicurezza in una relazione riservata.

I controllori dell’ONU hanno dichiarato che, nel 2016 e nel 2017, è stata avviata una campagna militare, da parte di truppe governative nella città nordoccidentale di Wau e nelle aree circostanti del Bahr el-Ghazal occidentale, che ha colpito i civili su base etnica che ha causato oltre 100.000 sfollati.

“Il Governo durante gran parte del 2017 ha deliberatamente impedito l’assistenza alimentare a raggiungere alcuni cittadini”, hanno riportato i controllori. “Queste azioni rappresentano l’uso del cibo come arma di guerra con l’intento di infliggere sofferenze ai civili che il Governo vede come oppositori della propria linea politica”.

“La negazione degli aiuti ha causato una forte insicurezza alimentare tra grandi sezioni della popolazione, con la malnutrizione e la morte per fame dall’esito documentato, in particolare nella zona di Baggari nella contea di Wau”, hanno detto nella relazione presentata al Comitato per le Sanzioni al Sud Sudan del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

I controllori hanno, inoltre, riferito che il Governo ha regolarmente negato l’accesso agli aiuti umanitari ad alcune parti della popolazione, in particolare nelle aree al di fuori della città di Wau, visitata dagli ambasciatori del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite nel settembre 2016.

Tutto ciò rafforza il timore delle Nazioni Unite di un esito catastrofico della guerra civile in corso nel più giovane Stato del mondo, con il rischio di un genocidio dietro alle porte.

Fonte: Al Jazeera
Link: http://www.aljazeera.com/news/2017/11/kiirs-government-food-war-weapon-reports-171111074336397.html

12 novembre, Repubblica Centroafricana – Sette morti in un attacco durante un concerto

Sette persone sono state uccise e circa 20 sono state ferite da una granata sabato sera durante un concerto per la pace e conseguente scoppio di violenza domenica nella capitale della Repubblica Centrafricana Bangui, riportano i funzionari governativi ei residenti della città.

La città fluviale in passato è stato il punto nevralgico della violenza interreligiosa scoppiata tra musulmani e cristiani nel 2013 e che da allora ha inghiottito la maggior parte della nazione.

Il Ministro dell’Interno Henri Wanzet Linguissara ha dichiarato che due persone su una moto hanno avvicinato i partecipanti a un concerto organizzato per promuovere la riconciliazione e la coesione sociale sabato sera e hanno gettato una granata sulla folla.

“A seguito di questo atto, abbiamo registrato quattro morti e 20 feriti, tra cui quattro che sono in condizioni gravi e sono stati portati in sala operatoria”, ha detto.

Attacchi e scontri d’arma da fuoco sono scoppiati nel e intorno al quartiere PK5 di Bangui – un’enclave musulmana nella maggior parte della città cristiana – subito dopo l’attacco.

L’accesso al PK5 è stato bloccato dalle barricate improvvisate di domenica, ha detto un testimone a Reuters.

A quasi cinque anni dal conflitto nella Repubblica Centroafricana, segnata da successive ondate di pulizia etnica, la situazione della sicurezza sta peggiorando, soprattutto nell’area orientale del Paese.

Bangui, dove si trova il quartier generale di una missione di peacekeeping delle Nazioni Unite di 12.000 unità, è stata relativamente stabile negli ultimi mesi e la violenza del fine settimana è stata un ricordo dei giorni più bui della città.

“I nemici della pace […] hanno appena messo una trappola”, ha dichiarato il primo ministro Simplice Mathieu Sarandji in un programma radiofonico domenica. “Invito la popolazione a non scivolare nella violenza”.

Il Consiglio di sicurezza dovrebbe votare questa settimana una risoluzione firmata dalla Francia per autorizzare un extra 900 soldati per proteggere i civili nella Repubblica Centrafricana.

Fonte: Reuters
Link: http://www.reuters.com/article/us-centralafrica-security/seven-dead-in-concert-attack-reprisals-in-central-african-republic-idUSKBN1DC0T1

Somalia – Elezioni presidenziali in Somaliland: il paradosso internazionale

In Somaliland, gli elettori sono convocati alle urne lunedì 13 novembre.

Questo territorio di 4 milioni di abitanti, ex colonia britannica situata nel Corno d’Africa, ha proclamato la sua indipendenza dalla Somalia nel 1991. Fu dopo la caduta del regime di Siad Barre, dopo dieci anni di insurrezione contro il potere somalo centrale di Mogadiscio.

Oggi, questa Repubblica autoproclamata, la cui esistenza non è riconosciuta dalla comunità internazionale, vive in pace e organizza le sue terze elezioni presidenziali. Il Presidente uscente ha deciso di non correre nuovamente. In Somaliland, solo tre partiti sono ammesse dalla Costituzione e, pertanto, sono tre i candidati in corsa.

Il Somaliland è in tutto e per tutto uno Stato come gli altri. Ha la sua bandiera, il suo esercito, le sue scuole, le sue istituzioni e un’amministrazione che raccoglie la tassa. Tuttavia nessun Paese straniero riconosce ufficialmente la sua esistenza.

“Questo potrebbe dare idee ai somali che vivono in Etiopia o in Kenya. Inoltre, le Nazioni Unite hanno riconosciuto l’indipendenza del Sud Sudan e dell’Eritrea, che ha portato ad un disastro”, ha dichiarato Ulf Turlinden, uno specialista della regione.

Uno Stato fantasma, dunque, ma che ha sempre mantenuto il controllo, specialmente dopo la guerra civile. Nel 1981, un gruppo ribelle chiamato SNM prese le armi contro il dittatore somalo Siad Barre. Ci sono voluti dieci anni di guerra e decine di migliaia di morti, un decennio di conflitto che ha forgiato l’idea di una nazione in Somaliland.

Alla caduta di Siad Barré, il territorio proclama la sua indipendenza. Quasi senza alcun aiuto internazionale, il Paese riesce a stabilire un sistema politico. Anche se alcune zone dell’Oriente sono talvolta turbate, Somaliland rimane in pace e organizza le sue elezioni senza incidenti rilevanti. “Un esempio da seguire”, dicono molti osservatori.

I candidati sono tre: Musa Bihi, ex membro del SNM appoggiato dal Presidente uscente, Abdullahman Mohamed Abdullahi, peso massimo dell’opposizione ed ex presidente dell’Assemblea somala, e infine l’ingegnere Faisal Ali Warabe, lo sfavorito a queste elezioni.

Anche se esiste solo su carta, il Somaliland ospita un team di 60 osservatori internazionali provenienti da 27 Paesi stranieri. La stessa commissione elettorale ha invitato osservatori internazionali. La Gran Bretagna, ex nazione colonizzatrice, ha finanziato il progetto, gestito direttamente dall’Università di Londra.

Questa presenza straniera sarà una garanzia per l’indipendenza?

Fonte: Radio France Internationale
Link: http://www.rfi.fr/afrique/20171112-somaliland-presidentielle-13-novembre-700-000-electeurs

Featured Image Source: Wikimedia

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s