Rassegna settimanale 11-17 maggio: Giappone e Corea del Sud

12 maggio 2015, GIAPPONE – Non muta l’obiettivo dell’incontro a livello ministeriale per negoziati TPP

Il Senato statunitense sta bloccando il dibattito sulla procedura velocizzata per l’approvazione del TPP (Trans-Pacific Partnership), un accordo commerciale regionale tra dodici nazioni che ha, come scopo, quello di promuovere il libero scambio. La mancata approvazione del trattato all’interno degli USA potrebbe rendere difficile adottare una decisione politica a livello ministeriale tra i diversi Paesi, che dovrebbero incontrarsi per dei negoziati nelle Filippine dal 26 al 28 maggio.

Fonte: Reuters

Link: http://www.reuters.com/article/2015/05/13/us-japan-economy-tpp-idUSKBN0NY02R20150513

 

14 maggio 2015, GIAPPONE – Abe: la nuova legislazione sulla sicurezza sarà un deterrente e ridurrà il rischio di guerra

Il premier giapponese Shinzo Abe ha dichiarato che l’approvazione del progetto di legge con cui, per la prima volta dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, si permetterà ai militari giapponesi di combattere all’estero fungerà da deterrente e diminuirà il rischio dello scoppio di guerre. Durante una news conference, seguita all’approvazione da parte del Gabinetto, Abe a assicurato che la nuova politica non porterà il Giappone, in quanto alleato di Washington, a prendere parte a un numero sempre maggiore di conflitti. Il Giappone, ha dichiarato, manterrà il suo impegno a essere una nazione non belligerante.

L’opinione pubblica, tuttavia, risulta divisa e diffidente in merito alla questione, soprattutto perché Abe è stato molto chiaro circa la sua intenzione di modificare l’articolo 9 della Costituzione (secondo il quale il Giappone rinuncia alla guerra).

Un sondaggio condotto dall’NHK ha dimostrato che il 49% degli intervistati non ha compreso in modo chiaro i cambiamenti proposti all’articolo 9. Il 50%, invece, non approverebbe l’incremento del ruolo militare del Giappone.

La nuova legislazione permetterebbe al Giappone di reagire con la minima forza necessaria nel caso in cui una nazione con legami stretti con Tokyo fosse attaccata e certe altre condizioni fossero riscontrate. Permetterebbe anche ai militari giapponesi di fornire supporto logistico a forze straniere operanti sotto comando dell’ONU; inoltre, eliminerebbe i limiti geografici imposti alle operazioni di supporto difensivo all’esercito statunitense e ad altri eserciti stranieri (in precedenza, il Giappone poteva intervenire solo in situazione di contingenze che riguardassero la penisola coreana).

Fonte: Reuters

Link: http://www.reuters.com/article/2015/05/14/us-japan-security-abe-idUSKBN0NZ0QV20150514

 

http://www.reuters.com/article/2015/05/14/us-japan-security-idUSKBN0NZ02W20150514

 

15 maggio 2015, GIAPPONE – Taiwan applica controlli più severi alle importazioni alimentari dal Giappone

Venerdì, Taiwan ha iniziato a applicare controlli più severi sui prodotti alimentari importati dal Giappone e potenzialmente originari di zone esposte a radiazioni, scatenando le ire di Tokyo, che ha fatto presente che potrebbe richiedere una regolamentazione del WTO qualora le restrizioni non venissero ridotte. Le nuove regolamentazioni permetteranno l’ingresso a Taiwan dei solo cibi in possesso di certificati sul luogo di origine del prodotto rilasciati dal Governo giapponese. Inoltre, alcuni prodotti dovranno essere sottoposti a test sulla radioattività.

Fonte: Reuters

Link: http://www.reuters.com/article/2015/05/15/us-taiwan-japan-food-idUSKBN0O00F320150515

 

COREA DEL SUD – Agenzia  statale per lo spionaggio sotto scrutinio dopo notizia dell’esecuzione a Pyongyang

L’Agenzia di spionaggio sudcoreana (NIS, National Intelligence Service) ha dichiarato l’avvenuta esecuzione del capo della difesa nordcoreana, ma le sue dichiarazioni non si sono sempre rivelate affidabili e, per questo motivo, la recente notizia e l’operato dell’Agenzia sono sotto esame. In passato, la NIS non si era resa conto della morte del leader nordcoreano Kim Jong Il, nel 2011.

Fonte: Reuters

Link: http://www.reuters.com/article/2015/05/15/us-northkorea-southkorea-spy-idUSKBN0O015320150515

 

16 maggio 2015, GIAPPONE – Gli sforzi giapponesi per ottenere status di Patrimonio Mondiale per l’Umanità

Il Giappone sta incrementando gli sforzi per ottenere supporto internazionale alla sua richiesta di ottenere lo status di Patrimonio Mondiale dell’Umanità per dei siti che, nell’era Meiji, furono teatro della rivoluzione industriale nel Paese. Il Governo sarebbe preoccupato dalla possibile opposizione della Corea del Sud alla candidatura.

Fonte: The Japan Times

Link: http://www.japantimes.co.jp/news/2015/05/16/national/history/japan-boosting-efforts-to-win-support-for-world-heritage-drive/#.VVkctbntmkr

 

(Featured Image Source: Wikimedia Commons)

 

 

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s