Rassegna settimanale 27 Novembre – 3 Dicembre: Africa Subsahariana

27 novembre, Zimbabwe – Mnangagwa scioglie il gabinetto dell’ex leader Robert Mugabe

Il nuovo presidente dello Zimbabwe Emmerson Mnangagwa ha sciolto il gabinetto del suo predecessore, Robert Mugabe, e ha temporaneamente consegnato due ministeri chiave a due ex ministri del regime Mugabe, riporta l’emittente statale ZBC lunedì.

La dichiarazione recita “Il tempo di formare un nuovo Governo e diassicurare la continuità dei ministeri essenziali”, Emmerson Mnangagwa ha nominato due esponenti di spicco del partito di Governo, ZANU-PF, nelle posizioni di finanza e affari esteri.

Patrick Chinamasa è stato incaricato alla Finanza, un portafoglio che ha detenuto fino a poco tempo fa sotto il regime di Mugabe. Durante il rimpasto in ottobre, tuttavia, è stato assegnato al Ministero della sicurezza informatica.

Simbarashe Mumbengegwi ha ereditato il Ministero degli Esteri. Era responsabile della pianificazione economica nell’ultimo governo di Mugabe, ma in precedenza aveva ricoperto la carica di ministro degli affari esteri.

Il presidente Mnangagwa, che non ha ancora nominato il suo nuovo Governo, convocherà martedì 28 novembre un incontro con i direttori di tutti i ministeri.

Fonte: Africa News
Link: http://www.africanews.com/2017/11/27/in-an-attempt-to-break-from-the-past-zimbabwean-president-emmerson-mnangagwa/

Etiopia – 20 morti e oltre 90 arresti in conflitto etnico

Addis Abeba riporta che più di 20 persone sono state uccise in uno scontro tra Oromos e il gruppo etnico somalo nell’Etiopia orientale.

Il portavoce governativo, Negeri Lenco ha affermato che 98 persone sono state arrestate nella regione di Oromia e cinque sono state arrestate nella regione somala. La disputa di frontiera di vecchia data e la maggiore presenza militare nelle regioni hanno innescato i recenti combattimenti, secondo l’Associated Press.

I funzionari hanno accettato di tentare di riconciliare le differenze ad aprile e le truppe sono state dispiegate sulle strade principali, ma gli scontri sono continuati. I combattimenti a settembre hanno portato alla morte di diverse dozzine di persone e causato lo sfollamento decine di migliaia di Oromos.

“Le persone stavano combattendo con tutti i mezzi a loro disposizione contro la polizia speciale somala”, ha detto Galagalo Daalacha, di etnia omoro, a The Associated Press sui combattimenti del venerdì nella zona di Borana. “Molte persone sono fuggite nella foresta dopo che le truppe sono entrate nell’area”.

I pesanti scontri lungo il confine tra Oromia e Somalia a settembre hanno provocato violenze etniche che hanno causato decine di morti e decine di migliaia di sfollati.

Oromia e gli Stati regionali somali sono stati bloccati in una disputa sulla delimitazione del loro confine comune da quasi due decenni.

Un referendum nell’ottobre 2004 avrebbe dovuto delimitare il confine tra i due Stati regionali, ma la sua attuazione è stata bloccata da allora, con entrambe le parti che si accusavano a vicenda di non conformità.

Il Governo etiope ha inoltre sottolineato la concorrenza per controllare il commercio illegale di Khat come un’altra causa del conflitto.

Khat, una leggera foglia stimolante che cresce nel territorio dell’Etiopia, viene masticata da milioni di etiopi, che la usano per aiutarli a condurre un lavoro, intraprendere studi a casa o usarli per scopi ricreativi.

Lo Stato regionale di Oromia è la più grande area di produzione di Khat in Etiopia, mentre lo Stato regionale somalo confina con la Somalia e Gibuti, le principali destinazioni straniere per le esportazioni di Khat in Etiopia.

Fonte: Africa News
Link: http://www.africanews.com/2017/11/27/20-perish-in-ethnic-conflict-in-ethiopia-with-over-90-others-arrested-by-police/

28 novembre, Etiopia – Nuove tensioni tra Il Cairo e Addis Abeba per la Diga della Rinascita

L’Etiopia sta proseguendo con la costruzione della sua massiccia nuova diga, nonostante le crescenti obiezioni da parte dell’Egitto.

Il controverso progetto ha teso i rapporti tra le due nazioni, perché l’Egitto, che si trova a valle, lo considera un rischio per il suo approvvigionamento idrico dal Nilo Azzurro.L’Egitto detiene da tempo i diritti di maggioranza sul Nilo e fa affidamento quasi interamente sul fiume per il suo fabbisogno idrico.

“La costruzione non si è mai fermata, e non si fermerà mai, fino a quando il progetto non sarà completato […] Non siamo preoccupati di ciò che pensa l’Egitto – l’Etiopia si è impegnata a beneficiare delle sue risorse idriche senza arrecare danno a nessuno”, ha affermato il Ministro dell’Irrigazione, Acque ed Elettricità dell’Etiopia Seleshi Bekele.

Una volta completata, la Grande Diga della Rinascita Etiope (GERD) sarà la più grande centrale idroelettrica dell’Africa e aiuterà a risolvere una crisi energetica nazionale in Etiopia.

Mentre la retorica sul progetto si intensifica, fonti hanno detto ad Al Jazeera che c’è una massima sicurezza intorno alla diga, con anche una no fly zone non dichiarata e difese antiaeree.

Ci sono state anche voci sui social media in Etiopia su possibili attacchi aerei da parte dell’Egitto volti a distruggere la diga di 1,7 chilometri.

Più del 60% della costruzione della diga è già stato completato, secondo gli ingegneri del sito.

La capacità finale della diga supererà i 6.000 megawatt, il che consentirà all’Etiopia non solo di soddisfare il fabbisogno energetico interno, ma permetterà anche che diventi un importante esportatore di elettricità in regioni lontane come il Sudafrica e l’Europa occidentale.

Fonte: Al Jazeera
Link: http://www.aljazeera.com/news/2017/11/egypt-ethiopia-tensions-dam-rise-171127143625140.html

Kenya – Kenyatta ha prestato giuramento come presidente del Kenya

Il presidente keniota Uhuru Kenyatta ha prestato giuramento per il secondo e ultimo quinquennio, un mese dopo aver vinto una replica elettorale controversa, segnata da ritardi e boicottaggio.

Kenyatta, 55 anni, ha vinto il 98% dei voti nel sondaggio di ottobre, che è stato boicottato dal principale leader dell’opposizione, Raila Odinga, che ha affermato che la votazione non sarebbe stata libera ed equa.

L’elezione è stata caratterizzata da una bassa affluenza alle urne e solo il 38% degli elettori registrati ha espresso il proprio voto: 7,6 milioni dei 19,6 milioni di elettori registrati.

Fonte: Al Jazeera
Link: http://www.aljazeera.com/news/2017/11/kenyatta-sworn-president-kenya-171128090325985.html

29 novembre, Sud Sudan – La violenza contro le donne nel Sud Sudan si manifesta al doppio del tasso medio globale

La “scala scioccante” della violenza contro donne e ragazze nel Sud Sudan è il doppio della media globale, secondo un nuovo studio.

Il primo rapporto completo sulla “grandezza, frequenza e brutalità” di tali violenze nelle zone di conflitto del Sud Sudan è stato pubblicato dall’International Rescue Committee e dall’Istituto Globale delle Donne della George Washington University.

Mentre la nazione più giovane del mondo si avvicina al suo quinto anno di guerra civile, lo stupro è stato spesso usato come arma sia dal governo che dalle forze di opposizione.

La guerra civile ha ucciso più di 50.000 persone, costretto più di due milioni a fuggire all’estero e precipitare parti del Paese in carestia.

Fino al 65% delle donne e delle ragazze intervistate per il nuovo studio hanno dichiarato di aver subito violenza sessuale o fisica. Più della metà delle donne ha riferito di abusi domestici. Le donne e le ragazze che vivono nel sito di protezione civile gestito dalle Nazioni Unite nella capitale, Juba, erano più vulnerabili alla violenza sessuale.

Il nuovo rapporto cita una “rottura dello stato di diritto” nel Sud Sudan, il che significa che i colpevoli restano impuniti.

“Come abbiamo visto nel Sud Sudan più e più volte da quando è iniziata questa guerra, le forze armate di tutte le parti hanno compiuto atti di violenza sessuale impunemente. È usato sia opportunisticamente sia come arma di guerra per intimidire, punire e abusare di civili “, ha detto Jehanne Henry, ricercatore senior in Africa per Human Rights Watch.

Le organizzazioni della società civile chiedono al governo del Sud Sudan e alle agenzie delle Nazioni Unite di creare una “strategia concreta” per combattere le violenze.

Fonte: The Independent
Link: http://www.independent.co.uk/news/world/africa/south-sudan-violence-women-global-average-conflict-zones-a8082696.html

30 novembre, Africa – Elefante africano a rischio estinzione

Gli elefanti sono a imminente minaccia di estinzione nell’Africa occidentale e centrale, ha dichiarato il Segretario Generale della Convenzione sul Commercio Internazionale delle Specie Minacciate (CITES) all’apertura della sua settantaseiesima settimana di commissione.

Mentre dal 2011 si osserva un costante declino del bracconaggio in tutto il continente africano, le uccisioni illegali di elefanti rimangono ad alti livelli che hanno superato gli aumenti dei tassi di popolazione.

Nel 2006, è iniziata un’ondata di uccisioni illegali di elefanti che è culminata nel 2011, quando 30.000 elefanti sono stati uccisi nel continente africano. Questa impennata portò all’inizio di uno sforzo globale per fermare il commercio dell’avorio illegale.

In oltre 25 Paesi identificati come facenti parte del commercio illegale di avorio come Stati di origine, di transito o di destinazione, il crimine in natura viene ora considerato un reato grave e non solo un reato commerciale. I trasgressori rischiano di dover affrontare anni di carcere per aver ucciso animali, aver acquistato avorio o facilitato il commercio.

Ciò ha portato a un costante declino del bracconaggio, con un sequestro record di avorio illegale da parte delle autorità e una diminuzione del suo valore.

Ma la situazione rimane desolante in paesi con una debole applicazione da lungo tempo delle leggi, corruzione e alti livelli di povertà. Le bande transnazionali possono ancora reclutare persone per il bracconaggio e inviare avorio illegale ai paesi di destinazione.

La CITES esaminerà anche durante la convenzione di una settimana il commercio illegale di pangolino, il bracconaggio dei rinoceronti e la protezione di totoaba e vaquita, due pesci prossimi all’estinzione.

Il commercio illegale di specie in via di estinzione è un mercato nero stimato a generare 20 miliardi di dollari ogni anno.

Fonte: Africa News
Link: http://www.africanews.com/2017/11/30/african-elephants-under-imminent-risk-of-extinction-cites/

01 dicembre, Camerun – I secessionisti del Camerun hanno ucciso sei tra soldati e poliziotti

I militanti in cerca di indipendenza delle regioni anglofone del Camerun hanno ucciso quattro soldati e due poliziotti in attacchi questa settimana, ha riportato il presidente Paul Biya giovedì, promettendo di eliminare i secessionisti come una minaccia alla pace.

Dozzine di civili sono stati uccisi da ottobre, dopo che il Governo ha represso i membri di un movimento che protestavano contro la loro emarginazione percepita dal Governo dominato dai francofoni del Camerun.

La repressione ha spinto molti tra le braccia di un movimento separatista un tempo marginale, che ha lanciato una serie di incursioni mortali prima delle elezioni presidenziali del 2018.

Fonte: Reuters
Link: https://uk.reuters.com/article/uk-cameroon-separatists/cameroon-secessionists-kill-six-soldiers-police-president-idUKKBN1DV4J9

Burkina Faso – Sforzi per fornire supporto gratuito ai pazienti affetti da AIDS

Il tasso di prevalenza dell’HIV / AIDS è stimato all’1% in Burkina Faso. Un tasso ufficiale che varia in base alle aree urbane, in particolare per le due grandi città del paese, Ouagadougou e Bobo Dioulasso, dove la curva sale al 2%. Tuttavia, in Burkina Faso si stanno compiendo notevoli sforzi per il trattamento farmacologico gratuito della pandemia. Questa è la missione dell’associazione ALAVI.

Presente a Bobo-Dioulasso, Ouagadougou e in altre 7 località del Burkina Faso, l’associazione ALAVI sostiene più di mille persone che vivono con l’HIV-AIDS. Venti persone viaggiano quotidianamente nella sede dell’associazione ALAVI, nella capitale del Burkina Faso, per testare l’HIV-AIDS.

Fonte: Radio France Internationale
Link: http://www.rfi.fr/afrique/20171201-burkina-faso-sida-prise-charge-malades-alavi-association

02 dicembre, Africa – Gli africani in diaspora hanno esortato a investire di più nei Paesi di origine

Potrebbero sembrare lontani da casa ma non hanno ancora dimenticato le loro radici. Nel 2016, l’Africa ha ricevuto più di 60 miliardi di dollari (secondo ADB in trasferimenti di azioni dalla diaspora). Questo ha contribuito enormemente allo sviluppo economico.

“L’immagine dell’Africa è stata parzialmente adattata principalmente attraverso gli africani in diaspora. A questo si aggiunge il contributo della diaspora sul piano economico. Oggi i trasferimenti di migranti superano in valore l’aiuto pubblico allo sviluppo. C’è un chiaro piano sul valore di questi contributi della diaspora”, ha detto Alioune Sall, un africano della diaspora.

Attraverso l’innovazione, le reti di ampia portata e la sensibilizzazione provata e vera, la diaspora sta prendendo il loro amore per l’Africa e la applica con ingegno per sempre.

Gli imprenditori e le organizzazioni della diaspora stanno allargando gli spazi nel continente per lo sviluppo e la crescita a guida africana. Iniziative come Villages in Action, SheaYeleen, Sierra Visions, Face Africa e Akili Dada sono solo alcuni degli sforzi di successo della diaspora lanciati in Africa con le comunità locali.

Fonte: Africa News
Link: http://www.africanews.com/2017/12/02/africans-in-diaspora-urged-to-invest-more-in-home-countries/

Nigeria – Attacco suicida assassina almeno 13 persone

Sospetti kamikaze di Boko Haram hanno ucciso almeno altre 13 persone in un attacco a un mercato nel nord-est della città nigeriana di Biu, nello Stato del Borno, hanno riportato oggi i funzionari.

Le esplosioni hanno colpito mentre gli operatori umanitari distribuivano cibo alle persone che vivono il conflitto con Boko Haram da otto anni, ha detto AliyuIdrisa, un leader della comunità.

Oltre alle 13 vittime, 53 persone sono rimaste ferite e due terroristi sono stati uccisi, ha detto Victor Isuku, portavoce della polizia per lo Stato del Borno.

L’attacco di sabato porta i segni distintivi di Boko Haram, che usa kamikaze, spesso donne e ragazze, per attaccare gli spazi pubblici affollati.

La scorsa settimana, un attentato suicida in una moschea nella città nord-orientale di Mubi ha ucciso almeno 50 persone, uno degli attacchi più mortali degli ultimi anni.

Il Governo ha detto che il suo piano a lungo termine per il nord-est è quello di riparare i civili all’interno delle città fortificate dei presidi e di cedere efficacemente la campagna a Boko Haram.

Quel piano e una serie di attacchi mortali hanno sollevato interrogativi sulle asserzioni del Governo e dell’esercito nigeriano secondo cui l’insurrezione islamista di Boko Haram è stata completamente cancellata.

Fonte: Reuters
Link: https://uk.reuters.com/article/uk-nigeria-security/suspected-boko-haram-suicide-bombers-kill-at-least-13-in-nigeria-officials-idUKKBN1DW0DX

03 dicembre, Africa – Migranti detenuti in Libia: l’Unione Africana chiede la mobilitazione

L’Unione africana ospiterà un incontro lunedì 4 dicembre ad Addis Abeba sulla questione dei migranti detenuti in Libia, che riunirà l’ONU e l’Unione europea. L’obiettivo è di attuare un piano di evacuazione dei migranti il più rapidamente possibile in collaborazione con l’OIM, l’Organizzazione internazionale per le migrazioni.

Dopo la trasmissione di un notiziario della CNN su un’asta di migranti, l’Unione africana ha inviato il commissario per gli affari sociali in Libia. Era lo scorso lunedì 27 novembre.

Fonte: Radio France Internationale
Link: http://www.rfi.fr/afrique/20171203-migrants-detenus-libye-ua-union-africaine-mobilisation-rapatriement

Featured Image Source: Wikimedia

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s