Rassegna settimanale 13 – 19 Novembre: Africa Subsahariana

13 novembre, Guinea – Comparizione davanti alla Corte d’Assise per soldati accusati di tortura

Sette anni fa la processione del Presidente della transizione in Guinea, il generale Sékouba Konaté, è stata brutalmente bloccata. Circa 20 persone furono poi arrestate, detenute e torturate arbitrariamente nel cortile della gendarmeria della squadra mobile Hamdallaye, un sobborgo di Conakry. Per questi atti di tortura, i soldati dovrebbero comparire davanti al tribunale penale della Corte distrettuale di Dixinn, nei pressi della periferia di Conarky, lunedì 13 novembre.

È la prima volta in Guinea che dei soldati compaiono davanti a una Corte d’Assise per casi di tortura. Tra gli imputati: l’ex capo di stato delle forze armate, Nouhou Thiam e l’ex governatore di Conakry, il comandante Sekou Resco Camara.

Per Florent Geel, direttore della Federazione Internazionale per i Diritti Umani per l’Africa (FIDH), è un processo molto simbolico che si apre questo lunedì.

Ci ricorda i fatti. “Il 22 ottobre 2010, il corteo del presidente della transizione, Sékouba Konaté, è stato bloccato al crocevia di Hamdallaye. Un’ora dopo, la guardia presidenziale ha arrestatp circa venti persone, che sono state poi portate alla gendarmeria e torturate gravemente, picchiate quasi a morte. Saranno quindi trasferiti in un altro luogo dove continueranno ad essere abusati. Tra le vittime è anche il Sig. Aliou Barry, all’epoca presidente di un organismo ufficiale per la difesa dei diritti umani. Aveva anche la gamba rotta.”

Questo è un primo passo contro l’impunità in Guinea.

Fonte: Radio France Internationale
Link: http://www.rfi.fr/afrique/20171113-guinee-militaires-comparaissent-cour-assises-actes-torture-sekouba-konate

Somalia – In migliaia in coda per eleggere il nuovo presidente in Somaliland, i social media bloccati

Migliaia di elettori si sono messi in coda da questa mattina per partecipare alla terza elezione presidenziale da quando il Somaliland si è dichiarato unilateralmente indipendente dalla Somalia nel 1991.

I seggi sono stati aperti alle 04:00 GMT e gli elettori avevano già creato una lunga coda con delle pietre, su cui hanno segnato il proprio nome, prima della mezzanotte, mentre in altri seggi gli elettori si sono messi in fila dalle ultime ore della notte del 12 novembre, dormendo nelle sezioni.

I siti dei social media sono stati bloccati lunedì mattina, come annunciato dalla Commissione Nazionale Elettorale (NEC), e la petizione depositata presso la Corte Suprema dal Somaliland Human Right Centre per fermare il blocco è ignorata.

Il NEC ha affermato la necessità di bloccare i social media per evitare la diffusione di false notizie e voci. Saranno poi sbloccati dopo la dichiarazione dei risultati, hanno aggiunto.

Il Paese sta usando per la prima volta il registro con il riconoscimento biometrico dell’iride dei votanti, primo caso di uno Stato africano che utilizzi questa tecnologia.

Un team di 60 osservatori elettorali internazionali provenienti da 24 Stati è stato dispiegato nel Paese dalla Missione Internazionale di Osservazione Elettorale (EOM) finanziata dal governo britannico, che hanno espresso soddisfazione per la preparazione alle elezioni.

Tre candidati stanno competendo per sostituire il quarto presidente del Somaliland, Ahmed Mohamed Silanyo, che ha deciso di non ricandidarsi per un secondo mandato.

Sabato i tre candidati hanno marciato insieme alla testa di un corteo organizzato dal NEC attraverso la capitale Hargeisa, tenendosi le mani per richiamare l’unità e la pace del Paese.

Il Somaliland ha svolto elezioni presidenziali di successo nel 2003 e nel 2010, tra cui elezioni parlamentari nel 2005. Le elezioni del 2017 sono state indicate per essere i primi sondaggi senza incidenti che si tengono nel Corno d’Africa da molti anni.

Fonte: Africa News
Link: http://www.africanews.com/2017/11/13/thousands-queue-to-vote-for-new-president-in-somaliland-social-media-blocked/

Uganda – Focolaio del virus Marburg in Uganda

Il governo ugandese ha recentemente segnalato lo scoppio di un focolaio della malattia da virus Marburg nell’est del Paese. Tutte e tre le persone che hanno contratto la malattia sono morte. Più di 100 persone sono in questo momento monitorate e le autorità sanitarie ugandesi sono col fiato sospeso aspettando che il periodo di incubazione del virus di 21 giorni passi – nella speranza di non avere ulteriori casi.

In media, la metà di coloro che vengono infettati dal virus Marburg muore e, comunque, i tassi di mortalità di coloro che sono vengono segnalati come casi infetti arriva fino all’88%. Fortunatamente, l’Uganda ha una buona primato nella gestione di epidemie virali, tra cui Marburg e il suo vicino cugino, Ebola.

L’ultimo focolaio di Marburg, nel distretto di Kween, confinante con il Kenya, è stato dichiarato quando il primo caso è stato confermato da prove di laboratorio. La paziente è morta in seguito, ma, purtroppo, aveva avuto contatti con i membri della famiglia, incluso uno che ha viaggiato in Kenya. È risultato, poi, che la paziente non era in realtà il primo caso dell’epidemia – il cosiddetto “caso di indice”.

Il caso dell’indice era un membro della famiglia cacciatore di selvaggina che viveva vicino a una grotta in cui vivono i pipistrelli, i portatori sani del virus Marburg. Presentava i sintomi della malattia da Marburg nel settembre del 2017, che non è stata però confermata dai test di laboratorio. In seguito morì.

Ciò ha suscitato una rapida e grande risposta dal Ministero della Salute ugandese e da gruppi internazionali come l’OMS, UNICEF e Medici Senza Frontiere. L’epidemia è gestita monitorando e isolando contatti stretti delle vittime e riducendo al minimo le possibilità di ulteriore trasmissione del virus. Queste misure si sono dimostrate estremamente efficaci per controllare i focolai di Ebola e Marburg in passato, quindi dovrebbero funzionare anche questa volta in quanto l’epidemia è stata identificata rapidamente dall’Istituto di Ricerca sui Virus dell’Uganda.

Fonte: The Independent
Link: http://www.independent.co.uk/life-style/health-and-families/marburg-virus-outbreak-in-uganda-what-you-need-to-know-a8051966.html

14 novembre, Unione Africana – Forum di Dakar: l’UA spera di “far fermare le armi in Africa entro il 2020”

Il Forum di Dakar è iniziato lunedì 13 novembre nella capitale senegalese. Questo incontro riunisce 800 interlocutori, attori politici, esperti, ricercatori, membri della società civile e vuole essere un luogo informale per discutere di questioni di sicurezza. Il primo giorno è stato caratterizzato dal dibattito tra i Capi di Stato e gli alti funzionari delle istituzioni presenti.

Sul grande palco, il primo a parlare lunedì al Forum di Dakar è Moussa Faki Mahamat, Presidente della Commissione dell’Unione Africana, che ha fissato il livello molto in alto: “L’Africa si è posta un obiettivo particolarmente ambizioso: per attenuare le armi entro il 2020”.

Fonte: Radio France Internationale
Link: http://www.rfi.fr/afrique/20171114-forum-dakar-ua-faire-taire-armes-afrique-ici-2020

Zimbabwe – L’esercito mette in guardia Mugabe contro le epurazioni e minaccia di intervenire

L’esercito ha avvertito il Presidente dello Zimbabwe Robert Mugabe, nonché capo del partito ZANU-PF, di porre fine alle epurazioni dei combattenti di liberazione nel partito o interverrà.

La minaccia è stata rilasciata in una conferenza stampa lunedì dal comandante dell’esercito Generale Constantino Chiwenga, che ha dichiarato che le lotte intestine nel partito sono una minaccia alla sicurezza del Paese.

“Purtroppo, dalla fine del 2015, il protocollo e le procedure del ZANU-PF sono cambiati permettendo accuse false e castighi pubblico che ormai sono l’ordine del giorno […]. Dobbiamo ricordare a coloro che si stanno insediando in questa situazione, che quando si tratta di proteggere le nostre rivoluzioni, i militari non esiteranno ad intervenire.”

“L’attuale epurazione, che mira chiaramente a colpire i membri del partito che provengono dai vecchi movimenti di liberazione, deve finire immediatamente. I noti elementi controrivoluzionari che hanno fomentato l’attuale instabilità devono essere individuati e fermati”, ha dichiarato il generale Chiwenga in presenza di oltre 90 capi dell’esercito.

Ha anche chiesto a tutti i membri del partito di poter votare durante il congresso straordinario di ZANU-PF.

Fonte: Africa News
Link: http://www.africanews.com/2017/11/14/zimbabwe-army-warns-mugabe-against-party-purge-or-they-will-step-in/

Liberia – Rumori e polemiche su un presunto accordo tra Weah e Sirleaf

In Liberia la Commissione Elettorale non ha ancora deciso in merito all’appello dell’opposizione. La Unity Party ha presentato una denuncia per frodi durante il primo turno delle elezioni presidenziali. La Corte Suprema ha sospeso il processo elettorale in attesa della decisione dei commissari.

Ancora non sappiamo quando i liberiani andranno alle urne e/o dovranno partecipare al secondo turno, che avrebbe dovuto aver luogo la scorsa settimana.

Nel frattempo, la controversia gonfia su un misterioso accordo tra il clan presidenziale e l’avversario George Weah, l’ex calciatore arrivato in vantaggio al primo turno. Robert Sirleaf, figlio del presidente, nega qualsiasi accordo tra il clan presidenziale e l’ex pallone d’oro.

Fonte: Radio France Internationale
Link: http://www.rfi.fr/afrique/20171114-liberia-polemique-accord-presume-weah-sirleaf-impunite

15 novembre, Zimbabwe – Colpo di Stato militare: Mugabe agli arresti domiciliari

Il Presidente Robert Mugabe, che ha governato lo Zimbabwe per quasi quattro decenni, ed è uno degli ultimi leader di liberazione africani ancora al potere, è agli arresti domiciliari mercoledì, ore dopo che l’esercito ha annunciato di averlo preso in custodia in quello che sembra essere un Colpo di Stato.

Nella capitale Harare, circa una mezza dozzina di carri armati si sono collocati attorno agli edifici governativi strategici e agli incroci. Ma i negozi e le banche sono rimasti aperti, e la maggior parte delle persone ha continuato la vita commerciale quotidiana, forse perché l’apparente Colpo di Stato è avvenuto senza violenza o resistenza. I soldati hanno bloccato la strada principale che porta all’aeroporto, che Mugabe, 93 anni, aveva ribattezzato la settimana scorsa.

I militari non hanno detto se Mugabe sia stato deposto come presidente, lasciando aperta la possibilità che possa rimanere in carica durante il periodo di transizione. Ma qualunque cosa gli accada, è apparso sempre più chiaro mercoledì che un’era sta per finire in Africa.

Sembra che il potere stia scivolando via da Mugabe mentre le forze esterne stanno determinando il suo destino.

Fonte: The New York Times
Link: https://www.nytimes.com/2017/11/15/world/africa/zimbabwe-coup-mugabe.html?rref=collection%2Fsectioncollection%2Fafrica&action=click&contentCollection=africa&region=stream&module=stream_unit&version=latest&contentPlacement=7&pgtype=sectionfront

Madagascar – Scomparsa delle sentenze per il massacro del 2009

In Madagascar, le sentenze della Corte d’appello di Antananarivo del 7 febbraio 2009 sono state fatte sparire. Nel paese la strage del 7 febbraio 2009 è ancora incisa in tutte le menti, giorno in cui la guardia presidenziale di Marc Ravalomanana, l’ex Capo di Stato, ha sparato sulla folla dei sostenitori di Andry Rajoelina, allora sindaco di Antananarivo, che si stava dirigendo verso il palazzo presidenziale. Un’indagine è stata aperta per trovare l’autore di questo furto.

Fonte: Radio France Internationale
Link: http://www.rfi.fr/afrique/20171115-madagascar-disparition-dossier-justice-tuerie-2009

16 novembre, Zimbabwe – La preoccupazione della regione per la crisi in Zimbabwe

Lo Zimbabwe è entrato nel suo secondo giorno di presa di potere militare e degli arresti domiciliari del presidente Robert Mugabe, mentre gli sforzi locali e regionali per risolvere la crisi sono in corso. Un gruppo di mediazione locale, che include due funzionari governativi e un prete cattolico, sono coinvolti nei colloqui per trovare una soluzione al confinamento di Mugabe.

Si prevede che i dignitari regionali della Comunità per lo Sviluppo dell’Africa Australe (SADC) si incontreranno per discutere della crisi, in una riunione che si svolgerà nel vicino Botswana, sede della SADC.

Giovedì il Ministro della Difesa e il Ministro della Sicurezza inviati da Johannesburg, dovrebbero tenere colloqui con il Presidente Mugabe e i generali dell’esercito, per rafforzare l’appello di Zuma per “calma e moderazione” e cautela nei confronti di una piena acquisizione militare.

Sebbene molti cittadini dello Zimbabwe sperano in un cambiamento dai 37 anni di governo di Mugabe, la maggior parte dei cittadini di Harare non è d’accordo con gli arresti domiciliari del Presidente.

Fonte: AL Jazeera
Link: http://www.aljazeera.com/news/2017/11/zimbabwe-crisis-extends-region-bids-solution-171116094505345.html

Nigeria – Autobomba uccide 10 persone

Secondo le dichiarazioni di un funzionario di un’agenzia umanitaria, mercoledì un attentatore suicida ha ucciso 10 persone e ne ha ferite 30 nella città di Maiduguri, nel nordest della Nigeria.
Il gruppo militante islamista di Boko Haram ha assassinato oltre 20.000 persone dal 2009, nel tentativo di creare uno Stato islamico nel bacino del lago Ciad.
Nessuna rivendicazione è arrivata in seguito all’attacco, che i funzionari di emergenza e membri di un gruppo di vigilanti approvato dal governo hanno riferito essere stato effettuato da quattro donne nel distretto Muna Garage di Maiduguri alle 06:00 circa. (1700 GMT). L’uso di attentatrici suicide è, però, un segno distintivo degli attacchi di Boko Haram.
“Fino ad ora abbiamo registrato 10 decessi e circa 30 vittime ferite”, ha riportato Bello Dambatta, portavoce dell’Agenzia di Emergenza Statale (SEMA).
Maiduguri è la capitale dello stato del Borno e la città più colpita dall’insurrezione jihadista. Almeno 221 persone sono state uccise da attacchi suicidi e assalti con armi da fuoco nella Nigeria nordorientale da giugno, secondo un conteggio Reuters.

Fonte: Reuters
Link: https://www.reuters.com/article/us-nigeria-security/suicide-bombers-kill-10-in-nigerias-maiduguri-emergency-official-idUSKBN1DF2UA

Africa – L’amministrazione Trump vuole revocare il divieto di importazione di avorio “trofeo”

L’amministrazione Trump inizierà a permettere ai cacciatori di portare negli Stati Uniti parti di elefanti come trofei uccisi in Zimbabwe, invertendo il divieto del 2014 su una pratica che ha ricevuto un intenso controllo negli ultimi anni.

Sebbene gli elefanti africani siano protetti dalla legge sulle specie minacciate di estinzione, la legge americana consente al Ufficio per la Pesca e la Fauna Selvatica (FWS) degli Stati Uniti di autorizzare l’importazione di trofei, se l’agenzia scopre che le caccie in cui gli animali sono stati uccisi contribuiscono alla sopravvivenza della specie stessa.

Gli Stati Uniti hanno vietato tali importazioni dallo Zimbabwe nel 2014 a causa della mancanza di dati sugli sforzi di conservazione dei pachidermi nel Paese. Ora l’agenzia degli Stati Uniti afferma di essere soddisfatta delle azioni dello Zimbabwe e ritiene che tali caccie possano essere benefiche per la specie, portando denaro alle comunità locali e fornendo incentivi per la conservazione degli elefanti.

“Dalle nostre scoperte del 2014 e 2015, ci sono forti indicazioni che gli sforzi dei proprietari terrieri privati ​​e dei consorzi per gestire gli elefanti all’interno delle loro aree di controllo, che hanno ricevuto un maggiore sostegno”, ha detto l’agenzia federale in un avviso pubblicato nel registro federale venerdì.

Il governo dello Harare, ha aggiunto, sta contribuendo agli sforzi per combattere il bracconaggio e lavorare con i partner per migliorare la gestione degli elefanti.

L’annullamento del divieto arriva meno di due settimane dopo che l’agenzia si è trasferita per consentire le importazioni dallo Zambia. Entrambe le decisioni si applicano generalmente agli elefanti cacciati in entrambi i paesi tra il 2016 e il 2018. I cacciatori hanno diritto a due importazioni all’anno.
I trofei di caccia possono includere qualsiasi numero di parti del corpo, comprese le zanne. Nel 2016, il governo federale, sotto la presidenza del presidente Barack Obama, ha imposto un divieto quasi totale al commercio di avorio derivante da elefante africano, anche se i trofei sono stati esentati da tale divieto.

La popolazione di elefanti africani è drasticamente diminuita negli ultimi dieci anni, diminuendo di circa il 30% tra il 2007 e il 2014, secondo il Censimento dei grandi elefanti, uno sforzo finanziato dal filantropo e co-fondatore di Microsoft Paul Allen.
Dal censimento si evince che Zambia e Zimbabwe stanno stano avendo successo nel mantenimento e nella crescita delle loro popolazioni di elefanti.

Fonte: The New York Times
Link: https://www.nytimes.com/2017/11/16/world/africa/trump-elephant-trophy.html?rref=collection%2Fsectioncollection%2Fafrica

17 novembre, Zimbabwe – Dopo il Colpo di Stato, anche il partito di Mugabe lo sta abbandonando

Il partito di Governo dello Zimbabwe si è mosso venerdì per espellere il Presidente Mugabe dai suoi incarichi, muovendo i primi passi per cacciare del tutto il 93enne dopo il Colpo di Stato di mercoledì. La maggior parte dei leader del partito ZANU-PF ha richiesto l’espulsione di Mugabe dal partito che lui stesso ha creato e che ha controllato dall’indipendenza del Paese nel 1980.

I militari continuano a sostenere che il loro non è stato un Colpo di Stato, ma i leader del partico stanno cercando una copertura politica per il loro intervento. Il comitato centrale dell’organizzazione, il Parlamento e il gabinetto di Mugabe possono ora muoversi per portare a termine la sua presidenza, nel caso in cui lui non rassegni le proprie dimissioni.

Dopo la mossa dei militari di mercoledì, ora anche i membri del partito stanno omologando gli sforzi di stabilizzare l’economia del Paese e stanno cercando di evitare l’instabilità politica ad Harare, appoggiando quindi di fatto il colpo di Stato.

Fonte: The New York Times
Link: https://www.nytimes.com/2017/11/17/world/africa/zimbabwe-robert-mugabe.html?rref=collection%2Fsectioncollection%2Fafrica&action=click&contentCollection=africa&region=stream&module=stream_unit&version=latest&contentPlacement=7&pgtype=sectionfront

Africa – Dopo la revoca dell’importazione di trofei di caccia all’elefante, ora revoca anche il divieto per i trofei leonini

Gli Stati Uniti hanno iniziato a rilasciare i permessi per importare i resti di leoni cacciati in Zambia e Zimbabwe circa un mese fa, secondo un nuovo rapporto.

È diventato più difficile per i cacciatori americani portare a casa i trofei di leone nel 2016, dopo che l’omicidio del leone Cecil in Zimbabwe da parte di un dentista del Minnesota ha scatenato l’indignazione globale.

Il FWS ha designato i leoni dell’Africa centrale e occidentale come “in via di estinzione”, e hanno impedito ai cacciatori di trasportare parti di leone – sia che fossero una testa, una zampa o una pelle di leone – negli Stati Uniti.

Ma il FWS ha iniziato a rilasciare i permessi per importare nuovamente i trofei di leone il 20 ottobre di quest’anno, ha riferito ABC News. L’agenzia ha dichiarato che occorrono almeno 45 giorni per ottenere l’approvazione di un permesso e non è chiaro se questo sia già avvenuto con le singole domande.

Il FWS ha detto che ha fatto la mossa dopo aver deciso che la caccia regolamentata potrebbe aiutare a finanziare gli sforzi di conservazione.

Le notizie sull’importazione di trofei leone arrivano dopo che l’amministrazione di Donald Trump ha abolito il divieto dell’era Obama sulle importazioni di resti di elefanti dagli stessi due paesi africani.

Fonte: The Independent
Link: http://www.independent.co.uk/news/world/americas/donald-trump-lion-trophy-import-ban-lifts-game-hunting-legal-body-parts-zimbabwe-zambia-a8060381.html

18 novembre, G5 Sahel – A Washington i diplomatici africani insistono sulla questione del Sahel

Trentasette Ministri degli Esteri africani si sono incontrati venerdì 17 novembre a Washington su invito del Segretario di Stato americano Rex Tillerson. Questo è stato il primo importante incontro diplomatico tra l’amministrazione Trump ed emissari del continente.

Rex Tillerson, ex capo di un’importante compagnia petrolifera, è stato un forte sostenitore dello sviluppo economico e degli investimenti in Africa, ma il presupposto per garantire lo sviluppo è la sicurezza. E gli africani hanno insistito sulla questione del Sahel.

Soulemane Zeraboussa, Ministro del Commercio della Costa d’Avorio: “Speriamo che gli Stati Uniti facciano di più per il G5 Sahel. Ne parliamo con molta insistenza perché c’è necessità di pace e stabilità nella regione”.

Gli americani hanno rilasciato sessanta milioni di dollari, ma non direttamente per la forza del G5, posizione che infastidisce Mamadi Toure, Ministro degli Esteri della Guinea: “Avremmo preferito l’assistenza alla forza congiunta.”

Donald Yamamoto, Vice Segretario di Stato americano per l’Africa, ha tuttavia affermato che “il Burkina Faso riceverà parte di questo denaro, come il Niger, la Mauritania, il Mali, il Ciad. E penso che in questo modo possiamo soddisfare le esigenze specifiche di questi Paesi e ottenere risultati molto migliori.”

Il Segretario di Stato americano ha, inoltre, promesso di visitare presto l’Africa. Ha menzionato un tour all’inizio del 2018.

Fonte Radio France Internationale
Link: http://www.rfi.fr/ameriques/20171118-etats-unis-afrique-g5-sahel-finances-diplomatie-defense-terrorisme

Guinea – Il partito di Governo vince le elezioni

Il Partito Democratico della Guinea Equatoriale (PDGE), che è al potere per quasi 40 anni, ha vinto ancora una volta le elezioni legislative e municipali del 12 novembre con quasi il 100% dei voti.

Il presidente della Commissione Elettorale Nazionale, Clemente Engonga Nguema Onguene, ha annunciato venerdì che il PDGE e i suoi 14 partiti alleati hanno ottenuto tutti i 75 seggi in Senato.

Alla Camera dei Deputati di Malabo è stato eletto un solo membro dell’opposizione del Partito dei Cittadini per l’Innovazione (CI), lasciando 99 seggi al partito al governo.

Circa 300.000 elettori della Guinea Equatoriale sono stati chiamati alle urne del Paese, in cui il sistema multipartitico è stato introdotto nel 1991, ma è guidato dal Presidente Teodoro Obiang Nguema dal 1979. Ora ha 74 anni, uno dei presidenti più longevi in Africa.

L’opposizione ha denunciato più “brogli” e “irregolarità” il giorno del voto, poiché l’accesso a Internet è stato interrotto e restava molto limitato fino all’annuncio dei risultati di venerdì sera.

L’affluenza alle urne è stata dell’84%, ha detto il presidente della Commissione elettorale che ha ribadito che “nessuna protesta dei risultati o delle dichiarazioni è stata registrata.

Fonte: Africa News
Link: http://www.africanews.com/2017/11/18/equatorial-guinea-ruling-party-wins-elections/

Sierra Leone – Campi chiusi per gli sfollati della frana di fango

Nonostante le promesse di risarcimento e di alloggio, i sopravvissuti alla frana in Sierra Leone affermano di non aver ancora ricevuto l’aiuto, mentre il Governo ordina il loro trasferimento nei campi di stazionamento per coloro le cui case sono state distrutte.

I campi per i sopravvissuti alla frana di fango della Sierra Leone, che ha ucciso centinaia di persone ad agosto, sono stati chiusi, lasciando molti con nessun posto dove andare.

Il Governo vuole spostare i senzatetto in 1.000 nuove case che sta costruendo, ma la edificazione è lungi dall’essere completa.

Le autorità governative hanno riportato che nessuno sarà costretto a lasciare i campi senza risarcimento e alloggio, ma molte vittime stanno cominciando a chiedersi se riceveranno ciò che è stato loro promesso.

Fonte: Al Jazeera
Link: http://www.aljazeera.com/news/2017/11/camps-shut-sierra-leones-mudslide-survivors-171118121802949.html

19 novembre, Zimbabwe – Mugabe tiene il suo discorso televisivo ma non annuncia le sue dimissioni

Robert Mugabe ha parlato ai suoi compatrioti dalla televisione di Stato domenica sera, ma non ha annunciato le sue dimissioni, come le fonti del suo entourage avevano suggerito dopo l’ultimatum annunciato nel pomeriggio da parte del suo partito.

Infatti, ZANU-PF ha dimesso il 93enne dalla presidenza del partito al Governo e gli ha concesso 24 ore di tempo per rinunciare alla presidenza del Paese a pena di licenziamento dal Parlamento.

Nel suo discorso alla televisione, Robert Mugabe ha affermato che l’intervento dell’esercito, che lo ha messo agli arresti domiciliari questa settimana, non ha mai messo in discussione la sua autorità di Capo di Stato e comandante capo delle forze armate.

Pur prendendo atto delle preoccupazioni “legittime” dei militari, egli non ha menzionato un possibile abbandono del potere e ha assicurato che presiederà il Congresso del ZANU-PF a dicembre: “Il congresso si terrà nelle prossime settimane. Prenderò la parola al dibattito”, ha detto con sorpresa di tutti, poche ore dopo essere stato rimosso dal suo incarico di presidente del partito.

I “War Vets”, veterani della guerra di indipendenza, hanno invitato gli zimbabwani a protestare dopo il discorso di Robert Mugabe. “Questo discorso è totalmente disconnesso dalla realtà. Sosterremo qualsiasi procedimento di impeachment e inviteremo la popolazione a protestare mercoledì”, ha detto il capo della potente associazione dei veterani Chris Mutsvangwa dopo trasmesso l’indirizzo del Presidente dello Zimbabwe.

Fonte: Radio France Internationale
Link: http://www.rfi.fr/afrique/20171119-zimbabwe-robert-mugabe-grace-zanu-pf-emmerson-mnangagwa-harare

Africa – Israele pronta a deportare 40.000 rifugiati africani contro la loro volontà

Il primo ministro israeliano ha detto che ha raggiunto un “accordo internazionale” che ha permesso al suo paese di deportare circa 40.000 rifugiati africani. I richiedenti asilo, principalmente dal Sudan e dall’Eritrea, sono entrati in Israele attraverso la penisola del Sinai in Egitto all’inizio e alla metà degli anni 2000.

Il gabinetto del primo ministro Benjamin Netanyahu ha anche approvato i piani per chiudere il centro di detenzione dei migranti di Holot nel sud di Israele e ha dato ai richiedenti asilo un termine di tre mesi per lasciare il paese o affrontare la deportazione.

Il governo israeliano afferma che i migranti africani sono “infiltrati” e non veri rifugiati. “Gli infiltrati avranno la possibilità di essere incarcerati o di lasciare il paese” ha detto in una nota il Ministero della Pubblica Sicurezza israeliano.

“Questa rimozione è consentita grazie a un accordo internazionale che ho raggiunto e che ci consente di rimuovere i 40.000 infiltrati rimasti senza il loro consenso, aspetto molto importante”, ha dichiarato Netanyahu all’inizio della riunione del suo gabinetto. “Questo ci consentirà di chiudere Holot e destinare alcuni dei grandi fondi destinati agli ispettori e rimuovere più persone”, ha aggiunto il primo ministro.

Non è chiaro se i richiedenti asilo africani verrebbero rispediti in patria o in uno stato terzo. In una dichiarazione su Twitter, Gilad Erdan, Ministro della Sicurezza Pubblica israeliano, ha affermato che la chiusura di Holot è stata condizionata dal fatto che “noi vedevamo che la politica di rimozione degli infiltrati in uno Stato terzo stava effettivamente avendo luogo”. Né Erdan né Netanyahu hanno fornito dettagli sul paese terzo.

Gli attivisti dicono che i rifugiati dal Sudan e dall’Eritrea non possono tornare alle loro “pericolose” patrie.

“Invece di allontanare i rifugiati che sono nel suo territorio, Israele può e dovrebbe proteggere i richiedenti asilo come fanno altri Stati del mondo, al posto di imprigionarli o deportarli per continuare il viaggio come rifugiati”, ha detto una coalizione di organizzazioni per i diritti umani in Israele.

Fonte: Deutsche Welle
Link: http://www.dw.com/en/israel-to-deport-40000-african-refugees-without-their-consent/a-41443084

Featured Image Source: Wikimedia

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s