Rassegna stampa 25 settembre -1 ottobre: Giappone e Corea del Sud

25 settembre, Corea del Sud – Con l’inasprimento delle tensioni geopolitiche vengono regalati kit di sopravvivenza per il Chuseok

I media internazionali hanno riportato una certa calma tra i coreani, nonostante l’elevata tensione causata dai test nucleari e missilisti della Corea del Nord. Tuttavia, sembra che l’opinione pubblica abbia iniziato ad interessarsi ai kit di sopravvivenza in previsione di una possibile guerra.
Secondo l’agenzia di notizie Yonhap, una compagnia di spedizione avente base a sud di Seul ha iniziato a distribuire kit di sopravvivenza ai propri dipendenti la scorsa settimana come regalo per la tradizionale festa del ringraziamento coreano nota come Chuseok.
La compagnia avrebbe dichiarato: “stiamo distribuendo kit di sopravvivenza con strumenti d’emergenza in considerazione delle attuali circostanze. Ci sono 15 oggetti incluso uno zainetto. Venite a prendere la vostra borsa presso gli affari generali.”
Una foto della borsa è apparsa su un forum di una comunità online.
Contiene razioni da campo, un lenzuolo, un sacco a pelo ultra leggero, un kit da pronto soccorso, una maschera anti gas, una radio portatile, una torcia, una bussola, un impermeabile, scalda mani e un coltellino svizzero.
L’interesse per i kit di sopravvivenza e la preparazione alla guerra sta crescendo anche tra l’opinione pubblica.
Se si cerca “borsa di sopravvivenza” nel principale motore di ricerca coreano, i risultati comprenderanno una lista di negozi, e-commerce e post sulle comunità online.
“Non pensavo che potesse davvero iniziare la guerra, però poi ho iniziato a vedere le persone intorno a me comprare i kit e mi sono ricordato delle parole di mia nonna secondo cui la Guerra di Corea (1950-1953) è scoppiata all’improvviso, all’alba,” si legge in uno dei post su un forum.
“Ho ordinato il necessario e riporrò gli zaini vicino alla porta d’ingresso. Qualcuno ha già iniziato a fare scorte?”
Un altro commento legge: “Mio marito sta pensando di comprare uno scooter, sembra che siano popolari nei periodi di guerra.”
Un altro: “Mio nonno ci ha detto di scrivere i nomi e i dettagli personali dei nostri figli su dei fogli e attaccarli ai loro vestiti.”
La ricerca dell’hashtag “zainodasopravvivenza” in coreano su Instagram mostra foto di kit reali che le persone hanno messo insieme così come altre informazioni. Sono riapparsi dopo il 3 settembre, quando Pyongyang ha condotto il suo sesto test nucleare. Prima, le foto dei kit di sopravvivenza erano state postate l’anno scorso dopo un terribile terremoto di 5.8 magnitudo avvenuto della città sud orientale di Gyeongju.
Nonostante alcuni accusino questo genere di marketing di aumentare la paura, altri preferiscono essere previdenti.
Yonhap ha definito queste persone come “neo-preppers”, facendo riferimento al termine generico di “preppers”, ovvero a individui o gruppi che si preparano ad emergenze, inclusi disordini politici e sociali.

Fonte: The Korean Times
Link: http://www.koreatimes.co.kr/www/nation/2017/10/714_236963.html

26 settembre, Giappone – Il nuovo partito nazionale di Koike inizia con grinta mentre Abe si prepara a sciogliere la Camera Bassa

Fonti vicine a Koike hanno dichiarato che l’annuncio a sorpresa della Governatrice di Tokyo Yuriko Koike in cui ha espresso l’intenzione di diventare presidente di un nuovo partito nazionale, il Kibo no To (Partito della Speranza), è essenzialmente una dichiarazione di guerra contro il Partito Liberal Democratico del Primo Ministro Abe.
“Fonderò (un nuovo partito). Sarò coinvolta in prima persona,” ha dichiarato Koike durante una conferenza stampa lunedì.
I consiglieri di Koike avevano in precedenza detto che sarebbe diventata al massimo co-presidente del nuovo partito. Nemmeno i suoi consiglieri più fedeli erano a conoscenza dei suoi progetti fino a poco prima della conferenza stampa.
“È intesa come una sorpresa per dimostrare al primo ministro che saranno dei nemici, e non degli alleati,” ha dichiarato un parlamentare che si è incontrato con Koike il giorno prima, facendo riferimento alla decisione di Koike di fare l’annuncio poco prima la conferenza stampa di Abe in cui annunciava i suoi piani per sciogliere la Camera Bassa per tenere delle elezioni a sorpresa.
Durante un’intervista a Kyodo News di lunedì, Koike ha detto che metterà in campo candidati in tutti i blocchi per avere una rappresentazione proporzionata e molti altri nei distretti elettorali specialmente nelle regioni di Kanto e Kansai.
Ha in programma di schierare molti non politici – soprattutto donne – come aveva già fatto per le elezioni dell’assemblea di Tokyo a luglio.
“A livello nazionale, dobbiamo convincere sulle politiche di sicurezza. La questione della Costituzione è importante,” ha detto, lasciando intendere che i candidati del Kibo no To debbano essere a favore della riforma costituzionale.
Alla conferenza di lunedì, Koike si è espressa con cautela su un possibile aumento della tassa sul consumo ad ottobre 2019.  L’aumento della tassa “potrebbe gettare acqua al mulino della ancora stagnante ripresa economica,” ha dichiarato Koike.
Koike ha aggiunto che le politiche chiave del nuovo partito includeranno la modifica della riforma costituzionale, amministrativa e di quella fiscale.
Farà parte del nuovo partito anche il Direttore della Commissione Nazionale per la Pubblica Sicurezza, Jin Matsubara, che ha consegnato le dimissioni dal Partito Democratico questo lunedì. Altri membri del PD potrebbero cambiare sponda prima delle elezioni generali. Il parlamentare PD Mito Kakizawa ha detto ai propri sostenitori che starebbe considerando la possibilità.
Altrove, Mineyuki Fukuda, un ministro anziano dell’Ufficio di Gabinetto del governo Abe, ha dichiarato che lascerà il partito di governo per unirsi a quello nuovo.
Koike ha anche aggiunto che non le interessa che il suo partito cooperi con il PD, sottolineando l’importanza della collaborazione basata sulle politiche.
Ha dichiarato che la sua cooperazione con Komeito, facente parte della coalizione del PLD, nell’assemblea metropolitana potrà continuare.
Tuttavia adesso che Koike sarà presidente di un partito nazionale, Komeito sta considerando l’idea di concludere l’alleanza, almeno secondo fonti di partito. Komeito durante le elezioni dell’assemblea di luglio ha collaborato con il Tomin First e non con il PLD.
“Abbiamo collaborato nelle elezioni e in varie questioni perché ci aspettavamo che (Koike) si focalizzasse su Tokyo,” ha dichiarato ai giornalisti Kunihiro Higashimura, membro dell’assemblea e funzionario anziano del Komeito a Tokyo. “La nostra fiducia nella governatrice è stata tradita.”

Fonte: The Japan Times
Link: https://www.japantimes.co.jp/news/2017/09/26/national/politics-diplomacy/koikes-new-national-party-hits-ground-running-abe-prepares-dissolve-lower-house/

27 settembre, Giappone – La donna in una foto ritrovata da un gruppo per le vittime di rapimento di Seul potrebbe essere una delle giapponesi rapite.

Il governo ha ricevuto la foto di un matrimonio in cui compare una donna che si pensa possa essere una cittadina giapponese rapita dalla Corea del Nord; la foto è stata inviata da un gruppo di sostegno– con base a Seul – per i familiari dei cittadini sud coreani che si pensa siano stati rapiti dal Nord.
Choi Sung-yong, leader del gruppo, ha detto che alcuni funzionari del Ministero degli Esteri hanno fatto visita agli uffici dell’Unione delle Famiglie dei Rapiti a Seul e hanno portato via la fotografia in bianco e nero – probabilmente ritrae Kyoko Matsumoto della Prefettura di Tattori – dopo aver fatto alcune domande inclusa una sulle modalità con cui erano entrati in possesso della foto.
Se le indagini di Tokyo confermassero l’identità della donna nella foto come Matusmoto, che fu rapita da agenti nord coreani nel 1977 quando aveva 29 anni, Choi ha dichiarato che sarebbe felice di cooperare e chiedere altri dettagli alla persona che ha mostrato la foto al gruppo.
Senza scendere nei dettagli, Choi ha detto che ha ricevuto la foto da una persona che ha familiarità con la questione dei rapimenti a Pyongyang, circa 4 mesi fa.
Sulla posizione attuale di Matsumoto, Choi ha detto che è stata ricoverata in un ospedale della capitale nord coreana.
Nella sua ultima intervista, Choi ha dichiarato – facendo riferimento a informazioni ricevute – che Matsumoto è attualmente tenuta sotto sorveglianza in un edificio a Kaechon.
Mercoledì, dopo che la foto è stata pubblicata, la Prefettura di Tottori ha chiesto ulteriori informazioni al governo centrale.
Il governo della prefettura ha chiesto conferma dell’identità della donna nella foto. Ha anche trasmesso il messaggio del fratello maggiore di Matsumoto che chiede che tutti i cittadini giapponesi rapiti possano tornare a casa presto.
Secondo la prefettura, il fratello maggiore di 70 anni, Hajime, ha dichiarato che non è sicuro che la donna nella foto sia sua sorella e si domanda da dove arrivi la foto.
“Sarei davvero grato se quella nella foto fosse mia sorella. Spero che torni a casa presto,” avrebbe detto nel messaggio.
In risposta, secondo quanto riferito dal governo della prefettura, la task force del governo centrale che si occupa della questione dei rapimenti ha rifiutato di parlare dei singoli casi, inclusa l’autenticità della foto.
Kyoko Matsumoto è scomparsa mentre si avviava ad una lezione di cucito vicino a casa sua a Yonago il 21 ottobre 1977. All’epoca, la polizia rivelò segnali radio sospetti.
Nel 2006, è stata riconosciuta dal governo giapponese come una delle cittadine rapite dagli agenti nord coreani.

Fonte: The Japan Times
Link: https://www.japantimes.co.jp/news/2017/09/28/national/tokyo-presented-seoul-wedding-photo-believed-pyongyang-abductee-kyoko-matsumoto/

28 settembre, Corea del Sud – Un’altra morte da arma da fuoco sospetta nella contea del confine intra-coreano.

Un soldato coreano di stanza nella contea di Cheorwon vicino al confine intra-coreano, nella Provincia di Gnagwon, è morto per un colpo sospetto di arma da fuoco alla testa questo martedì, l’ultimo di una serie di incidenti mortali.
La vittima, 22 anni, il cui nome non è stato rivelato, stava ritornando al suo plotone con altri 20 soldati e il loro comandante dopo il lavoro quando il proiettile lo ha colpito. Chi ha sparato e da dove è al momento un mistero.
L’incidente è avvenuto alle 16:10 circa. Il soldato è stato trasportato all’ospedale ma è morto alle 17:20.
Secondo i resoconti dei media, il proiettile deve essere arrivato da un raggio militare d’azione di 400 metri dal luogo dell’incidente.
Tuttavia un utente internet che afferma di essere un familiare della vittima ha dichiarato che la colpa sarebbe del comandante. Il familiare, che ha vegliato sul cadavere al Comando Medico delle Forze Armate di Seongnam, nella Provincia di Gyeonggi, ha detto che il comandante del plotone ha condotto i soldati “proprio nella linea di tiro mentre un’esercitazione era in corso.”
“Il comandante è stato irragionevole. Avrebbe potuto causare la morte di 28 soldati. Questo comandante incompetente ha portato i soldati, che sono giovani come i suoi figli, nella linea di tiro.”
A marzo 2013, un membro di un plotone dell’esercito di turno lungo il confine nella Provincia di Gyeonggi è stato trovato morto. La vittima, di cognome Kim, 21 anni, aveva detto a un altro soldato di dover andare in bagno. L’altro soldato ha poi sentito uno sparo e trovato Kim morto.
Ad aprile 2010 un soldato di un plotone nella contea è stato trovato morto da altri due soldati. La vittima, che stava facendo la guardia da un avamposto, è stata trovata con un colpo di arma da fuoco al petto.
Le autorità militari hanno riscontrato che il proiettile è stato sparato dal fucile della vittima e hanno quindi concluso che si sia trattato di suicidio. Tuttavia la famiglia della vittima sostiene che il figlio sia stato assassinato.

Fonte: The Korean Times
Link: http://www.koreatimes.co.kr/www/nation/2017/10/251_237101.html

29 settembre, Giappone – Il Partito Democratico si scioglie a tutti gli effetti aumentando il sostegno al partito di Koike per le elezioni della Camera Bassa

Con una mossa drammatica che cambierà sicuramente il volto della politica nazionale, il Partito Democratico di centro sinistra mercoledì ha deciso di sciogliere effettivamente il proprio gruppo alla Camera Bassa e di unirsi al Kibo no To (Partito della Speranza), il nuovo partito conservatore guidato dalla governatrice di Tokyo Yuriko Koike.
L’effettiva e improvvisa morte della forza d’opposizione più grande del paese potrebbe trasformare le elezioni del 22 ottobre in una corsa a due tra le forze conservatrici: il Partito Liberal Democratico del Primo Ministro Shinzo Abe e il Kibo no To.
Il sostegno dell’opinione pubblica al PD è andato scemando per mesi, e il partito era destinato ad essere pesantemente sconfitto alle prossime elezioni.
La proposta di spostare la propria lealtà al movimento di Koike, fatta dal presidente del partito Seiji Maehara, è stata approvata all’unanimità durante un incontro dei parlamentari del PD quello stesso giorno. Secondo il progetto, tutti i candidati alle elezioni del PD hanno ricevuto richiesta di abbandonare il partito e di fare domanda per il Kibo no To.
Tuttavia rimane incerto quanti membri del PD verranno accettati dal Kibo no To. Durante un’intervista televisiva di mercoledì, Koike, una conservatrice con tendenze di destra, ha dichiarato che il suo partito sceglierà candidati dal PD dopo aver preso attenta considerazione delle loro opinioni sulla riforma costituzionale e altre questioni di sicurezza. Il commento è stato interpretato come la volontà da parte del Kibo no Toi di rifiutare qualsiasi parlamentare del PD che abbia tendenze di sinistra.
Secondo gli osservatori questo significa che dopo le elezioni del 22 ottobre la potente Camera Bassa potrebbe essere dominata dai due principali partiti conservatori.
“Ho fatto questa proposta dopo aver ragionato su cosa avrebbe potuto causare un cambio di potere,” ha dichiarato Maehara ai parlamentari PD durante l’incontro. “Dobbiamo porre fine all’amministrazione Abe e creare un sistema bipartitico.”
Secondo il programma di Maehara, il PD darà “pieno sostegno” al partito di Koike durante le campagne elettorali, incluso supporto finanziario per gli ex membri del PD che correranno per le elezioni sotto il Kibo no To.
I parlamentari del PD della Camera Alta manterranno la loro affiliazione al partito e le organizzazioni.
Non sono ancora state decise le modalità con cui il gruppo PD della Camera Alta e il Kibo no To si coordineranno le loro piattaforme politiche prima delle elezioni della Camera Bassa.
I parlamentari del partito di governo sono stati veloci nel criticare la mossa di Maehara e definirla una manovra politica che ha fallito nello stilare un accordo con il Kibo no To sulle politiche chiave.
“Quello che importa non è la combinazione dei partiti, ma quali politiche sostengono. Gli elettori sono interessati a quello e giudicheranno di conseguenza” durante le elezioni, ha dichiarato il Capo Gabinetto Yoshihide Suga durante la conferenza stampa di giovedì.
Il partito di Koike, che è stato ufficializzato lunedì, finora ha sostenuto alcune politiche concrete in pubblico, a parte il congelamento del pianificato aumento delle tasse sul consumo ad ottobre 2019 e l’abbandono dell’energia nucleare in un futuro prossimo.
Maehara sostiene che le entrate dall’aumento delle tasse dovrebbero essere utilizzate per garantire istruzione gratuita e asili nido ai bambini.
Ha anche dichiarato che le leggi sulla sicurezza del 2015, che hanno aumentato ambito giuridico del supporto giapponese all’esercito americano in tempo di crisi, sono incostituzionali. Tuttavia Koike ha ribattuto che le leggi sono necessarie per affrontare la minaccia militare nord coreana.
Durante la conferenza di giovedì, Maehara ha dichiarato di aver raggiunto un accordo con Koike su alcune questioni politiche ed è ottimista sul raggiungere un consenso sulle questioni di sicurezza. Non ha offerto altri dettagli.
Un membro anziano del PD, che ha parlato chiedendo di rimanere anonimo, ha dichiarato che il focus della decisione di Maehara era di sconfiggere il PLD evitando la sovrapposizione di candidati del PD e del Kibo no To.
“I media continuano a parlare di ideali e proposte politiche di un partito. In realtà questa è strategia elettorale per schierare i candidati,” ha dichiarato il parlamentare PD.
Effettivamente, Abe ha apparentemente scelto di sciogliere la Camera Bassa questo giovedì per sfruttare la debolezza e disorganizzazione dei partiti d’opposizione.
Si pensava che il Koike fosse ancora alle fasi iniziali dello stabilire un nuovo partito nazionale, e la percentuale di sostegno del PD era molto più bassa rispetto a quella del PLD.
Giovedì, il Kibo no To aveva solamente 14 rappresentanti e mancava di un’organizzazione nazionale che potesse sostenere i candidati. Tuttavia, accettando ex parlamentari del PD come candidati, il partito può ricevere sostegno dalla macchina organizzativa locale del PD, incluso l’aiuto della Confederazione dei Sindacati Giapponesi, l’organismo nazionale più grande per i sindacati dei lavoratori meglio conosciuto come Rengo.
In cambio, i membri del PD possono avvantaggiarsi della popolarità di Koike tra gli elettori.
“Voglio vedere dei risultati concreti, piuttosto che preoccuparmi solo del nome (del partito),” ha dichiarato Maehara ai rappresentanti del PD durante l’incontro di giovedì.
Il predecessore del Partito Democratico, chiamato ufficialmente Partito Democratico del Giappone, è stato lanciato nel 1966 da alcuni membri incluso gli ex primi ministri Naoto Kan e Yukio Hatoyama.
Dopo aver incorporato il Partito Liberale guidato da Ichiro Ozawa, il PD ha preso il potere sconfiggendo la coalizione guidata dal PLD alle elezioni della Camera Bassa del 2009.
Tuttavia il PD ha iniziato a perdere potere durante le elezioni generali del 2012 quando ha fallito nel mantenere alcune promesse elettorali chiave, inclusa una drastica riorganizzazione del budget governativo.

Fonte: The Japan Times
Link: https://www.japantimes.co.jp/news/2017/09/28/national/politics-diplomacy/abe-dissolves-lower-house-opposition-bands-together/

30 settembre, Corea del Sud – La Corea del Sud e gli Stati Uniti conducono la prima esercitazione aerea difensiva a corto raggio sulla Penisola coreana

La Corea del Sud e le forze americane hanno condotto la loro prima esercitazione aerea difensiva congiunta a corto raggio in seguito alla crescente minaccia nord coreana.
L’esercitazione ha coinvolto l’unità aerea di difesa sud coreana e soldati americani del 6° battaglione, 52° Reggimento dell’Artiglieria Aerea Difensiva, secondo quanto dichiarato dal Commando Americano del Pacifico (USPACOM). È stata tenuta recentemente a Pocheon, a nord di Seul, ma non è stata riferita la data esatta.
“L’esercitazione è servita alle truppe americane e sud coreane di familiarizzare con i sistemi d’arma e le abilità l’una dell’altra, con l’obiettivo di creare una partnership duratura tra le due unità,” ha dichiarato.
Questa è la prima volta che i due alleati hanno effettuato un addestramento congiunto di corto raggio in Corea del Sud.
Il sistema aereo di difesa a corto raggio, noto anche come SHORAD, ha l’obiettivo di opporsi con efficacia a minacce aeree di bassa altitudine come i jet nord coreani, mezzi di trasporto e elicotteri.
“Le unità stanno programmando ulteriori eventi d’addestramento combinati in modo da espandere la conoscenza l’uno dell’altra e rafforzare la nuova relazione,” ha dichiarato il USPCOM.

Fonte: The Korea Herald
Link: http://www.koreaherald.com/view.php?ud=20170930000033

1 ottobre, Corea del Sud – Governo in allerta per possibili provocazioni nord coreane

Domenica i funzionari hanno riferito che i ministeri che si occupano di sicurezza attiveranno le loro squadre di contingenza durante il periodo del Chuseok in modo da poter affrontare qualsiasi possibile provocazione da parte della Corea del Nord.
Ci sono segnali che indicano la possibilità di un ulteriore test missilistico o nucleare da parte di Pyongyang questo mese, in occasione dell’anniversario della fondazione del Partito dei Lavoratori, il 10 ottobre.
Mentre il Presidente americano Donald Trump e il leader nord coreano Kim Jong-un continuano la loro “guerra di parole”, Washington, Mosca e Pyongyang sembrerebbero andare avanti da dietro le quinte.
In risposta alle dinamiche diplomatiche, i funzionari dell’Ufficio per la Sicurezza Nazionale (NSO) della Casa Blu saranno di turno a rotazione. “L’ufficio della presidenza ha istituito un sistema che permetta di rispondere immediatamente alle situazioni urgenti,” ha dichiarato un funzionario della Casa Blu. “In particolar modo, il centro per la gestione delle emergenze del NSO opererà 24 ore al giorno come al solito.”
Anche i funzionari del Ministero per la Difesa Nazionale saranno di turno. “Come sempre, il ministero della difesa tiene d’occhio la Corea del Nord nonostante le festività,” ha dichiarato un funzionario. In caso di qualsiasi provocazione, il Ministro della Difesa Song Young-moo dovrebbe essere aggiornato nell’arco di qualche minuto in un luogo dentro Seul.
Durante le feste, i funzionari militari di alto rango – incluso Song e il Capo di Stato Maggiore Jeong Kyeong-doo – di solito visitano le basi militari per rafforzare l’attenzione dei soldati e sollevarne il morale.
Secondo quanto riportato dall’emittente locale MBC, l’esercito si è rafforzato nell’eventualità di provocazioni da parte del Nord. recentemente, l’Aeronautica ha schierato due aerei da ricognizione americani chiamati Baekdu, che sono in grado di identificare i segnali pre-lancio di missili nemici.
L’Esercito ha invece segretamente schierato 10 veicoli MRAP (Mine-Resistant Ambush Protected). Secondo quanto riportato dalla MBC, i veicoli militari americani, utilizzati durante le guerre in Iraq e Afghanistan, adesso sono operativi anche in Corea del Sud.
Anche il Ministero degli Esteri ha attivato una rete di comunicazione d’emergenza. “Concentrandosi sulla pace e sulla sicurezza della Penisola Coreana di competenza del ministero, il ministero lavora 24 ore al giorno,” ha dichiarato un funzionario.
Il Ministro per l’Unificazione Cho Myoung-gyon è in attesa di una possibile risposta da parte di Pyongyang alla recente richiesta di dialogo fatta dal Presidente Moon. Mercoledì, il Presidente ha chiesto che la Corea del Nord fermi le provocazioni militari, affermando che le due coree “non devono più ritardare la riunione delle famiglie.”
Il ministero dell’unificazione venerdì ha dichiarato che il Ministro Cho consolerà le famiglie divise questo lunedì. Mercoledì, visiterà il Padiglione Imjingak a Paju, nella Provincia di Gyeonggi, vicino al confine, insieme a 1000 membri delle famiglie divise.
“Oltre a partecipare agli eventi, il ministro sarà sempre reperibile,” ha dichiarato un funzionario del ministero. “Tutti i dipartimenti saranno attivi con il minimo dello staff.”

Fonte: The Korea Times
Link: http://www.koreatimes.co.kr/www/nation/2017/10/205_237248.html

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s