Rassegna settimanale 10-16 luglio: Cina e Corea del Nord

10 luglio, Cina – Modesto successo della Cina al G20

Dalla rabbia degli Stati Uniti per l’inerzia verso la Corea del Nord all’inasprirsi di una controversia di confine con l’India e al caso del Premio Nobel Liu Xiaobo, il vertice della G20 della scorsa settimana è stato pieno di campi minati per il presidente cinese Xi Jinping.
Per caso o per strategia, Xi e i suoi funzionari hanno scoperto la loro strada senza rischiare.
Pechino è estremamente sensibile dell’immagine di Xi e di assicurare che ottenga il rispetto dovuto come leader di una superpotenza emergente, specialmente quando si viaggia in paesi occidentali dove non si può controllare così strettamente l’opinione pubblica.
Le fonti diplomatiche di Pechino, parlando del viaggio di Xi alla riunione del G20 nella città tedesca di Amburgo, hanno affermato che i funzionari cinesi hanno espresso in privato il nervosismo all’ipotesi che al Presidente possano essere poste domande imbarazzanti in merito alla Corea del Nord o a Liu, colpito da tumore, condannato a 11 Anni nel 2009 per “incoraggiare la sovversione del potere statale”.
Xi ha evitato le controversie nei suoi incontri bilaterali e ha ribadito l’impegno della Cina all’accordo di Parigi e ad un’economia globale aperta. Nessuno ha citato la disputa nel Mar Cinese Meridionale.

Fonte: Reuters, http://www.reuters.com/article/us-g20-germany-trump-xi-idUSKBN19V1LF

11 luglio, Cina – La Cina dichiara che la teoria della sua responsabilità sulla Corea del Nord deve fermarsi

La Cina ha reagito in termini straordinariamente forti alle ripetute richieste dagli Stati Uniti per esercitare maggiori pressioni sulla Corea del Nord, sollecitando la sospensione di ciò che è stata definita la “teoria della responsabilità della Cina”.
Il presidente degli Stati Uniti Trump ha preso un tono più conciliativo in una riunione con il presidente cinese Xi Jinping, ma ha espresso un po’ di impazienza poiché la Cina, con i suoi stretti legami economici e diplomatici con Pyongyang, non sta facendo abbastanza per frenare la Corea del Nord.
Questa sensazione è diventata particolarmente acuta da quando Pyongyang ha lanciato un missile balistico intercontinentale che alcuni esperti credono potrebbe avere il raggio per raggiungere l’Alaska e parti della costa occidentale degli Stati Uniti.
Rispondendo ad una domanda sulle sollecitazioni ricevute dagli Stati Uniti, dal Giappone e da altri  di mettere più pressione sulla Corea del Nord, il portavoce del Ministero degli Esteri cinese Geng Shuang ha dichiarato che non è la Cina che aumenta la tensione e la chiave per una risoluzione non spetta a Pechino.
“Recentemente, alcune persone, parlando della questione nucleare della penisola coreana, hanno esagerato e dato rilievo alla cosiddetta” teoria della responsabilità della Cina “,” ha dichiarato Geng a un briefing giornaliero quotidiano.
Mentre la Cina è arrabbiata dai ripetuti test nucleari e missilistici della Corea del Nord, essa accusa gli Stati Uniti e la Corea del Sud di peggiorare la tensione con le loro esercitazioni militari.

Fonte: Reuters, http://www.reuters.com/article/us-northkorea-missiles-china-idUSKBN19W0V6

 

12 luglio, Cina – La Cina invia truppe alla sua “base di supporto” in Africa orientale

Le navi che portano le truppe cinesi incaricate di istituire la prima base militare d’oltremare del paese stanno partendo verso la nazione dell’Africa orientale di Gibuti.
La Cina chiama la sua nuova struttura una “base di supporto” e afferma che avrà funzioni principalmente logistiche. Tuttavia gli osservatori la considerano come una parte fondamentale dei piani di Pechino per espandere la propria portata globale attraverso forze militari.
L’India in particolare vede la base con sospetto mentre New Delhi è preoccupata che la Cina si stia confrontando con un ‘anello di perle’ – una serie di asset e alleanze in tutto l’Oceano Indiano e nel Sud-est asiatico. Una relazione del Pentagono ha recentemente suggerito che la Cina è probabile che apra una base militare in Pakistan, principale rivale dell’India in Asia. Tuttavia, la Cina ha respinto queste ipotesi. La Cina ha iniziato a costruire la sua base a Gibuti poco più di un anno fa. È situata a poche miglia da un campo americano. Anche la Francia e il Giappone hanno delle basi nella nazione. Una relazione dell’agenzia ufficiale della Cina Xinhua ha dichiarato che la decisione di istituire la base è “stata presa dai due paesi dopo negoziati amichevoli”. Il rapporto aggiunge: “La base garantirà la partecipazione della Cina alle missioni, come la scorta, il mantenimento della pace e gli aiuti umanitari in Africa e in Asia occidentale”.

Fonte: Telegraph, http://www.telegraph.co.uk/news/2017/07/12/china-sends-troops-support-base-east-africa/

13 luglio, Cina – Gli Stati Uniti preparano nuove sanzioni sulle imprese cinesi per i legami con Corea del Nord

Frustrata che la Cina non abbia fatto di più per frenare la Corea del Nord, l’amministrazione di Trump potrebbe imporre nuove sanzioni alle piccole banche cinesi e ad altre imprese che fanno affari con Pyongyang entro settimane, hanno dichiarato due funzionari degli Stati Uniti.
Le misure statunitensi avrebbero inizialmente colpito gli enti cinesi considerati “l’opzione più facile”, tra cui le piccole istituzioni finanziarie e le società “shell” legate ai programmi nucleari e missilistici della Corea del Nord, ha affermato uno dei funzionari. Le misure non toccherebbero per ora le banche cinesi più grandi. Le tempistiche e l’ambito dell’azione USA dipenderanno notevolmente da come la Cina risponderà alle pressioni più severe nei confronti della Corea del Nord quando i funzionari statunitensi e cinesi si riuniranno per un dialogo economico ad alto livello a Washington mercoledì. Gli ufficiali statunitensi hanno anche avvertito che la Cina potrebbe affrontare la pressione commerciale ed economica degli Stati Uniti.

Fonte: Reuters, http://www.reuters.com/article/us-northkorea-usa-sanctions-exclusive-idUSKBN19Y28A

14 luglio, Cina – Quattro legislatori pro-democrazia squalificati dal parlamento di Hong Kong

Quattro legislatori pro-democratici sono stati squalificati dal parlamento di Hong Kong in una mossa che peggiorerà le crescenti paure che le libertà della città sono sotto grave minaccia di Pechino.
L’ex leader della protesta dell’ombrello Nathan Law era tra i gruppi bloccati dal giudizio della Corte Suprema in un caso iniziato dal governo pro Pechino della città. La sentenza arriva dopo che Pechino ha rilasciato un’interpretazione speciale della mini-costituzione di Hong Kong, la Legge fondamentale, per insistere sul fatto che i giuramenti siano presi in modo “sincero e solenne”. L’Alta Corte ha dichiarato che l’interpretazione era “vincolante” in tutti i tribunali di Hong Kong. “La parola” solenne “porta il senso comunemente compreso di essere dignitoso e formale”, ha detto il giudizio. Le preoccupazioni che la Cina stia spremendo la semi-autonoma Hong Kong hanno scatenato chiamate da parte di alcuni attivisti per l’autodeterminazione o addirittura l’indipendenza della città che hanno fatto arrabbiare la Cina. I quattro legislatori licenziati non erano fermamente pro-indipendenti, ma due di loro hanno sostenuto l’autodeterminazione di Hong Kong.

Fonte: Telegraph, http://www.telegraph.co.uk/news/2017/07/14/four-pro-democracy-lawmakers-disqualified-hong-kong/

15 luglio, Cina – La Cina si è lamenta per come il mondo porta rispetto a Liu Xiaobo

La Cina ha presentato proteste formali con diversi paesi sui “commenti irresponsabili” condotti da leader stranieri sulla morte dell’attivista cinese imprigionato e del premio Nobel Liu Xiaobo.
Osservazioni del presidente statunitense Donald Trump e della cancelliere tedesca Angela Merkel, che attraverso i loro uffici hanno espresso condoglianze alla famiglia di Liu giovedì, sono state ritenute “irresponsabili” e “una chiara interferenza con la sovranità giudiziaria cinese”, ha dichiarato il portavoce del ministro Geng Shuang. Geng ha detto che la Cina ha presentato proteste con gli Stati Uniti, la Germania e le Nazioni Unite, tra gli altri.
La sua morte ha scatenato una serie di critiche rivolte a Pechino da governi e organizzazioni straniere. Liu, un prigioniero politico, e sua moglie Liu Xia avevano richiesto ripetutamente il permesso di viaggiare all’estero per il trattamento sanitario, ma Pechino si era opposta. Liu è stato coautore di un documento firmato nel 2008 da 300 intellettuali, chiedendo un libero stato democratico e costituzionale cinese. Nel 2009, è stato condannato a 11 anni di prigione per sovvertimento del potere statale. Un anno dopo, gli è stato assegnato il premio Nobel per la Pace per la sua attività di campagna per i diritti umani in Cina. Il segretario di Stato USA, Rex Tillerson e l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani, Zeid Ra’ad Al Hussein, hanno invitato il governo cinese a liberare Liu Xia dall’arresto e di farle lasciare il paese.

Fonte: China Post, http://www.chinapost.com.tw/china/2017/07/15/499439/like-clockwork.htm

16 luglio, Cina – I colloqui commerciali USA-Cina

I colloqui bilaterali volti a ridurre il disavanzo commerciale statunitense con la Cina hanno portato ad alcune iniziative, ma le aziende americane dicono che bisogna fare molto di più perché la scadenza di un piano d’azione di 100 giorni è domenica.
I negoziati, iniziati in aprile, hanno riaperto il mercato della Cina alle carni bovine americane dopo 14 anni e hanno spinto le promesse cinesi a comprare gas naturale liquefatto americano. Le imprese americane hanno anche avuto accesso a alcune parti del settore dei servizi finanziari della Cina.
Più dettagli sul piano di 100 giorni dovrebbero essere annunciati nella prossima settimana, in quanto gli alti funzionari statunitensi e cinesi si riuniranno a Washington per i colloqui economici bilaterali annuali, ribattezzati quest’anno come “il dialogo economico globale degli Stati Uniti-Cina”.
All’inizio di aprile, quando il presidente cinese Xi Jinping ha incontrato per la prima volta il presidente Donald Trump presso la località di Florida, Xi ha accettato un piano di 100 giorni per i negoziati commerciali volti a rafforzare le esportazioni statunitensi e ridurre il disavanzo commerciale statunitense con la Cina. Il deficit commerciale degli Stati Uniti con la Cina ha raggiunto 347 miliardi di dollari l’anno scorso. Il divario nei primi cinque mesi del 2017 è aumentato di circa il 5,3 per cento rispetto all’anno precedente, secondo i dati dell’Ufficio censo degli Stati Uniti.

Fonte: Reuters, http://www.reuters.com/article/us-usa-china-trade-idUSKBN1A109V

Featured Image Source: http://www.chinapost.com.tw/china/2017/07/15/499439/like-clockwork.htm

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s