Rassegna settimanale 3-9 Luglio: Cina e Corea del Nord

3 luglio, Cina – Una grave provocazione politica e militare: la Cina “colpisce” una pattuglia da guerra USA

La Cina ha colpito gli Stati Uniti per aver condotto una “grave provocazione politica e militare” dopo che una sua nave da guerra ha navigato vicino alle isole che la Cina reclama. Una mossa che ha fatto infuriare Pechino.
La Cina ha inviato aerei da combattimento e navi militari per incontrare l’USS Stethem durante il confronto precario. A questo è seguita una telefonata tra Trump e Xi Jinping, il presidente cinese. Quest’ultimo ha affermato che un certo numero di “fattori negativi” stanno influendo sulla relazione USA-Cina. Washington ha precedentemente condotto “libertà di navigazione” in acque controverse nel Mar Cinese Meridionale.
Ma la pattuglia vicino all’isola di Triton, che fa parte delle isole Paracel, è l’ultima in una serie di azioni provocatorie di Trump che ha fatto arrabbiato Pechino.
Trump ha approvato una vendita di armi da 1,3 miliardi di dollari a Taiwan la scorsa settimana, un’isola che Pechino vede come una provincia cinese rinnegata che sarà riunita con la terraferma – con la forza se necessario.
Il presidente americano ha anche infastidito Pechino imponendo sanzioni su una banca cinese accusata di riciclare il denaro nordcoreano. La posizione di conflitto di Trump è in netto contrasto con la relazione “tiepida” che si è stabilita durante la riunione tenuta con il Presidente Xi in Florida ad aprile.

Fonte: The Telegraph
Link: http://www.telegraph.co.uk/news/2017/07/03/serious-political-military-provocation-china-blasts-us-warship/

4 luglio, Corea del Nord – Gli Stati Uniti confermano che l’ICBM è stato testato dalla Corea del Nord, mentre la Russia e la Cina svolgono il ruolo di peacekeepers

I funzionari americani hanno confermato la rivendicazione della Corea del Nord di aver lanciato con successo il suo primo missile balistico intercontinentale (ICBM), suggerendo che Pyongyang è adesso capace di attaccare gli Stati Uniti continentali e provocare una condanna internazionale immediata.
La Russia e la Cina hanno presentato un piano per distogliere le tensioni, suggerendo che Pyongyang fermi i test nucleari e missili, mentre gli Stati Uniti e la Corea del Sud dovrebbero astenersi da esercitazioni militari su larga scala. In seguito alla dichiarazione congiunta, rilasciata dopo i colloqui tra Vladimir Putin e Xi Jinping, gli analisti suggeriscono che essa possa rappresentare la prova di un cambiamento di gioco.
I militari statunitensi hanno seguito il ripido percorso parabolico del missile per 37 minuti. Gli esperti hanno detto che una traiettoria piatta potrebbe dare al missile una gamma di circa 4.160 miglia, un notevole miglioramento rispetto ai modelli precedenti. Il presidente Donald Trump ha affrontato il lancio con una serie di messaggi su Twitter, ripetendo la sua richiesta che la Cina faccia di più per usare il suo potere economico per frenare Pyongyang. Il lancio è avvenuto nella giornata dell’anniversario dell’Indipendenza Americana.
Nella loro dichiarazione, la Russia e la Cina hanno definito il lancio “inaccettabile” ma hanno anche affermato che la Corea del Nord ha avuto “preoccupazioni sensibili” e hanno invitato gli USA a non schierare il loro sistema missilistico Thaad, destinato a intercettare missili lanciati da Pyongyang nella penisola coreana.

Fonte: The Telegraph
Link: http://www.telegraph.co.uk/news/2017/07/04/russia-china-play-peacekeepers-tensions-rise-north-korea-missile/

5 luglio, Corea del Nord – Il nuovo missile come regalo dalla Corea del Nord per l’Independence Day

Il leader nordcoreano Kim Jong-un ha infastidito gli Stati Uniti dopo aver effettuato un test missilistico balistico intercontinentale, definendolo un “dono” per i “bastardi americani” alla loro giornata di indipendenza. Il segretario di Stato americano Rex Tillerson ha affermato che il test di un ICBM ha segnato “una nuova escalation della minaccia per il mondo”. Segna una pietra miliare per il programma missilistico della Corea del Nord e aumenta la preoccupazione a Washington circa la dichiarata ricerca di Pyongyang di un missile nucleare che possa raggiungere gli Stati Uniti. L’Accademia della Scienza della Difesa della Corea del Nord ha affermato che il test ha segnato il “passo finale” nella creazione di un “stato nucleare sicuro e potente che può colpire ovunque sulla Terra”.
Gli Stati Uniti “tentano di provare la nostra determinazione e ignorano i nostri avvertimenti”, ha dichiarato Kim Jong-un. Dopo aver personalmente supervisionato il lancio del missile Hwasong-14, ha affermato che “i bastardi americani non sarebbero stati molto soddisfatti di questo dono inviato in occasione del 4 luglio”.
Il leader della Corea del Nord ha dichiarato che il paese non negozierà con gli Stati Uniti per rinunciare al proprio programma di armi fino a quando Washington non abbandonerà la sua politica ostile contro il Nord.
Il lancio del missile, che gli esperti dicono fosse in grado di raggiungere Alaska, è stato un rimprovero diretto alla dichiarazione del presidente americano Donald Trump a gennaio, che un tale test “non succederà”.

Fonte: The Telegraph
Link: http://www.telegraph.co.uk/news/2017/07/04/kim-jong-un-mocks-us-rex-tillerson-confirms-north-koreas-icbm/

6 luglio, Corea del Nord – La risposta americana al test missilistico nord coreano

Donald Trump ha dichiarato di aver esaminato alcune “cose ​​molto gravi” in risposta alla prova di successo del missile balistico intercontinentale (ICBM), ed ha invitato altre nazioni a esercitare pressioni su Pyongyang sul suo “comportamento molto cattivo”.
Trump ha affermato che gli Stati Uniti dovrebbero affrontare la minaccia nordcoreana, ma ha osservato che non avrebbe disegnato una linea rossa. “Non mi piace parlare di ciò che ho programmato, ma stiamo pensando a forti reazioni”, ha affermato. “Questo non significa che li faremo”.
Le osservazioni del presidente, fatte in Polonia, sono giunte dopo che l’ambasciatore statunitense alle Nazioni Unite ha fatto pressione per nuove sanzioni in una riunione del consiglio di sicurezza e ha affermato che le “forze militari considerevoli” dell’America potrebbero essere utilizzate contro la Corea del Nord.
Nikki Haley ha dichiarato all’incontro che gli Stati Uniti presenteranno un progetto di risoluzione entro pochi giorni “che solleva la risposta internazionale in modo proporzionale alla scalata della Corea del Nord”, ma ha avvertito che Washington ha diverse opzioni nel caso la diplomazia fallisse.
“Gli Stati Uniti sono disposti ad utilizzare la gamma completa delle nostre capacità per difendere noi stessi e i nostri alleati”, ha annunciato Haley al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. “Una delle nostre capacità è rappresentata dalle nostre notevoli forze militari. Li useremo, se dobbiamo, ma preferiamo non dover ricorrere a questa soluzione”. Ha anche aggiunto che gli Stati Uniti stanno considerando sanzioni contro “qualsiasi paese che faccia affari con questo regime fuorilegge”.

Fonte: The Guardian
Link: https://www.theguardian.com/world/2017/jul/06/us-could-use-military-force-against-north-korea-says-nikki-haley

7 luglio, Cina – La portaerei cinese naviga verso Hong Kong per mostrare il potere navale

Il primo vettore aereo della Cina è emerso dalla nebbia nelle acque a sud di Hong Kong, mentre una flotta militare a quattro navi ha dato una potente dimostrazione della potenza di Pechino.
Il vettore Liaoning navigava tra oltre mezza dozzina di navi in disarmo, quando è entrato nelle acque di Hong Kong alle ore 7.30. La visita della nave in Hong Kong è arrivata meno di una settimana dopo che il presidente cinese, Xi Jinping, ha visitato la città, avvertendo che l’ex colonia britannica non deve diventare un trampolino di lancio per sfidare l’autorità di Pechino. Tra richieste di maggiore autonomia e persino di una totale indipendenza da parte di alcuni Hong Kong, molti hanno interpretato l’invio del convoglio navale come un duro messaggio da parte di  Xi.
“La visita di Liaoning è un’escalation degli sforzi di Pechino per spremere Hong Kong, volendo dimostrare che i militari hanno un ruolo nella salvaguardia degli interessi del governo cinese”, ha dichiarato Willy Lam, professore politico presso l’Università cinese di Hong Kong. “Il messaggio è che nel caso ci siano proteste di massa o se le cose andassero fuori mano, Pechino non esiterà a invitare i soldati a soffocare qualsiasi ribellione percepita contro il partito comunista”.
I funzionari britannici e statunitensi hanno espresso preoccupazione per le libertà di recesso nella città e per l’influenza strisciante dei funzionari cinesi nel governo locale. Lo spettacolo militare serve a “ricordare all’Ovest che Pechino ha il controllo e utilizzerà qualsiasi mezzo per schiacciare gli sforzi per sconvolgere la sovranità cinese”, ha detto Lam.

Fonte: The Guardian
Link: https://www.theguardian.com/world/2017/jul/07/chinese-aircraft-carrier-liaoning-sails-into-hong-kong-show-of-naval-power

8 luglio, Cina – Il Presidente Xi esorta il Giappone a mettere da parte “distrazioni” nei rapporti

Il presidente cinese Xi Jinping ha invitato il primo ministro giapponese Shinzo Abe a mettere da parte “distrazioni” che hanno tirato i legami bilaterali e ha avvertito che la Cina non è disposta a compromettere Taiwan. Le relazioni sono state complicate per decenni dall’eredità dell’aggressione giapponese.
L’autodeterminata Taiwan, reclamata dalla Cina e che è stata governata dal Giappone dal 1895 al 1945, è un’altra questione sensibile e la controversia territoriale marittima sulle piccole isole del Mar Cinese Orientale si è aggravata a causa del sospetto reciproco negli ultimi anni.
Pechino si è lamentata con Tokyo in marzo dopo che un ministro giapponese aveva visitato Taiwan. La Cina ha anche detto al Giappone di farsi coinvolgere nella controversia sul Mar Cinese Meridionale.
Nell’incontro a margine del vertice del G20 nella città tedesca di Amburgo, Xi ha invitato il Giappone ad imparare dalla storia per avere un “futuro migliore” nei suoi legami con la Cina.
Nel notare che i legami tra Cina e Giappone sono stati distratti da fattori complicati nonostante alcuni scambi positivi tra le due parti, il leader cinese ha dichiarato che non vi è spazio per il compromesso sui temi legati alla storia e Taiwan.

Fonte: Reuters
Link: http://www.reuters.com/article/us-g20-germany-china-japan-idUSKBN19T0GP

9 luglio, Cina – Nelle acque torbide della Cina, le imprese di fognatura globali cercano ricompense

Le aziende globali di trattamento delle acque reflue stanno guardando le opportunità in un luogo sconfortante: un crescente mucchio di rifiuti in Cina, la nazione più popolata del mondo. Il paese da anni combatte la contaminazione da fertilizzanti, metalli pesanti e fognature non trattate. Un sondaggio nel 2015 ha mostrato che quasi due terzi dell’acqua sotterranea cinese e un terzo delle sue acque superficiali era inadatto al contatto umano. Ciò ha aperto i portali degli specialisti alle acque reflue, come l’Emefcy di Israele, la RWL Water e la Veolia francese, che vogliono afferrare una quota Il mercato con la spesa ambientale annuale della Cina stimata a 3 trilioni di yuan ($ 441 miliardi) nei prossimi cinque anni. “In questo momento il problema delle acque reflue dell’agricoltura e della campagna è molto grave”, ha dichiarato Tong Weidong, vicepresidente della commissione legale del lavoro del parlamento cinese.

Fonte: Reuters
Link: http://www.reuters.com/article/us-china-sewage-idUSKBN19U00Z

Feautured Image Source: Wikimedia

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s