Rassegna settimanale 26 Giugno-2 Luglio: Cina e Corea del Nord

26 giugno, Cina – Il nuovo ambasciatore statunitense in Cina dichiara che la Corea del Nord è una priorità assoluta

Il nuovo ambasciatore statunitense in Cina ha affermato che fermare la minaccia rappresentata dalla Corea del Nord sarà una priorità assoluta, insieme a risolvere lo squilibrio commerciale tra Stati Uniti-Cina. Terry Branstad, ex governatore di Iowa, è stato descritto da Pechino come un “vecchio amico” della Cina. Branstad è stato confermato il 22 maggio come nuovo ambasciatore del presidente Donald Trump in Cina, ma la sua data di arrivo non è ancora stata annunciata.
“Risolvere lo squilibrio commerciale bilaterale, fermare la minaccia della Corea del Nord e ampliare i legami tra persone tra di loro saranno le mie priorità principali”, ha detto Branstad nel video messaggio, che è stato rilasciato su una piattaforma popolare cinese.
Trump ha posto grandi speranze sulla Cina e sul suo presidente, Xi Jinping, che esercita una maggiore influenza sulla Corea del Nord, anche se ha affermato la scorsa settimana che gli sforzi cinesi di frenare i programmi nucleari e missilistici del Nord sono falliti.

Fonte: Reuters
Link: http://www.reuters.com/article/us-china-usa-idUSKBN19H0AT

27 giugno, Cina – Il presidente cinese invita Hong Kong a “cogliere le opportunità” prima della visita

Il presidente cinese Xi Jinping ha invitato i connazionali a Hong Kong ad unire le forze con tutta la nazione per “cogliere le opportunità dello sviluppo del paese” e implementare ulteriormente il principio “one country, two systems”.
Xi ha commentato mentre visitava una mostra al Museo Nazionale della Cina a Pechino sui risultati dal ritorno di Hong Kong alla Cina nel 1997. Il Presidente ha affermato che sono previsti sforzi concreti nell’esplorazione e nell’innovazione, con l’obiettivo di mantenere la prosperità e la stabilità a lungo termine di Hong Kong e garantire un futuro migliore. Parlando dei 20 anni scorsi, Xi ha dichiarato che la Regione Amministrativa Speciale di Hong Kong, con il forte sostegno del governo centrale e della terraferma, ha assistito a uno sviluppo globale in vari settori e ha raggiunto successi riconosciuti da tutto il mondo.
Il Presidente ha poi aggiunto che la grande vitalità di “un paese, due sistemi” è stata dimostrata. L’esperienza dei due decenni ha dimostrato che la politica “one country, two systems” non è solo la soluzione migliore per Hong Kong, ma anche il miglior accordo istituzionale per la prosperità e la stabilità a lungo termine dopo il ritorno della Regione Amministrativa Speciale.
Xi si recherà a Hong Kong per partecipare alla cerimonia che segna il 20 ° anniversario del ritorno di Hong Kong.

Fonte: China Post
Link: http://www.chinapost.com.tw/china/2017/06/27/499030/chinese-president.htm

28 giugno, Cina – I residenti di Hong Kong cercano i passaporti britannici in mezzo ai timori per il futuro

Molti residenti di Hong Kong si stanno affrettando per garantirsi  passaporti britannici come rete di sicurezza in caso di disordini sociali o dell’erosione delle libertà civili.
I dati del governo britannico, le fonti diplomatiche e le testimonianze di sei residenti di Hong Kong dipingono l’immagine di una crescente ansia sul futuro e sfiducia dei leader del partito comunista a Pechino, soprattutto tra i giovani.
La Gran Bretagna ha restituito Hong Kong alla regola cinese il 1 luglio 1997, sotto una formula “un paese, due sistemi” che garantisce un’ampia autonomia e un’indipendenza giudiziaria. La Cina ha promesso che il sistema capitalista di Hong Kong rimarrà invariato per “almeno” 50 anni, ma non ha chiarito cosa succederà dopo. I titolari di passaporti stranieri e diplomatici di Hong Kong affermano che la corsa per la protezione all’estero è stata alimentata dalla battaglia divisiva del territorio per la democrazia, in particolare le proteste di strada del 2014 e le crescenti richieste di indipendenza, una linea rossa per Pechino.

Fonte: Reuters
Link: http://www.reuters.com/article/us-hongkong-anniversary-passports-idUSKBN19J0Y6

29 giugno, Cina – La Cina saluta il “periodo d’oro” nei rapporti con le Filippine

Le relazioni tra Cina e Filippine sono entrate in un “periodo d’oro di rapido sviluppo”, ha affermato il Ministro degli Esteri cinese Wang Yi, pubblicizzando la crescita nel commercio e il loro impegno per risolvere le dispute nel Mar Cinese Meridionale. Il presidente filippino Rodrigo Duterte ha scelto di corteggiare la Cina per le sue attività e gli investimenti e per evitare le discussioni della sovranità marittima che ha perseguitato i suoi predecessori.
Duterte ha affrontato diverse critiche per essere ciò che alcune persone considerano come troppo “morbido” nei confronti della Cina per la disputa territoriale, ma Duterte ritiene che il suo approccio sia pragmatico e che sfidare la Cina rischierebbe di far scatenare una guerra.
Wang ha dichiarato, dopo aver incontrato il ministro degli esteri filippino Alan Peter Cayetano a Pechino, che i due paesi hanno siglato 22 accordi di cooperazione in meno di sei mesi e che la Cina è diventata il principale partner commerciale della Filippine per la prima volta.

Fonte: Reuters
Link: http://www.reuters.com/article/us-china-philippines-idUSKBN19K0T9

30 giugno, Cina – La Cina dichiara che il trattato di consegna di Hong Kong non ha «nessun significato pratico»

La Cina sembra consegnare drammaticamente la responsabilità della Gran Bretagna a Hong Kong, dicendo che il trattato firmato da Margaret Thatcher, che ha aperto la strada per la consegna e le libertà garantite in città, non ha “nessun significato pratico”.
Le sorprendenti osservazioni, avvenute alla vigilia del ventesimo anniversario della consegna dell’ex colonia britannica alla Cina, si riferiscono alla dichiarazione congiunta del 1984, che garantisce l’autonomia giuridica di Hong Kong dalla terraferma. L’accordo ha stabilito “un paese, due sistemi” per Hong Kong, dando alle città libertà e diritti.
La Gran Bretagna afferma che, come firmatario dell’accordo, è giuridicamente tenuta a mantenere tali libertà, una posizione che viene spesso ripetuta ad Hong Kong per quanto riguarda la crescente presa di Pechino sulla Regione Amministrativa Speciale.
In seguito alla supervisione da parte del Presidente cinese Xi Jinping della parata militare durante la sua visita ad Hong Kong, il portavoce del ministro degli Esteri Lu Kang ha affermato che “la dichiarazione congiunta Sino-Britannica, come documento storico, non ha più alcun significato pratico”. Ha poi aggiunto che il Regno Unito non ha nessuna sovranità, nessun potere di dominare e nessun potere di sorvegliare Hong Kong dopo il passaggio, avvenuto nel 1997. Pechino risponde regolarmente alle critiche all’estero per la sua interferenza nell’autonomia legale di Hong Kong dicendo che sono gli affari “interni” della Cina.

Fonte: The Telegraph
Link: http://www.telegraph.co.uk/news/2017/06/30/china-says-legally-binding-hong-kong-handover-treaty-britain/

1 luglio, Cina – Migliaia di persone in marcia a Hong Kong per mostrare il dissenso per la regola cinese

Decine di migliaia di manifestanti della democrazia hanno marciato ad Hong Kong per celebrare il ventesimo anniversario del suo ritorno al controllo cinese mostrando un alto livello di dissenso.
Il presidente della Cina Xi Jinping, che è stato nell’ex colonia britannica per un tour di tre giorni, è volato da Hong Kong solo poche ore prima che la manifestazione annuale iniziasse. Gli organizzatori hanno dichiarato che più di 60.000 persone hanno aderito alla marcia di 3 km, che si è tenuta come quasi ogni anno da quando Hong Kong è tornata alla Cina nel 1997.
I manifestanti e i loro leader hanno detto di aver sperato di utilizzare l’anniversario per esprimere il loro disgusto al rifiuto di Pechino di concedere ad Hong Kong una vera e propria democrazia. Una serie di scandali politici, hanno lasciato molti convinti che Pechino si stia preparando ad adottare una linea più dura nei confronti di Hong Kong.

Fonte: The Guardian
Link: https://www.theguardian.com/world/2017/jul/01/hong-kong-xi-jinping-china-power-protests

2 luglio, Cina – Il nuovo lancio di razzi in Cina fallisce in volo

Il lancio della Cina di un nuovo razzo pesante, il Long March-5 Y2, portato da quello che il governo ha detto è il suo satellite più pesante, ha fallito.
Era previsto che lo stesso tipo di razzo prendesse l’ultima sonda lunare della Cina per la Luna quest’anno e che tornasse con i campioni. Il presidente Xi Jinping ha privilegiato il progresso del programma spaziale cinese per rafforzare la sicurezza e la difesa nazionale. Tuttavia, il governo ha sottolineato che è un’iniziativa puramente pacifica. Il programma spaziale della Cina ha funzionato in gran parte senza molti ostacoli importanti, anche se ha ancora parecchia strada prima di raggiungere gli Stati Uniti e la Russia.
Il Dipartimento della Difesa USA ha messo in evidenza le crescenti capacità spaziali della Cina, affermando che questa sta perseguendo attività volte a impedire alle altre nazioni di utilizzare risorse spaziali in un’eventuale crisi.

Fonte: Reuters
Fonte: http://www.reuters.com/article/us-china-space-idUSKBN19N0KZ

Feautured Image Source: Wikipedia

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s