Rassegna settimanale 12-18 giugno: Cina e Corea del Nord

12 giugno, Cina – Alibaba lancia nuovi canali di vendita in Malesia e Singapore

Il gigante del commercio elettronico cinese Alibaba Group Holding Ltd (BABA.N) ha dichiarato che sta lanciando nuovi canali di vendita a Singapore, Malesia, Hong Kong e Taiwan, in modo che le imprese di e-commerce in Cina si avvicinino ai nuovi utenti della regione. Il nuovo servizio, Tmall World, permetterà agli utenti cinesi d’oltremare di acquistare beni dal sito al dettaglio di Alibaba Tmall.
L’impresa prevede di estendere in futuro la rete Tmall World ad altri Paesi. Alibaba ha investito pesantemente nel Sud-Est asiatico, cercando di soddisfare obiettivi di acquisizione elevati per l’utente in quanto il mercato al dettaglio cinese mostra segni di maturazione.
Il vice direttore generale ha annunciato che l’impresa prevede di lanciare servizi in Thailandia entro la fine dell’anno.

Fonte: Reuters, http://www.reuters.com/article/us-alibaba-strategy-idUSKBN1931IF

13 giugno, Cina – Panama taglia i legami con Taiwan: grande colpo di stato diplomatico per la Cina

Panama ha cambiato le sue relazioni diplomatiche da Taiwan alla Cina, segnalando che Pechino sta costringendo il numero decadente di paesi che si allineano con Taipei a conformarsi alla sua volontà.
Solo 20 paesi – incluso il Vaticano – continuano a riconoscere diplomaticamente Taiwan, una posizione che infastidisce Pechino che promuove la politica “One China”.
Una dichiarazione di entrambi i Paesi ha affermato che alla luce degli interessi e dei desideri di entrambi i popoli, la Repubblica di Panama e la Repubblica Popolare Cinese hanno deciso di concedersi, a partire dalla data di firma, riconoscimento reciproco, e di istituire rapporti diplomatici.
Panama aveva già affermato di possedere solo i legami economici con Pechino, ma i rapporti diplomatici con Taipei. Tuttavia, ora “riconosce che esiste solo una Cina nel mondo” e che Taiwan è parte del territorio cinese.
Il Ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha incontrato il suo omologo di Panama, Isabel de Saint Malo, a Pechino e ha firmato un comunicato comune che stabilisce legami che entrano in vigore immediatamente.
Pechino ha recentemente iniziato la costruzione di un porto di container con impianti di gas naturale a Panama. La Cina è il secondo cliente più importante del canale di spedizione principale di Panama. Il governo di Taiwan ha espresso la sua rabbia per la mossa, dicendo che è “dispiaciuto” per la decisione e che non sarebbe in competizione con la Cina.

Fonte: The Telegraph, http://www.telegraph.co.uk/news/2017/06/13/panama-cuts-ties-taiwan-major-diplomatic-coup-china/

14 giugno, Cina – Gli Stati Uniti premono per limitare l’investimento cinese in intelligenza artificiale

Gli Stati Uniti sembrano pronti ad accrescere il controllo degli investimenti cinesi nella Silicon Valley per meglio proteggere tecnologie sensibili ritenute vitali per la sicurezza nazionale statunitense.
Particolare preoccupazione è l’interesse della Cina per settori come l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico, che hanno attirato sempre capitale cinese negli ultimi anni. La preoccupazione è che le tecnologie all’avanguardia sviluppate negli Stati Uniti possano essere utilizzate dalla Cina per rafforzare le proprie capacità militari e magari anche spingerla avanti nelle industrie strategiche.
Il governo degli Stati Uniti sta ora cercando di rafforzare il ruolo della commissione per gli investimenti esteri negli Stati Uniti (CFIUS), il comitato interagenzia che esamina le acquisizioni estere di società statunitensi per motivi di sicurezza nazionale. Un rapporto del Pentagono, non pubblicato, avverte che la Cina sta aggirando la supervisione statunitense e accedendo alla tecnologia sensibile attraverso transazioni che attualmente non attivano la revisione del Comitato. La legislazione richiederebbe al CFIUS di rafforzare il controllo degli acquirenti che provengono da nazioni identificate come potenziali minacce alla sicurezza nazionale.

Fonte: Reuters, http://www.reuters.com/article/us-usa-china-artificialintelligence-idUSKBN1942OX

15 giugno, Cina – Taiwan dice che la Cina “impertinente” vuole attenuare la sua rappresentanza in 5 paesi

La Cina ha rafforzato la pressione sugli Emirati Arabi Uniti e su altri quattro paesi per chiedere a Taiwan di rinominare i suoi uffici di rappresentanza, un altro segno di pressione diplomatica sull’isola. La Cina considera Taiwan come provincia rinnegata da riportare sotto la sua sovranità con la forza, se necessario.
La pressione di Pechino sugli Emirati Arabi, Bahrein, Ecuador, Giordania e Nigeria segue la decisione di Panama questa settimana di tagliare i rapporti diplomatici con Taiwan e riconoscere la Cina e la sua politica “One China”.
Il Ministro degli Esteri di Taiwan ha affermato in una dichiarazione che la Cina ha voluto che i cinque paesi chiedessero a Taiwan di utilizzare nomi, come “Taipei Trade Office”, che non suggeriscono la sovranità taiwanese. “La Cina agisce per sopprimere noi in un modo impertinente che ha offeso seriamente la sensibilità della gente di Taiwan”, ha esplicitato la dichiarazione.

Fonte: Reuters, http://www.reuters.com/article/us-taiwan-china-idUSKBN1960F0

16 giugno, Cina – L’ADB lancia la piattaforma di finanziamento verde per combattere l’inquinamento

La Cina e l’Asian Development Bank (ADB) hanno lanciato una piattaforma di finanziamento  per sostenere gli sforzi delle piccole e medie imprese per ridurre l’inquinamento nella regione colpita da smog di Pechino-Tianjin-Hebei. L’area, che ospita sei delle 10 città più inquinanti della Cina nel primo trimestre di quest’anno, ha promesso di aggiornare o chiudere enormi fasce di industria inquinante in quanto cerca di soddisfare gli obiettivi di qualità dell’aria 2017.
Il finanziamento della transizione verso un’energia più pulita si è rivelata una delle sue più grandi sfide, soprattutto nelle regioni rurali più povere di Hebei, dove si stima che il passaggio dal carbone al gas naturale dovrebbe costare almeno 300 miliardi di yuan (44,04 miliardi di dollari) nel periodo 2016-2020.
La Cina ha cominciato a sviluppare finanziamenti verdi nel 2007 e sono stati concessi più di 8 trilioni di yuan in “credito verde”, utilizzati per finanziare progetti puliti. Tuttavia, i meccanismi di finanziamento ambientale rimangono inadeguati, soprattutto quando si tratta di affrontare l’inquinamento diffuso del suolo e dell’acqua. Le piccole e medie imprese continuano a lottare per ottenere finanziamenti.

Fonte: Reuters, http://www.reuters.com/article/us-china-pollution-finance-idUSKBN1970DH

17 giugno, Cina – Il principio “One China” per le relazioni tra i confini

Il principale consigliere politico della Cina, Yu Zhengsheng, ha ribadito l’importanza del consenso del 1992 nelle relazioni tra la Cina e Taiwan e ha incoraggiato le comunicazioni tra le due parti.
Yu, presidente del comitato nazionale della Conferenza consultiva politica del popolo cinese, ha rilasciato alcune dichiarazioni in un incontro con i delegati al 9 ° Straits Forum.
“Il sostegno del consenso del 1992 e la lotta contro l’indipendenza di Taiwan sono le chiavi in ​​attesa della giusta direzione per lo sviluppo di relazioni pacifiche tra i confini”, ha dichiarato Yu.
Il nucleo del consenso del 1992 è il principio della “One China”, che riconosce che la terraferma e Taiwan sono entrambi parte della Cina. Le relazioni tra Cina e Taiwan non sono rapporti tra due paesi distinti. Con questa questione chiarita, molti problemi tra le due parti potrebbero essere affrontati attraverso la consultazione “, ha detto Yu.

Fonte: China Daily
http://www.chinadaily.com.cn/china/2017-06/17/content_29784756.htm

18 giugno, Cina – La Cina emette un allarme di sicurezza in Laos dopo la morte di un connazionale

L’ambasciata cinese in Laos ha emesso un avviso di sicurezza ai suoi cittadini dopo che un cittadino cinese è stato ucciso nella provincia di Xaysomboun.
I lavoratori cinesi sono sempre più attaccati mentre le aziende espandono all’estero come parte del piano “One Belt One Road” del presidente Xi Jinping per costruire infrastrutture in Asia e spesso in luoghi politicamente instabili.
La Cina e il Laos lo scorso anno hanno accettato di intensificare la cooperazione in materia di sicurezza dopo una serie di attacchi contro i cittadini cinesi.
Un cittadino cinese è stato ucciso da un militante non identificato. L’ambasciata cinese ha chiesto al Laos di risolvere rapidamente il caso e punire gravemente l’assassino, e al tempo stesso intraprendere azioni concrete per garantire la sicurezza dei cittadini e delle organizzazioni cinesi in Laos. L’ambasciata ha anche ricordato ai cittadini cinesi del paese di aumentare la loro consapevolezza sulla sicurezza.
La Cina è impegnata per l’influenzare il Laos, fornendo prestiti, aiuti e investimenti in infrastrutture. Pechino vede il suo vicino come una importante via verso i porti del sud-est asiatico.

Fonte: Reuters, http://www.reuters.com/article/us-china-laos-attacks-idUSKBN19A09J

Featured Image Source, http://www.telegraph.co.uk/news/2017/06/13/panama-cuts-ties-taiwan-major-diplomatic-coup-china/

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s