Rassegna settimanale 19-25 giugno: Cina e Corea del Nord

19 giugno, Cina – La Grecia blocca la dichiarazione dell’UE sui diritti umani in Cina alle Nazioni Unite

La Grecia ha bloccato una dichiarazione dell’Unione Europea alle Nazioni Unite che critica il rapporto sui diritti umani in Cina. Una decisione che i diplomatici dell’Unione Europea reputano minante agli sforzi per affrontare la crisi di Pechino su attivisti e dissidenti.
L’UE, che cerca di promuovere la libertà di parola e di porre fine alla pena capitale in tutto il mondo, doveva fare la sua dichiarazione la settimana scorsa al Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite a Ginevra, ma non è riuscita a raggiungere l’unanimità necessaria di tutti i 28 Stati dell’UE.
Un funzionario del ministero degli esteri greco ha dichiarato che Atene ha bloccato la dichiarazione, definendola “non costruttiva per la Cina” e ha affermato che i colloqui separati dell’UE con la Cina al di fuori dell’ONU sono stati un modo migliore per affrontare la questione.
La dichiarazione dà all’UE il modo per evidenziare abusi da parte degli stati di tutto il mondo su temi che altri paesi non sono disposti a sollevare.
L’Ungheria, un altro grande destinatario dell’investimento cinese, ha bloccato ripetutamente le dichiarazioni dell’Unione Europea che criticano la situazione dei diritti umani in Cina sotto il comando del presidente comunista Xi Jinping. Il portavoce del ministero degli esteri greco ha dichiarato che “ci sono stati anche altri Paesi che hanno espresso riserve simili”.

Fonte: Reuters, http://www.reuters.com/article/us-eu-un-rights-idUSKBN1990FP

20 giugno, Cina – Gli Stati Uniti sollecitano un ruolo più importante della Cina per combattere il terrorismo globale

Gli Stati Uniti auspicano che la Cina si impegni più a sostegno della lotta globale contro il terrorismo e gli sforzi per sconfiggere lo stato islamico, anche in Iraq, ha dichiarato un funzionario degli Stati Uniti d’America, in vista dei colloqui di sicurezza ad alto livello con Pechino.
Susan Thornton, assistente del Segretario di Stato per l’Asia Orientale, ha dichiarato che la Cina ha assunto solo un ruolo limitato nel tentativo di combattere il terrorismo, anche se sembra essere sempre più interessata.
“Vorremmo vederli rafforzare e assumere maggiori responsabilità”, ha dichiarato la Thornton. “Hanno molti interessi, ad esempio in Iraq, e pensiamo che dovrebbero fare di più per contribuire agli sforzi della coalizione internazionale per sconfiggere l’ISIS “, ha affermato la Thornton.
Ha inoltre aggiunto che Pechino, che non è membro della coalizione di 68 membri, è stata sempre più colpita dal terrorismo, come è stato visto dalla recente uccisione di due cittadini cinesi in Pakistan.

Fonte: Reuters , http://www.reuters.com/article/us-mideast-crisis-usa-china-idUSKBN19A2HT

21 giugno, Cina – Stati Uniti-Cina si incontrano a seguito dell’attività rilevata presso il sito  nucleare della Corea del Nord

I funzionari senior della Cina e degli Stati Uniti si riuniranno domani per discutere le ambizioni militari della Corea del Nord, in mezzo alla preoccupazione che Pyongyang stia preparando un sesto test nucleare.
Gli Stati Uniti stanno cercando di far salire la pressione su Pechino per aiutare a frenare il suo vicino alla riunione a Washington, dove il programma missilistico di Pyongyang è probabilmente in cima all’ordine del giorno. Tuttavia, la Cina desidera ampliare le discussioni e ottenere concessioni su una serie di questioni controverse, tra cui lo schieramento di missili statunitensi in Corea del Sud e la relazione di Washington con Taiwan.
Rex Tillerson, segretario di Stato americano e Jim Mattis, segretario della Difesa, ospiteranno Yang Jiechi, primo diplomatico cinese e il generale Fang Fenghui, capo dello staff generale degli eserciti cinesi, al primo vertice diplomatico e di sicurezza. I colloqui sono stati stabiliti da Trump e Xi Jinping, in aprile.
Tuttavia, secondo Paul Haenle, che ha lavorato nel Consiglio di Sicurezza sotto George W Bush e Barack Obama, ritiene che i colloqui sono “improbabili” per portare a un qualsiasi cambiamento nell’approccio della Cina a Pyongyang.

Fonte: The Telegraph, http://www.telegraph.co.uk/news/2017/06/21/us-china-meet-activity-detected-north-korea-nuclear-test-site/

22 giugno, Cina – Nei colloqui ad alto livello, gli Stati Uniti chiedono alla Cina di fare di più per frenare la Corea del Nord

Gli Stati Uniti hanno spinto la Cina a esercitare una maggiore pressione economica e diplomatica sulla Corea del Nord per aiutare a frenare i suoi programmi nucleari e missilistici durante l’incontro di alto livello a Washington.
La riunione dei principali diplomatici e capi di difesa americani e cinesi è stata tenuta un giorno dopo che il presidente Donald Trump ha affermato che gli sforzi della Cina per utilizzare la sua leva finanziaria con Pyongyang erano falliti, sollevando nuovi dubbi sulla strategia della sua amministrazione per contrastare la minaccia dalla Corea del Nord.
La morte dello studente universitario americano Otto Warmbier questa settimana, dopo la sua liberazione durata 17 mesi di prigionia a Pyongyang, ha ulteriormente complicato l’approccio di Trump alla Corea del Nord. “Abbiamo ribadito alla Cina che ha una responsabilità diplomatica per esercitare una maggiore pressione economica e diplomatica sul regime se vuole impedire ulteriori escalation nella regione”, ha detto il segretario di Stato Rex Tillerson ai giornalisti in una conferenza stampa congiunta con il Segretario alla Difesa Jim Mattis.
Mentre i funzionari statunitensi hanno sottolineato l’accordo sull’obiettivo della denuclearizzazione nordcoreana, i colloqui hanno riguardato anche le grandi rivendicazioni territoriali della Cina nel Mar Cinese Meridionale, con gli americani che hanno ribadito l’opposizione alla militarizzazione delle isole da parte di Pechino.

Fonte: Reuters
http://www.reuters.com/article/us-usa-china-talks-idUSKBN19C1R3

23 giugno, Cina – La nave da guerra giapponese sfida la Cina trasportando ospiti asiatici in crociera

La più grande nave da guerra del Giappone è entrata nel Mar Cinese Meridionale questa settimana a dispetto dell’assertività cinese.
Il Giappone teme che la Cina stia cementando il suo controllo nel Mar Cinese Meridionale con basi d’isola artificiali, vendite di armi e aiuti allo sviluppo.
“Non siamo qui solo per mostrare la nostra presenza, ma dall’esterno è ciò che sembra”, ha dichiarato l’ammiraglio posteriore Yoshihiro Goga, comandante della missione, a bordo del vettore di elicotteri di classe Izumo.
Ufficiali militari di dieci membri dell’Associazione di Nazioni del Sudest Asiatico (ASEAN) si sono imbarcati sulla nave giapponese lunedì a Singapore.
La crociera di alto profilo faceva parte di una attività coordinata  per rafforzare i legami con i paesi che alla Cina il controllo le acque controverse.
Mentre gli Stati Uniti hanno affrontato la Cina direttamente inviando navi da guerra in prossimità delle basi dell’isola cinese nel Mar Cinese Meridionale, il Giappone finora si è allontanato da simili provocazioni.

Fonte: Reuters, http://www.reuters.com/article/us-japan-defence-carrier-idUSKBN19E138

24 giugno, Cina – La Cina e gli Stati Uniti d’America, sono d’accordo sull’obiettivo della denuclearizzazione completa e irreversibile della Corea del Nord

La Cina e gli Stati Uniti hanno convenuto che gli sforzi per denuclearizzare la penisola coreana dovrebbero essere “completi, verificabili e irreversibili”, hanno così dichiarato i media statali cinesi, segnalando i risultati dei colloqui ad alto livello a Washington di questa settimana.
“Entrambe le parti ribadiscono che si adopereranno per la denuclearizzazione completa della penisola coreana”, è stato affermato in una dichiarazione rilasciata dall’agenzia ufficiale di Xinhua.
Il primo diplomatico cinese Yang Jiechi e il generale Fang Fenghui hanno incontrato Tillerson e il segretario alla Difesa Jim Mattis durante i colloqui. Yang ha poi incontrato il presidente Usa Donald Trump alla Casa Bianca.
La dichirazione congiunta finale ha evidenziato la necessità di rispettare pienamente e rigorosamente le risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell’ONU e spingere per il dialogo e la negoziazione, che da tempo è stata la posizione della Cina in materia.

Fonte: Reuters, http://www.reuters.com/article/us-usa-china-talks-northkorea-idUSKBN19F06H

25 giugno, Cina – Il Presidente Xi parteciperà alla celebrazione del ventesimo anniversario di ritorno di Hong Kong

Il presidente Xi Jinping sarà ad Hong Kong per tre giorni dal 29 giugno, per partecipare a una cerimonia che segna il ventesimo anniversario del ritorno di Hong Kong alla patria.

Xi, anche segretario generale del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese (CPC) e presidente della Commissione Militare Centrale, sarà inoltre presente all’inaugurazione della quinta amministrazione della Regione Amministrativa Speciale di Hong Kong, secondo una dichiarazione dell’agenzia di notizie di Xinhua.

Fonte: China Daily
http://www.chinadaily.com.cn/china/2017-06/25/content_29876541.htm

Featured Image Source: http://www.telegraph.co.uk/news/2017/06/21/us-china-meet-activity-detected-north-korea-nuclear-test-site/

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s