Rassegna settimanale 5-11 giugno: Cina e Corea del Nord

5 giugno, Cina – La Cina respinge le osservazioni “irresponsabili” degli Stati Uniti sul Mar Cinese Meridionale

La Cina ha espresso “una solida opposizione” alle osservazioni del capo del Pentagono USA Jim Mattis durante un vertice di difesa regionale durante lo scorso fine settimana, dopo aver criticato la “militarizzazione” di Pechino del Mar Cinese Meridionale. Washington ha ripetutamente espresso preoccupazioni che lo sviluppo delle isole artificiali della Cina nella regione costituisce una minaccia per la libertà di navigazione attraverso le sue acque, una delle principali arterie per il commercio internazionale.
“La portata e l’effetto delle attività di costruzione della Cina nel Mar Cinese Meridionale differiscono da altri paesi in diversi modi chiave”, ha osservato Mattis, dicendo che la “militarizzazione” e il “disgregamento del diritto internazionale” di Pechino hanno mostrato il suo “disprezzo” per gli interessi di altri paesi.
In una dichiarazione, la portavoce del ministero degli Esteri cinese Hua Chunying ha definito i commenti di Mattis “irresponsabili” e ha accusato “alcuni paesi al di fuori della regione” di “formulare erronee osservazioni guidate da ulteriori motivi”. “La Cina ha una sovranità incontestabile sulle Isole (Spratly) e sulle loro acque adiacenti”, ha detto Hua, riferendosi a barriere coralline e isole nel Mar Cinese Meridionale dove Pechino ha costruito installazioni che potrebbero essere utilizzate dai suoi militari.

Fonte: China Post, http://www.chinapost.com.tw/china/national-news/2017/06/05/498277/china-rejects.htm

6 giugno, Cina – Il diplomatico senior degli Stati Uniti in Cina si dimette ‘sulla politica climatica di Donald Trump’

Il diplomatico senior statunitense in Cina si è dimesso a seguito della decisione di Donald Trump di uscire dell’accordo sul clima di Parigi. La mossa ha visto l’emergere della Cina come campione globale nella lotta contro il riscaldamento globale, ma alcuni credono che possa spingere Pechino ad essere più cauta verso Washington. L’ambasciata degli Stati Uniti a Pechino ha confermato le dimissioni di David Rank, funzionario di lingua cinese che ha lavorato al Servizio Estero per 27 anni,  per la sua opposizione agli USA che hanno respinto l’accordo di Parigi.

Fonte: The Telegraph
http://www.telegraph.co.uk/news/2017/06/06/top-us-diplomat-china-quits-donald-trumps-climate-policy/

7 giugno, Cina – Il rapporto del Pentagono cita l’accumulo militare della Cina in tutto il mondo

Una nuova relazione del Pentagono riporta che la costruzione cinese di un avamposto militare nel Gibuti è solo il primo di quello che sarà probabilmente un’espansione continua in porti stranieri amichevoli in tutto il mondo per sostenere la mobilitazione a distanza. Il rapporto conclude prevedendo che il Pakistan possa essere un’altra base potenziale.
La valutazione annuale delle forze armate della Cina potrebbe anche notare che la Cina non ha sequestrato molte nuove terre per creare più isole artificiali ma ha sostanzialmente costruito sulle barriere coralline piste estese e altre strutture militari. E ha aumentato le pattuglie e le forze dell’ordine per proteggerle. La costruzione di base nel Djibouti è vicino a Camp Lemonnier, la base americana nella nazione del Corno d’Africa. Ma i leader militari americani hanno detto che non la considerano come una minaccia che interferisca con le operazioni degli Stati Uniti. “La Cina probabilmente cercherà di stabilire basi militari supplementari nei paesi con i quali ha una relazione amichevole di lunga data e interessi strategici, come il Pakistan e, in cui esiste un precedente per ospitare milizie straniere”, ha dichiarato il rapporto del Pentagono. “Questa iniziativa, insieme alle visite regolari delle navi navali a porti stranieri, riflette e amplifica l’influenza crescente della Cina, estendendo la portata delle sue forze armate”. L’espansione militare si lega a una più ampia iniziativa cinese per costruire una “nuova Via della Seta” di porti, ferrovie e strade per espandere il commercio attraverso un arco di paesi in Asia, Africa e Europa. E paesi compresi il Pakistan e l’Afghanistan lo accolgono come un percorso che conduce fuori dalla povertà. Ma l’India e altri sarebbero “scontenti” per lo sviluppo cinese in Pakistan, in particolare per quanto riguarda i militari.
La Cina ha citato il pattugliamento anti-pirateria come uno dei motivi per sviluppare quello che definisce un centro logistico navale a Gibuti. La costruzione è iniziata nel febbraio 2016. Pechino ha detto che la struttura aiuterà l’esercito e la marina a partecipare alle operazioni di pace delle Nazioni Unite e fornire assistenza umanitaria. Ma la presenza estesa in tutto il mondo sarebbe allineata con gli interessi economici crescenti della Cina e l’aiuterebbe a proiettare ulteriormente il suo potere militare dai suoi confini.

Fonte: China Post
http://www.chinapost.com.tw/china/national-news/2017/06/07/498404/pentagon-report.htm

8 giugno, Corea del Nord – La Corea del Nord: lancio multiplo di missili in un’area in cui la flotta dell’aviazione statunitense aveva navigato

La Corea del Nord ha lanciato multipli missili terra-nave, ore dopo che un alto funzionario statunitense aveva dichiarato che i recenti progressi del regime nord coreano nella tecnologia missilistica stanno causando “grande preoccupazione” a Washington. I capi degli staff congiunti sud coreani hanno affermato che diversi missili  sono stati lanciati dalla città costiera orientale nordcoreana di Wonsan.
I militari sud coreani hanno stimato che i missili hanno volato per circa 200 km. Secondo i militari, l’intento era quello di dimostrare la capacità del regime di puntare una grande nave da guerra nemica. Infatti, il lancio multiplo era rivolto ad una zona nel mare del Giappone recentemente visitata da due vettori aerei americani, USS Carl Vinson e USS Ronald Reagan. Le navi hanno lasciato l’area all’inizio di questa settimana dopo aver condotto esercitazioni congiunte con le forze sudcoreane e giapponesi.
Il lancio di missili multipli presenta un primo test diplomatico per il nuovo presidente della Corea del Sud, Moon Jae-in, un democratico che supporta l’impegno con il Pyongyang come mezzo per ridurre le tensioni sulla penisola coreana.
La Corea del Nord ha condotto quattro lanci di missili in poco più di quattro settimane, a dispetto degli avvertimenti di Donald Trump che gli Stati Uniti non escluderebbero azioni militari per impedire al regime di sviluppare un missile nucleare in grado di colpire la terraferma americana.

Fonte: The Guardian
https://www.theguardian.com/world/2017/jun/08/north-korea-launches-salvo-missiles-tests

9 giugno, Cina – La Cina mantiene la vigilanza sul Mar Cinese Meridionale mentre due bombardieri americani volano sull’area

La Cina ha dichiarato che sta monitorando le attività militari USA nel Mar Cinese Meridionale, dopo che due bombardieri degli Stati Uniti hanno condotto voli di formazione sulle acque controverse.
Il comandante del Pacifico degli Stati Uniti ha dichiarato sul suo sito web che due bombardieri degli Stati Uniti Air Force B-1B hanno volato per una missione di addestramento di 10 ore da Guam sul Mar Cinese Meridionale, in collaborazione con il cacciatorpediniere missilistico USS Sterett della Marina.
L’esercitazione viene dopo che una nave da guerra degli Stati Uniti a fine maggio ha effettuato un’esercitazione entro le 12 miglia nautiche di un’isola artificiale costruita dalla Cina nel Mar Cinese Meridionale. I militari americani conducono tali pattuglie di “libertà di navigazione” per mostrare alla Cina che non ha diritto sulle acque territoriali.
L’ultima esercitazione era parte del programma “presenza continua del bomber” del Comando Pacifico, ma nessun particolare su dove è stato condotto è stato fornito.
Riferendosi agli Stati Uniti, la Cina ha dichiarato che essa mantiene sempre la vigilanza e un efficace monitoraggio delle attività militari del paese in questione nel Mar Cinese Meridionale.

Fonte: Reuters
http://www.reuters.com/article/us-china-usa-southchinasea-idUSKBN1900YY

10 giugno, Cina – Il presidente cinese: Cina e Russia dovrebbero rafforzare i legami

La Cina e la Russia dovrebbero rafforzare la comunicazione e promuovere il ruolo dell’organizzazione di cooperazione di Shanghai (SCO) per rafforzare la sua influenza negli affari globali e regionali, ha dichiarato il presidente cinese Xi Jinping incontrando il presidente russo Vladimir Putin.
I due presidenti hanno avuto una riunione bilaterale in vista del 17 ° vertice SCO a Astana, Kazakistan. Notando che lo SCO sta affrontando nuove opportunità e sfide, Xi ha dichiarato che la Cina e la Russia dovrebbero rispettare con fermezza lo “spirito di Shanghai”, rafforzare la solidarietà tra i membri dello SCO, mantenere la sicurezza e la stabilità regionale e promuovere la cooperazione pragmatica.
Xi ha esortato l’SCO a svolgere un ruolo più importante nel processo di pace e di riconciliazione dell’Afghanistan, aggiungendo che la Cina assumerà la presidenza rotatoria SCO dopo il vertice di Astana ed è disposta a mantenere una stretta comunicazione e coordinamento con tutte le parti, compresa la Russia, per conseguire ulteriori sviluppi.

Fonte: China Post, http://www.chinapost.com.tw/china/china-business/2017/06/10/498533/china-russia.htm

11 giugno, Cina – L’inquinamento in Cina: il sondaggio rileva che il 70% delle imprese viola le norme

Un controllo delle società con sede a Pechino ha scoperto che oltre il 70% ha violato le norme sull’inquinamento atmosferico. Le aziende hanno rilasciato più emissioni di quelle consentite, hanno operato senza licenze o hanno avuto scarsa dotazione di strumenti di controllo dell’inquinamento, ha riferito l’agenzia di stampa Xinhua.
I controlli sono stati effettuati in migliaia di aziende in 28 città in e intorno alla regione di Pechino-Tianjin-Hebei. L’inquinamento atmosferico nelle città cinesi è notoriamente cattivo. I risultati sembrano confermare i sospetti che le aziende ignorano rigorose politiche di protezione ambientale e che i funzionari non li impongano. Le ispezioni hanno scoperto che più di 13.000 aziende non avevano rispettato gli standard ambientali, ha dichiarato in un comunicato il ministero della protezione dell’ambiente. Il ministero ha ordinato ai funzionari locali di indagare le imprese e di risolvere i problemi. Il governo cinese è sotto pressione per fare di più per affrontare le fonti di smog, tra cui la riduzione della dipendenza da centrali elettriche a carbone, la principale fonte di energia elettrica del Paese.

Fonte: BBC
http://www.bbc.com/news/world-asia-china-40239693

Featured Image Source: http://www.chinapost.com.tw/china/china-business/2017/06/10/498533/china-russia.htm

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s