Rassegna settimanale 29 maggio-4 giugno: Cina e Corea del Nord

29 maggio, CINA – Il Giappone esorta la Cina a svolgere un ruolo più importante nel trattare con la Corea del Nord

Il consulente della sicurezza del primo ministro giapponese Shinzo Abe ha consigliato la Cina di svolgere un ruolo più importante nel fermare i programmi di sviluppo nucleare e missilistico della Corea del Nord. Il consulente per la sicurezza nazionale Shotaro Yachi ha rilasciato questi commenti durante una riunione vicino a Tokyo con il maggiore diplomatico cinese, il consigliere di Stato Yang Jiechi, lo stesso giorno in cui la Corea del Nord ha condotto l’ultimo test missilistico. Yachi ha riferito a Yang durante cinque ore di discussione che le azioni della Corea del Nord hanno raggiunto un nuovo livello di provocazione. “Il Giappone e la Cina devono lavorare insieme per sollecitare fortemente la Corea del Nord a evitare ulteriori azioni provocatorie e rispettare le risoluzioni delle Nazioni Unite”, ha dichiarato Yachi come Yang, invitando la Cina ad assumere un ruolo più importante.

Fonte: Reuters
http://www.reuters.com/article/us-china-japan-idUSKBN18Q04H

 

30 maggio, Cina – Usa, la Cina discute quando le Nazioni Unite dovrebbero agire sulla Corea del Nord

Gli Stati Uniti e la Cina stanno negoziando quando dovrebbero spingere per ulteriori azioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sulla Corea del Nord e potrebbero giungere a una decisione questa settimana, ha dichiarato l’ambasciatore statunitense alle Nazioni Unite Nikki Haley. L’ambasciatore ha dichiarato che gli Stati Uniti continueranno a lavorare con la Cina in qualunque modo essa pensi che sia il migliore.
Il Consiglio di Sicurezza ha imposto la prima sanzione a Pyongyang nel 2006 sul programma missilistico e nucleare e ha aumentato le misure in risposta a cinque prove nucleari e due lanci di missili a lungo raggio. La Corea del Nord sta minacciando un sesto test nucleare.

Fonte: Reuters
http://www.reuters.com/article/us-northkorea-missiles-usa-china-idUSKBN18Q2E4

 

31 maggio, Cina – L’attività di fabbrica cinese sostiene l’aumento dell’acciaio

I settori della produzione e dei servizi della Cina sono aumentati a maggio, grazie a solide costruzioni e investimenti in infrastrutture. Queste notizie sono state accolte molto bene dalle autorità che cercano di trovare un equilibrio tra il mantenimento di una crescita economica stabile e la dissoluzione dei rischi di debito. I dati suggeriscono che le autorità stanno avendo un certo successo nella stabilizzazione dell’economia senza rischiare un rallentamento della crescita in quanto stanno cercano di disinnescare i rischi della bolla da anni di incentivi alimentati da credito.
La maggior parte degli analisti concorda sul fatto che lo slancio in Cina rallenterà dopo una forte crescita del primo trimestre del 6,9 per cento, poiché si prevede che la crisi di Pechino sul settore finanziario abbia una ricaduta sui costi del finanziamento alle imprese.
Nell’ultimo anno però, l’attività nel settore siderurgico si è ampliata, sostenuta da nuovi ordini sempre più elevati.

Fonte: Reuters
http://www.reuters.com/article/us-china-economy-pmi-factory-official-idUSKBN18R04M

 

01 giugno, Cina – Dato il ritiro degli Stati Uniti, l’Unione Europea e  Cina cercano la leadership al vertice sul clima

La Cina e l’Unione Europea cercheranno di salvare un patto globale contro il cambiamento climatico da cui il presidente Usa Donald Trump sembra destinato a ritirarsi. Mentre la Cina si presenta come un improbabile partner globale in Europa nei settori dal libero scambio alla sicurezza, il premier Li Keqiang si incontrerà con i principali funzionari dell’UE al vertice di Bruxelles che affronterà anche i test missilistici della Corea del Nord e la sovraccapacità globale in acciaio.
Parlando martedì a Berlino, Li ha sottolineato un forte sostegno della Cina per l’accordo del cambiamento climatico di Parigi del 2015. La Cina ha superato gli Stati Uniti come maggior emittente al mondo di gas a effetto serra nel 2007. In una dichiarazione sostenuta da tutti i 28 Stati dell’UE, l’Unione Europea e la Cina si impegnano per la piena attuazione dell’accordo sul clima di Parigi. La dichiarazione congiunta, la prima tra la Cina e l’UE, si impegna a ridurre i combustibili fossili, sviluppando una tecnologia più verde e contribuendo a raccogliere 100 miliardi di dollari l’anno entro il 2020 per aiutare i paesi più poveri a ridurre le loro emissioni.

Fonte: Reuters
http://www.reuters.com/article/us-eu-china-idUSKBN18R3A4

 

02 giugno, Cina – UE e Cina: gli scambi commerciali hanno bloccato la dichiarazione sul clima

 

L’Unione Europea e la Cina hanno avvertito il vicepresidente americano Donald Trump che stava commettendo un grave errore ritirandosi dal patto climatico di Parigi. Tuttavia la coppia non è riuscita ad accordare una dichiarazione climatica formale a causa delle divisioni sul commercio. Parlando al fianco del premier cinese Li Keqiang, Donald Tusk ha dichiarato che gli sforzi per ridurre l’inquinamento e combattere i livelli del mare continueranno adesso senza gli Stati Uniti. Ma un diverbio sul commercio e la produzione di acciaio ha sottolineato le differenze in una relazione a volte difficile tra l’UE e la Cina. “Siamo convinti che la decisione di ieri da parte degli Stati Uniti di lasciare l’accordo di Parigi è un grande errore”, ha affermato Tusk, che presiede vertici europei come capo del Consiglio europeo. “La lotta contro i cambiamenti climatici e tutta la ricerca, l’innovazione e il progresso tecnologico che porterà, continueranno, con o senza gli USA”, ha dichiarato Tusk. Nella loro riunione, i tre leader si sono impegnati a ridurre i combustibili fossili, sviluppare una tecnologia più verde e contribuire a raccogliere fondi per aiutare i paesi più poveri a tagliare le loro emissioni, ma una controversia nei confronti del commercio ha sabotato i piani per una dichiarazione congiunta formale. La Cina e l’Unione Europea non hanno potuto concordare un più ampio comunicato finale destinato a concentrarsi su una serie di altre questioni discusse nei colloqui, tra cui un impegno per il libero scambio e le misure necessarie per ridurre la sovrabbondanza di acciaio.

Fonte: Reuters
http://www.reuters.com/article/us-eu-china-idUSKBN18T0FW

03 giugno, CINA – Mattis elogia gli sforzi della Cina sulla Corea del Nord

Gli Stati Uniti sono incoraggiati dagli sforzi della Cina per fermare la Corea del Nord, ma Washington non accetterà la militarizzazione di Pechino delle isole nel Mar Cinese Meridionale, ha dichiarato il segretario alla Difesa americano Jim Mattis. I commenti di Mattis, durante l’annuale Shangri-La Dialogue, mostrano come l’amministrazione del presidente Donald Trump stia cercando di bilanciare il lavoro con la Cina per contenere i programmi missilistici e nucleari avanzati della Corea del Nord mentre si occupano delle attività di Pechino nel Mar Cinese Meridionale. Gli alleati americani sono preoccupati dal fatto che Trump “corteggiando” attivamente il presidente cinese Xi Jinping per bloccare la Corea del Nord, possa poi permettere alla Cina un freno più libero altrove nella regione. L’inversione e il rallentamento dei programmi nucleari e missilistici della Corea del Nord sono diventati una priorità di sicurezza per Washington, data la promessa di Pyongyang a sviluppare un missile nucleare capace di colpire la terraferma americana. “L’amministrazione di Trump è incoraggiata dal rinnovato impegno della Cina a lavorare con la comunità internazionale verso la denuclearizzazione”, ha detto Mattis. Tuttavia, Mattis ha dichiarato che la cooperazione cinese sulla Corea del Nord non implica che Washington non sfiderà le attività di Pechino nel Mar Cinese Meridionale.

Fonte: Reuters
http://www.reuters.com/article/us-asia-security-idUSKBN18U015

 

04 giugno, CINA – Migliaia di persone si uniscono alla veglia di Hong Kong per l’anniversario di Piazza Tiananmen

Decine di migliaia di persone si sono radunate a Hong Kong per una veglia per celebrare il 28 ° anniversario della repressione della Cina contro le proteste pro-democratiche in e intorno a Piazza Tianamen a Pechino, mentre Taiwan ha esortato la Cina a fare una transizione alla piena democrazia. Quasi tre decenni dopo che Pechino inviò carri armati e truppe per abbattere le proteste condotte dagli studenti del 1989, le autorità cinesi vietano qualsiasi commemorazione pubblica dell’evento sulla terraferma e devono ancora rilasciare il numero di morti ufficiale. Le stime dei gruppi di diritti umani e dei testimoni variano da diverse centinaia a diverse migliaia di persone uccise. Hong Kong, un’ex colonia britannica che è tornata sotto la legge cinese nel 1997, è l’unico posto sul suolo cinese dove avviene una commemorazione su vasta scala, simboleggiando le relative libertà del centro finanziario rispetto alla terraferma. Gli eventi di quest’anno sono politicamente tesi, poiché avvengono appena un mese prima di una visita prevista del presidente Xi Jinping per celebrare 20 anni da quando Hong Kong è stata ripresa dalla Cina. “Quando Xi Jinping arriverà, saprà che la gente di Hong Kong non ha dimenticato”, ha detto Lee Cheuk-yan, organizzatore della veglia annuale. A Taiwan, il presidente Tsai Ing-wen ha segnato l’anniversario con un’offerta per aiutare la Cina a fare la transizione alla democrazia. Tsai ha affermato che il divario più grande tra Taiwan e Cina è la democrazia e la libertà.

Fonte: Reuters
http://www.reuters.com/article/us-china-tiananmen-idUSKBN18V06C

Featured Image Source: http://www.reuters.com/article/us-china-tiananmen-idUSKBN18V06C

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s