Rassegna settimanale 17-23 aprile: Cina e Corea del Nord

18 aprile, Corea del Nord – La Corea del Nord avverte che vi è rischio di una guerra nucleare improvvisa

Un alto funzionario nord coreano ha accusato gli Stati Uniti di aver trasformato la penisola coreana nella “più grande zona calda del mondo” e di aver creato “una situazione pericola in cui una guerra termonucleare potrebbe iniziare in qualsiasi momento”.
Il vice ambasciatore di Pyongyang alle Nazioni Unite, Kim In-ryong, ha descritto le esercitazioni militari tra gli Stati Uniti e la Corea del Sud come il più grande addestramento di guerra “aggressivo” e ha dichiarato che il suo paese è pronto a reagire a qualsiasi modo di guerra desiderato dagli Stati Uniti.
L’avvertimento di Kim avviene in seguito alle affermazioni del vice presidente statunitense Mike Pense, il quale ha assicurato il Giappone che Washington lavorerà a stretto contatto con i suoi alleati nella regione per ottenere una risoluzione pacifica alla crisi e denuclearizzare la penisola coreana.
Durante la sua visita a Tokyo con il Primo ministro Shinzo Abe, Pence ha dichiarato che gli Stati Uniti comprendono i tempi ardui in cui i giapponesi vivono, con provocazioni sempre più numerose da tutto il Mar del Giappone. Ha inoltre aggiunto che gli Stati Uniti sono al 100% con il Giappone.
Pence e Abe hanno ripetuto l’invito alla Cina a svolgere un ruolo più importante nel frenare le ambizioni nucleari della Corea del Nord.
Insieme alla Corea del Sud, il Giappone è particolarmente vulnerabile ad un attacco nordcoreano in quanto è all’interno del raggio delle armi convenzionali del regime.
Le dichiarazioni dei funzionari nord coreani avvengono in seguito all’affermazione di Trump. Il presidente statunitense ha sollecitato Pyongyang a comportarsi bene. Pence ha poi aggiunto che l’era della pazienza strategica è finita.

Fonte: The Guardian
https://www.theguardian.com/world/2017/apr/17/north-korea-war-break-out-any-moment-donald-trump-v

19 aprile, Corea del Nord – Pence: lavoreremo con gli alleati per fare pressione sulla Corea del Nord

Il vice presidente Mike Pense ha dichiarato che Washington lavorerà con i suoi alleati e con la Cina per esercitare pressioni economiche e diplomatiche sulla Corea del Nord. Ha anche aggiunto che gli Stati Uniti sconfiggeranno qualsiasi attacco con una risposta schiacciante.
Parlando a bordo del USS Roland Reagan, un vettore aereo di classe Nimitz in manutenzione programmata nel porto di Yokosuka, Pense ha dichiarato che le intenzioni degli Stati Uniti sono rimaste ferme di fronte alla minaccia posta dal Nord , il quale ha condotto una serie di test missilistici e nucleari a dispetto delle sanzioni dell’ONU, recentemente con un lancio missile fallito domenica.
Pense ha anche aggiunto che all’uso di qualsiasi arma convenzionale o nucleare, seguirà una travolgente ed effettiva risposta statunitense.
Mentre Pence rilasciava questi commenti, la Casa Bianca era alle prese con la controversia riguardante la posizione del gruppo d’attacco navale guidato dalla portaerei USS Carl Vinson. La scorsa settimana Trump ha dichiarato di aver inviato la portaerei vicino alla penisola coreana come avvertimento alla Corea del Nord, ma che questa ha continuato la navigazione in direzione dell’Australia.
Durante la sua visita a Tokyo, Pense ha anche annunciato che gli Stati Uniti rafforzeranno la propria presenza nel Pacifico.

Fonte: Reuters, http://www.reuters.com/article/us-pence-asia-japan-idUSKBN17L066

20 aprile, Corea del Nord- Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite avverte la Corea del Nord di terminare i test nucleari o fronteggerà altre sanzioni

Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha fortemente condannato l’ultimo test missilistico nord coreano e ha minacciato Pyongyang di imporre nuove sanzioni per il suo comportamento altamente destabilizzante.
In una dichiarazione unanime, il Consiglio ha chiesto alla Corea del Nord di non condurre ulteriori test nucleari. Ha anche affermato che le attività missilistiche illegali di Pyongyang hanno notevolmente aumentato le tensioni nella regione e non solo.
Mentre le precedenti dichiarazioni hanno solo avvertito di ulteriori sanzioni, il testo concordato ha menzionato specificatamente le sanzioni, segnalando una posizione più forte del Consiglio.
La dichiarazione redatta dagli Stati Uniti è stata concordata in seguito all’insistenza della Russia di utilizzare un linguaggio che sottolineasse il bisogno di raggiungere una pacifica soluzione “attraverso il dialogo”.
Gli Stati Uniti, che detengono la presidenza del consiglio rotatorio di questo mese, hanno previsto una riunione a livello ministeriale sulla Corea del Nord la settimana prossima, con la presidenza del segretario di Stato americano Rex Tillerson.
Mentre nessuna risoluzione sarà adottata durante la sessione del 28 aprile, gli Stati Uniti e i suoi alleati prevedono di aumentare la pressione sulla Cina, con l’obbiettivo di usare la sua influenza per frenare Pyongyang.

Fonte: The Guardian
https://www.theguardian.com/world/2017/apr/20/un-security-council-north-korea-nuclear-tests-sanctions#img-1

21 aprile, Cina – Trump prende di mira l’acciaio cinese a buon mercato

Il presidente Trump ha lanciato un’indagine commerciale contro la Cina e altri esportatori di acciaio a basso costo nel mercato statunitense, aumentando le possibilità di nuove tariffe e alzando le quote di alcuni produttori statunitensi di acciaio a oltre l’8 percento.
“L’acciaio è fondamentale sia per la nostra economia che per i nostri militari”, ha dichiarato Trump. “Questa non è un’area in cui possiamo permetterci di diventare dipendenti da paesi stranieri”.
Trump ha ottenuto molti voti in stati industriali come Michigan e Pennsylvania con l’impegno di incrementare la produzione e reprimere le pratiche commerciali cinesi.
La Cina è il più grande produttore nazionale di acciaio e ne produce molto più di quello che consuma, vendendo l’eccedenza prodotta all’estero, spesso a prezzi inferiori di quelli dei produttori nazionali.
L’inusuale mossa di lanciare un’inchiesta proviene dalla decisione di Trump di esercitare pressione sulla Cina per spingerla a fare di più per frenare una Corea del Nord sempre più bellicosa. Durante la visita del presidente cinese Xi Jinping in Florida all’inizio del mese, Trump ha sollevato la possibilità di utilizzare il commercio come leva per convincere la Cina a fare di più.
Il segretario al commercio Wilbur Ross ha lanciato la decisione di avviare un’indagine come risposta all’esportazioni cinesi di acciaio negli Stati Uniti, che raggiungono oggi 26% del mercato statunitense.

Fonte: Reuters, http://www.reuters.com/article/us-usa-trump-steel-idUSKBN17M237

22 aprile, Corea del Nord – Pence: un risultato pacifico per la Corea del Nord è ancora possibile

Il vice presidente Mike Pence ha dichiarato che la denuclearizzazione della penisola coreana può essere ancora raggiunta pacificamente a causa del nuovo impegno di Washington con la Cina, nonostante le crescenti paure che la Corea del Nord possa condurre presto un nuovo test nucleare.
Durante la sua visita in Australia, Pence ha affermato che gli Stati Uniti credono veramente ci siano possibilità di raggiungere un obbiettivo storico di una penisola coreana libera dal nucleare grazie a mezzi pacifici. Pence ha anche aggiunto che gli Stati Uniti sono incoraggiati dai passi che la Cina ha compiuto fino a ora.
All’inizio di questa settimana, Trump ha elogiato gli sforzi cinesi per frenare la “minaccia della Corea del Nord” dopo che i media statali nordcoreani hanno avvertito gli Stati Uniti di un “super-potente attacco preventivo”.

Fonte: Reuters, http://www.reuters.com/article/us-northkorea-usa-idUSKBN17O046

23 aprile, Corea del Nord– La Corea del Nord detiene cittadini americani mentre le navi giapponesi si uniscono ai giochi di guerra statunitensi

Tra le crescenti tensioni tra Corea del Nord e Stati Uniti, Pyongyang ha arrestato un cittadino americano, portando a tre il numero di americani che si trovano ora nel paese.
Poiché due navi giapponesi hanno raggiunto il gruppo di vettori statunitensi per esercitazioni nel Pacifico occidentale, la Corea del Nord ha annunciato che è pronta ad affondare una portaerei statunitensi in modo da dimostrare la sua potenza militare.
Il giornale del partito dei lavoratori del Nord ha riportato che il paese è pronto al combattimento e che un attacco alla portaerei statunitense potrebbe essere un esempio effettivo per mostrare la forza militare.
Il presidente Trump ha ordinato al gruppo di attacco USS Carl Vinson di navigare verso le acque vicino alla penisola coreana. Gli Stati Uniti non hanno specificato dove sia la portaerei ma il vice presidente Mike Pence ha dichiarato che il vettore raggiungerà la penisola fra qualche giorno, senza aggiungere dettagli.
La Corea del Nord ha anche minacciato l’Australia, dove Pence si è recato questo weekend, con uno attacco nucleare, nel caso continuasse “ciecamente e con zelo a mantenere la linea degli Stati Uniti”.

Fonte: The Guardian
https://www.theguardian.com/world/2017/apr/23/north-korea-detains-us-citizen-japanese-ships-us-war-games

Featured Image Source: https://www.theguardian.com/world/2017/apr/23/north-korea-detains-us-citizen-japanese-ships-us-war-games

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s