Rassegna settimanale 3-9 aprile: Africa Subsahariana

3 aprile 2017, ZIMBABWE – ONU: World Food Programme lancia piano da 250 milioni di dollari per porre fine alla fame in Zimbabwe

Il piano, di durata quinquennale, dovrebbe aiutare lo Zimbabwe a risolvere il problema legato all’alimentazione; il Paese, infatti, sta uscendo da un periodo di siccità devastante, causata da El Nino, che ha causato drammatiche carenze di cibo per quattro milioni di persone.

Il WFP spiega che a causare i problemi relativi alle risorse alimentari in Zimbabwe sono: frequenti disastri climatici, povertà, scarso accesso alle risorse idriche, ambiente economico fragile, scarso sviluppo agricolo, accesso limitato al mercato, HIV.

Lo Zimbabwe prevede di produrre tre milioni di tonnellate di cereali nel 2017, grazie a piogge abbondanti.

Fonte: Reuters

Link: http://af.reuters.com/article/topNews/idAFKBN17520A-OZATP

 

4 aprile 2017, NIGERIA – Lanciata campagna contro la meningite, numero dei morti salito a 336

Il Nigeria Centre for Disease Control ha dichiarato che il Paese sta lanciando una campagna di vaccini di massa come parte di una risposta di emergenza al rapido diffondersi della meningite, che negli Stati del Nordest del Paese ha già ucciso 336 persone. Il numero di casi sospetti è salito a 2997, mille in più rispetto alla scorsa settimana.

Fonte: Reuters

Link: http://af.reuters.com/article/topNews/idAFKBN1762A7-OZATP

 

5 aprile 2017, SUDAFRICA – Il Parlamento considera la mozione di sfiducia nei confronti di Zuma

Il 18 aprile, il Parlamento sudafricano voterà se porre la sfiducia nei confronti del Presidente Jacob Zuma, come richiesto dal partito d’opposizione dopo che il Presidente ha tolto dal suo incarico il Ministro delle Finanze.

Fonte: Reuters

Link: http://af.reuters.com/article/topNews/idAFKBN17723I-OZATP

 

7 aprile 2017, SUDAN DEL SUD – ONU: negato accesso al villaggio sospettato di essere scena di un massacro

Le autorità, nel Sudan del Sud, continuano a impedire l’accesso dei peacekeepers delle Nazioni Unite al villaggio di Pajok, vicino al confine con l’Uganda, in cui si sospetta che i soldati abbiano ucciso civili, tra cui bambini, questa settimana. I sopravvissuti alla strage, che hanno cercato rifugio in Uganda, raccontano di come alcune delle vittime fossero bambini, uccisi mentre cercavano di fuggire.

L’assalto di Pajok non è che l’ultimo di una lunga serie di attacchi che stanno interessando la fertile regione equatoriale. Molte città e molti villaggi sono ormai deserti.

Fonte: Reuters

Link: http://af.reuters.com/article/topNews/idAFKBN1791OQ-OZATP?pageNumber=2&virtualBrandChannel=0

 

8 aprile 2017, SOMALIA – Somaliland condanna giornalista a due anni di carcere

Il Somaliland, Stato autoproclamatosi indipendente nel Nord della Somalia nel 1991 ma non riconosciuto dalla comunità internazionale, ha condannato a due anni di carcere il reporter Abdimalik Muse Oldon per aver messo a rischio la pace e la sicurezza nazionali. La National Union of Somali Journalists (NUSOJ) ha spiegato che Oldon si trovava a Mogadiscio per coprire le elezioni presidenziali.

Fonte: Reuters

Link: http://af.reuters.com/article/topNews/idAFKBN17A0CR-OZATP

 

(Featured Image Source: Reuters)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s