Rassegna settimanale 30 Maggio-5 Giugno: Sud Est Asiatico

30 Maggio, Filippine- Duterte non partecipa alla cerimonia ufficiale della sua elezione

Rodrigo Duterte lunedì è stato proclamato ufficialmente il 16esimo Presidente delle Filippine. Duterte, però, ma ha preferito non partecipare alla cerimonia ufficiale presso il Congresso ma ha festeggiato a Davao City, dove è stato sindaco per 22 anni.

Duterte ha vinto contro Benigno Aquino che è stato in carica come Presidente per sei anni. Duterte ha vinto con il 40% dei voti grazie a una campagna che si è focalizzata sul voler ridurre la criminalità utilizzando misure drastiche. Duterte ha, infatti, già annunciato una serie di cambiamenti  tra cui il più bizzarro è di voler lavorare non dalle 8 di mattina alle 5 di pomeriggio ma dall’1 di pomeriggio a mezzanotte. Ha anche detto di voler continuare a vivere a Davao City e di andare tutti i giorni a Manila in aereo utilizzando voli economici.
Duterte annuncerà il suo governo martedì.

Fonte: Asian Correspondent
Link: https://asiancorrespondent.com/2016/05/philippines-rodrigo-duterte-absent-proclamation/

 

1 Giugno, Indonesia- Bacharuddin Jusuf Habibie dice NO alla pena di morte

L’ex Presidente Indonesiano Bacharuddin Jusuf Habibie ha denunciato pubblicamente l’uso della pena di morte, ancora praticata in Indonesia nonostante le pressioni della comunità internazionale.
Habibie ha fatto la dichiarazione durante la presentazione del libro “Politik Hukuman Mati di Indonesia” (“La politica della pena di morte in Indonesia).
Il movimento anti-pena di morte è sempre più diffuso nel Paese. Secondo Amnesty International l’Indonesia, nel 2015, ha inflitto 46 sentenze di morte e ha eseguito 14 esecuzioni e questo ha causato numerose proteste della comunità internazionale. Altre esecuzioni dovrebbero avvenire subito dopo il Ramadan. In più tra le 130 persone nel braccio della morte ci sono molti stranieri, tra cui una madre filippina.
Durante una visita in Europa lo scorso Aprile, il Presidente Joko Widodo ha difeso l’uso della pena di morte come deterrente per l’uso di droghe, ormai una emergenza nazionale. Secondo Joko ogni giorni muoiono tra le 30 e le 50 persone per uso di droghe.

Fonte: Asia Correspondent
Link: https://asiancorrespondent.com/2016/06/indonesia-bacharuddin-habibie-death-penalty/

 

Filippine- Duterte ha affermato che i giornalisti che vengono uccisi se lo meritano

Il Presidente Rodrigo Duterte ha scatenato polemiche per aver detto che i giornalisti che vengono uccisi si meritavano quel trattamento in quanto corrotti.
Rispondendo a domande su come la sua amministrazione ha intenzione di affrontare l’uccisione dei giornalisti, Duterte ha detto che la libertà di stampa riconosciuta dalla Costituzione non può proteggere i giornalisti dall’essere uccisi, soprattutto se sono dei “bastardi”.
Avrebbe detto: “la libertà d’espressione non ti può aiutare se hai fatto qualcosa di sbagliato”.
Duterte aveva già fatto dichiarazioni scomode sull’uccisione di Jun Pala, giornalista radiofonico e critico di Duterte, avvenuta nel 2003.

Fonte: Asian Correspondent
Link: https://asiancorrespondent.com/2016/06/philippines-duterte-journalists-murdered-deserved-it/

 

3 Giugno, Indonesia- Il governo punirà chi svolgerà incursioni illegali durante il Ramandan

Il governatore di Jakarta, Basuki “Ahok” Tjahaja Purnama, ha detto che arresterà chi svolgerà delle incursioni illegali in ristoranti e club durante il Ramadan.
Ahok ha assicurato che la così detta polizia morale, conosciuta anche come ormas (organizzazione di massa), sarà arrestata dalla polizia se cercherà  di fare incursioni durante il mese sacro del Ramadan. L’Indonesia ha numerose ormas che controllano che non vengano svolti atti irrispettosi o irreligiosi durante il Ramadan. Gruppi come Islamic Defense Front (FPI) a Jakarta e il Wilayatul Hisbah a Aceh organizzano irruzioni irregolari in bar e hotel “peccaminosi” e si scagliano contro persone vestite in modo inappropriato.
Queste attività sono considerate illegali dal 2013, quando durante queste incursioni una persona è stata uccisa.

Fonte: Asian Correspondent
Link: https://asiancorrespondent.com/2016/06/indonesia-governor-arrests-ramadan-raids/

 

Malesia- Famiglie della crew del volo MH17 denunciano la Malaysia Airlines

Le famiglie dei membri della crew del volo MH17, abbattuto sopra l’Ucraina due anni fa, hanno fatto causa alla Malaysia Airlines per negligenza e violazione del contratto che garantisce la sicurezza, salute e benessere della crew.
Secondo le famiglie, infatti, la compagnia aerea è colpevole di aver fatto volare l’aereo su un’area in conflitto. Secondo il legale delle famiglie, Thomas Philip, il vettore ha peccato di negligenza nel non aver condotto un adeguato risk assessment e per aver fatto volare l’aereo su una zona di conflitto, creando un rischio per tutti quelli a bordo.
L’aereo, in volo da Amsterdam a Kuala Lumpur, è stato colpito da un missile il 17 Luglio 2014 mentre volava sopra l’Ucraina. Tutte le 298 persone a bordo sono morte.

Fonte: Asian Correspondent
Link: https://asiancorrespondent.com/2016/06/families-of-flight-mh17-crew-sue-malaysia-airlines/

Thailandia- 10 milioni di bambini lavoratori in Sud Est Asiatico

Secondo un sondaggio svolto dall’Ufficio di Statistica Nazionale più di 10 milioni di bambini lavorano nel Sud Est Asiatico e di questi più di 85.000 lavorano in condizioni pericolose.
Molti dei bambini lavoratori sono stati costretti a lasciare la scuola per aiutare le loro famiglie.
La maggior parte dei bambini lavora in ambienti sicuri ma lavorano più di 48 ore a settimana. La metà di loro lavora nel settore dell’agricoltura mentre un 19% lavora nel commercio e un restante 12% nella ristorazione.
La Thailandia a  partire dal 2014 ha iniziato a fare sforzi per eliminare le forme peggiori di lavoro minorile. Il governo ha cambiato alcune leggi e ha alzato l’età minima per lavorare nell’agricoltura dai 13 ai 15 anni e per lavorare nella pesca dai 16 ai 18 anni. Il governo, però, sta facendo molta fatica a far applicare queste leggi e a migliorare la condizione nei settori dell’agricoltura, industria manifatturiera, settore informale…

Fonte: Asia Correspondent
Link: https://asiancorrespondent.com/2016/06/thailand-10-million-children-nations-workforce/

 

Indonesia- L’Indonesia ha accusato Singapore di violare la sua sovranità

Il Ministro degli affari esteri indonesiano ha accusato una azienda di Singapore di aver violato la sovranità dell’Indonesia per la sua rivendicazione dell’isola Air Manis a Batam (Isole Riau).
L’azienda è la Funtasy Island Development Pte Ltd che ha rivendicato l’isola e l’ha rinominata “Funtasy Island”. Questo comportamento ha violato la Legge indonesiana  No.1 del 2014 che regola la gestione delle aree costiere e le piccole isole.
L’azienda avrebbe marcato l’isola Air Manis come territorio di Singapore per motivi di marketing e per riuscire ad attrarre più turisti. L’Indonesia, però, ha inviato subito del personale militare sull’isola che ha esposto la bandiera dell’Indonesia.

Fonte: The Southeast Asian Times
Link: http://www.southeastasiantimes.com/

5 Giugno, Filippine- I singoli cittadini devono uccidere i trafficanti di droga

Il neo eletto Presidente Duterte ha incoraggiato il pubblico che partecipava ai festeggiamenti per la sua vittoria a Davao City a aiutarlo nella guerra contro il crimine e ha chiesto ai cittadini in possesso di armi di usarle per ammazzare i trafficanti di droga. Ha anche promesso ricompense per chi lo aiuterà in questa lotta alla criminalità.
Duterte ha impostato tutta la sua campagna elettorale sulla lotta al crimine e alla corruzione e ha promesso di migliorare la situazione in 6 mesi.
Gli attivisti per i diritti umani hanno espresso di loro dubbi sulla richiesta di Duterte, che potrebbe portare a una violazione diffusa dei diritti.

Fonte: Asian Correspondent
Link: https://asiancorrespondent.com/2016/06/philippine-president-elect-urges-public-kill-drug-dealers/

 

Featured image source: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/c/c0/Street_children.jpg

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s