Rassegna settimanale 15-21 giugno: Africa Subsahariana

15 giugno, CIAD – Attentato di Boko Haram nella capitale ciadiana N’Djamena

Alcuni attentatori suicidi hanno colpito la capitale ciadiana N’Djamena uccidendo almeno 23 persone e ferendone più di un centinaio.

I terroristi, a bordo di motociclette, si sono fatti espodere di fronte a due stazioni di polizia.

Il governo ciadiano ha accusato i militanti di Boko Haram di essere i fautori dell’attentato, ma il gruppo non ha commentato.

Il Ministro delle Comunicazioni Hassan Sylla Bakari ha fortemente condannato l’accaduto, dichiarando che Boko Haram “ha fatto un grosso errore a colpire il Ciad” e che tale “attacco barbarico non farà diminuire la determinazione e l’impegno ciadiani volti alla lotta contro il terrorismo” .

Boko Haram non aveva mai colpito N’Djamena prima d’ora. Tuttavia, l’attacco non dovrebbe sorprendere più di tanto visto il ruolo chiave giocato dalle forze ciadiane a sostegno della battaglia nigeriana contro il gruppo jihadista.

Fonte:BBC

Link: http://www.bbc.com/news/world-africa-33133511

16 giugno, UGANDA – Nuove truppe a sostegno della AMISOM

L’Uganda ha inviato 2,000 soldati a sostegno della AMISOM, la missione dell’Unione Africana in Somalia.

Dal 2007, l’Uganda sostiene la Somalia nella sua lotta contro Al-Shabaab. Attualmente l’esercito ugandese (Uganda Defense Forces – UDF) contribuisce alla AMISOM con più di 6,000 truppe.

Fonte: Shabelle

Link: http://allafrica.com/stories/201506170805.html

17 giugno, CIAD – Vietato il velo integrale per motivi di sicurezza

In seguito all’attentato di lunedì, il governo ciadiano ha vietato il velo integrale alle donne musulmane per questioni di sicurezza.

Il Primo Ministro Kalzeubet Pahimi Deubet ha sostenuto che il velo potrebbe essere usato come travestimento dai terroristi. Pertanto, ha ordinato alle forze dell’ordine di bruciare tutti i veli integrali in vendita nei negozi del Paese.

Fonte: BBC

Link: http://www.bbc.com/news/world-africa-33166220

18 giugno, CIAD- Incursioni aeree in Nigeria per colpire e basi di Boko Haram

L’esercito ciadiano ha condotto delle incursioni aeree nella confinante Nigeria sorvolando e attaccando quelle che si sospetta siano le basi dei militanti di Boko Haram.

Tali attacchi giungono i risposta all’attentato di Boko Haram nella capitale ciadiana N’Djamena avvenuto questo lunedì.

Secondo l’esercito, sei basi del gruppo terrorista sono state distrutte.

Fonte: BBC

Link: http://www.bbc.com/news/world-africa-33182729

19 giugno, ZIMBABWE – Discussioni infuocate sul età del consenso sessuale dopo i commenti del procuratore generale Tomana

Durante un’intervista, Johannes Tomana, il procuratore generale in Zimbabwe, ha messo in dubbio tutti i casi riguardanti il sesso con ragazzine al di sotto dei 16 anni che, a parer suo, non dovrebbero essere intesi come stupri.

Egli ha infatti sostenuto che per queste ragazzine che non frequentano la scuola non esistono alternative al matrimonio precoce. Pertanto il loro consenso al matrimonio prima dell’età legalmente accettata dovrebbe essere valutato con cautela.

Tomana è stato fortemente criticato per le sue affermazioni. Il ministro dell’Informazione Jonathan Moyo si è unito alle critiche definendo l’intervista di Tomana “oltraggiosa” e sostenendo che tali commenti potrebbero compromettere la sua carica di pubblico ministero.

La legge dello Zimbabwe stabilisce l’età del consenso sessuale a 16 anni. Nonostante ciò moltissime giovani in età scolare vengono costrette a sposarsi ben prima di aver raggiunto tale età.

Fonte: BBC

Link: http://www.bbc.com/news/world-africa-33203462

20 giugno, MALI – Firmato accordo di pace tra il governo e i ribelli tuareg

Grazie alla mediazione dell’Algeria, è stato concluso un accordo di pace tra il governo del Mali e i gruppi ribelli del nord del Paese, a maggioranza tuareg.

Il documento era stato già firmato a maggio dal governo e da alcuni gruppi, ma era stato rifiutato dai ribelli che chiedevano maggiori garanzie: ottenuta l’autonomia parziale del nord del Paese, anch’essi sono saliti a bordo.

L’accordo di pace, firmato a Bamako alla presenza del presidente del Mali Ibrahim Boubaca Keita e del capo della missione Onu Mongi Hamdi, segna la fine di rivolte e disordini che lacerano il Paese dal 1960, anno in cui il Mali ottenne l’indipendenza dalla Francia.

Fonte: BBC

Link: http://www.bbc.com/news/world-africa-33213931

21 giugno, SOMALIA – Attentato a Mogadiscio

Il gruppo terrorista di al-Shabaab ha lanciato un attacco nella capitale somala Mogadiscio.

Diversi uomini armati e un’autobomba hanno attaccato un centro di formazione per i servizi nazionali di intelligence.

I funzionari del governo hanno dichiarato che i soldati hanno sventato l’attacco e che almeno tre militanti sono morti.

Il gruppo terrorista aveva precedentemente annunciato che avrebbe intensificato gli attentati durante il periodo del Ramadan, iniziato il 17 giugno.

Fonte: BBC

Link: http://www.bbc.com/news/world-africa-33214675

(Featured Image Source: https://www.flickr.com/photos/m1key-me/11293055985/in/photostream/ )

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s