Rassegna settimanale 25-31 maggio: Cina e Corea del Nord

25 Maggio, Cina- Funzionari in “gita” alle prigioni per incontrare alcuni ex colleghi condannati per corruzione

Alcuni ufficiali del governo e le loro mogli sono stati portati a visitare le prigioni locali e a incontrare gli ufficiali condannati per aumentare così la loro consapevolezza sulla corruzione.
Questo mese il programma “educativo” ha coinvolto più di 70 membri del governo della provincia di Hubei nello Shiyan. Durante la visita hanno incontrato 15 ex funzionari, tra cui alcuni loro ex colleghi e ex capi, condannati per motivi diversi che vanno dalle bustarelle all’abuso di potere.
Queste visite vengono organizzate per ricordare ai funzionari di “Non farsi coinvolgere in atti di corruzione, esercitare il loro potere in modo giusto e onesto e accettare la supervisione del Partito”.
Dal 2012, anno in cui Xi Jinping ha preso il potere, la lotta alla corruzione è diventata sempre più severa e più di 100 funzionari dei ministeri e delle province sono stati interrogati per bustarelle e mazzette.
Da quando questa campagna anti-corruzione è iniziata, le autorità hanno dato sempre più importanza alle visite delle prigioni da parte dei funzionari per rendersi conto meglio della gravità della corruzione e delle sue conseguenze.

Fonte: China Daily
Link: http://www.chinadaily.com.cn/china/2015-05/25/content_20805533.htm

Cina- Xi si congratula con la Liberia per la sua vittoria contro l’ebola

Il Presidente cinese Xi Jinping recentemente ha mandato un messaggio al Presidente della Liberia Johnson Sirleaf per congratularsi per la vittoria della Liberia contro l’ebola.
Nel messaggio Xi ha detto: Cina e Africa sono buoni partner e amici ed era quindi obbligatorio per la Cina supportare l’Africa nella lotta contro l’ebola.
La Cina ha, infatti, dato il suo aiuto nella lotta contro questo virus e ha dato il suo contributo per la vittoria della Liberia contro questa malattia. Per questo Xi e il suo governo sono molto contenti che la Liberia, anche grazie alla forte leadership del suo Presidente Sirleaf, sia riuscita a vincere questa battaglia.
Xi ha anche dichiarato che il suo Paese vuole partecipare attivamente alla ricostruzione economica e sociale “post-ebola” ed è intenzionato a rafforzare la cooperazione tra i due Paesi in varie aree in modo da portare maggiori benefici a entrambe la parti.
All’inizio del mese la World Health Organization ha annunciato la fine del virus in Liberia e Sirleaf aveva mandato un messaggio di ringraziamento a Xi per il suo grande aiuto nella lotta all’ebola.

Fonte: China Daily
Link: http://www.chinadaily.com.cn/china/2015-05/25/content_20814954.htm

26 Maggio, Cina- Al via la prima sessione annuale della Conference on Interaction and Confidence-Building Measures in Asia (CICA)

Il forum non governativo della Conference on Interaction and Confidence-Building Measures in Asia (CICA) ha iniziato la sua prima sessione annuale lunedì, chiedendo un maggior supporto pubblico nel promuovere la cooperazione regionale sulla sicurezza.
Questa Conferenza, secondo il Presidente Xi Jinping, può avere un ruolo importante nella promozione del mutuo rispetto e della coesistenza pacifica tra culture, razze e religioni diverse.
Secondo Xi, infatti, si deve promuovere maggiormente una governance della sicurezza regionale e una pace e uno sviluppo asiatici.
Secondo Pechino, i Paesi asiatici devono rafforzare la fiducia politica, costruire un nuovo tipo di partnership asiatica, promuovere un dialogo sulla sicurezza, creare una piattaforma di cooperazione asiatica nell’ambito della sicurezza, rafforzare la cooperazione economica e rilanciare un dialogo tra culture diverse.
Da quando la Cina, lo scorso anno, ha preso la presidenza della CICA si è impegnata molto per aumentare gli scambi della CICA e rafforzare l’idea di sicurezza asiatica.

Fonte: Xinhua
Link: http://www.chinadaily.com.cn/china/2015-05/25/content_20815059.htm

Cina- Prima pubblicazione di un white paper sulla sicurezza. Verso una maggior trasparenza militare?

Martedì la Cina ha pubblicato il suo primo white paper sulla strategia militare, dando così inizio a una maggior trasparenza militare fornendo dettagli della direzione del suo sviluppo in ambito sicurezza a altre nazioni.
Il documento, lungo circa 9.000 caratteri cinesi, è caratterizzato da una lista di nuove espressioni che non erano mai apparse prima in un white paper cinese come: lo sviluppo pacifico, la strategia militare di “difesa attiva”, l’idea che “non attaccheremo a meno che non veniamo attaccati ma sicuramente se attaccati contrattacchiamo”, la Cina non cerca l’egemonia o l’espansione…
Per la prima volta la Cina dice che “alcuni vicini offshore stanno rafforzando la loro presenza militare in isole e barriere coralline cinesi che hanno occupato illegalmente. Per questo la Cina deve salvaguardare i suoi interessi e diritti marittimi.
Nel documento si dice anche che la marina del People’s Liberation Army “gradualmente passerà il suo focus dalla difesa delle acque offshore a una combinazione di difesa delle acque offshore e una protezione dei mari”.

Fonte: China Daily
Link: http://www.chinadaily.com.cn/china/2015-05/26/content_20820125.htm

Cina- La Cina costruirà due fari nel Mar Cinese Meridionale

Il Ministro dei Trasporti cinese martedì ha ospitato una cerimonia rivoluzionaria per la costruzione di due fari sulle barriere Huayang e Chingua delle isole cinesi Nansha.
Lo scopo è quello di aumentare la sicurezza della navigazione nelle acque delle isole Nansha e fornire un servizio di navigazione più efficiente.
I due fari, ornati con elementi tradizionali cinesi, sono alti 50 metri e sono progettati per avere un raggio di illuminazione di 22 miglia nautiche.
Il Mar Cinese Meridionale è una via di trasporto marittimo di importanza internazionale e anche una zona di pesca rilevante. Dopo una serie di incidenti marittimi si è scelto di costruire i fari proprio per aumentare la sicurezza della navigazione.

Fonte: Xinhua
Link: http://www.chinadaily.com.cn/china/2015-05/26/content_20822992.htm

28 maggio, Cina – Autori cinesi e statunitensi protestano contro la censura in una fiera del libro di New York

A New York diversi autori cinesi e statunitensi sono scesi in strada per manifestare l’importanza che è stata data alla Cina durante la fiera del libro, ignorando la forte censura che domina nel Paese.

Jonathan Franzen, Xiaolu Guo, Andrew Solomon, Ha Jin ed altri si sono riuniti fuori dalla principale biblioteca pubblica di New York per richiedere la scarcerazione del premio Nobel cinese Liu Xiaobo e del professor Ilham Tohti.

La fiera del libro è comunque un evento importante per la Cina, dato che le permette di approfondire scambi culturali ed economici.

Fonti: Asian correspondent

Link: http://asiancorrespondent.com/133203/chinese-and-us-authors-protest-major-book-fair-censorship/ 

Cina – Il premier Li in visita in America Latina

Il premier Li è di ritorno in Cina dopo essersi recato in visita in diversi Paesi dell’America Latina, tra cui Brasile, Colombia, Perù e Cile. Durante il ritorno farà tappa anche nell’isola di Maiorca, per incontrare il vice primo ministro spagnolo, Soraya Saenz de Santamaria.

Fonti: China daily

Link: http://www.chinadaily.com.cn/world/2015livistsa/2015-05/28/content_20847605.htm 

Cina – Relazioni con la Spagna sempre più profonde

Il premier cinese Li, dopo la visita a diversi Paesi dell’america Latina, ha fatto tappa a Maiorca, per incontrare il vice primo ministro spagnolo, Soraya Saenz de Santamaria.

In tal occasione, ha affermato che è interessato a rafforzare le relazioni politiche con la Spagna , ad aumentare gli scambi commerciali e ad avviare investimenti bilaterali in diversi ambiti, come il turismo e l’educazione.

Spagna e Cina si sono poi accordati di collaborare per lo sviluppo di mercati di Paesi terzi. Questo permetterà di incoraggiare la crescita economica, creare posti di lavoro, ma anche di aiutare i Paesi in via di sviluppo aggiornando il livello di costruzione delle infrastrutture e promuovere congiuntamete uno sviluppo sostenibile dell’economia mondiale.

I due Paesi hanno anche deciso che svilupperanno la comunicazione e la cooperazione all’interno della struttura definita dall’ONU e che cercheranno di promuovere la Post-2015 Development Agenda.

Fonti: China daily

Link: http://www.chinadaily.com.cn/world/2015livistsa/2015-05/28/content_20841119.htm

29 maggio, Cina – 15 cinesi accusati di truffa negli esami di ammissione alle università americane

I pubblici ministeri americani hanno accusato 15 cittadini cinesi di truffa. La truffa era così strutturata: una serie di impostori venivano pagati per andare a sostenere gli esami di ammissione alle università americane usando dei passaporti falsi per entrare nel Paese.

Le accuse sono di cospirazione, contraffazione di passaporti stranieri e frode.

L’università di Pittsburgh ha dichiarato che non si sa ancora quanti studenti cinesi siano entrati nelle università americane attraverso questo imbroglio.

Il pubblico ministero ha affermato che coloro che hanno sostenuti gli esami avevano ricevuto fino 6,000 $. Gli accusati rischiano fino a 20 anni di prigione e/o una multa che potrebbe ammontare a 250,000 $, se dichiarati colpevoli.

Gli U.S.A. ospitano tantissimi studenti cinesi. Nell’anno accademico 2013-2014 gli studenti cinesi rappresentavano il 30% di tutti gli iscritti nelle università americane.

Fonti: Asian correspondent

Link: http://asiancorrespondent.com/133223/us-charges-15-chinese-nationals-over-university-entrance-exam-scam/

30 maggio, Cina – Questioni territoriali nel Mar cinese meridionale

La Cina sta costruendo un’isola artificiale nel Mar cinese meridionale. Alcuni Paesi vicini l’hanno accusata che l’isola abbia scopi militari.

Gli U.S.A., in occasione del forum sulla sicurezza Shangri-La Dialogue, hanno dichiarato che questa mossa potrebbe destabilizzare enormemente la pace e la sicurezza nella zona.

L’ambasciatore cinese negli Stati Uniti, Cui Tiankai, dal canto suo, ha affermato di essere “molto sorpreso che gli U.S.A. abbiano reagito in maniera eccessiva e che stiano inasprendo la situazione”.

Secondo Hua Chunying, portavoce del Ministero degli Esteri cinese, gli Stati Uniti dovrebbero adottare un atteggiamento più neutrale, dato che il Mar cinese meridionale non costituisce una preoccupazione per l’America.

Cui ha anche aggiunto che gli U.S.A. stanno facendo tantissime dichiarazioni false sulla Cina, e sono proprio queste a mettere in pericolo la stabilità della regione. La Cina, infatti, ha fortissimi interessi economici e commerciali che la spingono a mantenere la stabilità nella zona.

Hua ha dichiarato che tutto quello che stanno facendo nel Mar cinese meridionale è legale e giustificato.

Ultimamente gli Stati Uniti hanno inviato aerei a sorvolare la zona per sottolineare che i territori sono da considerarsi come acque internazionali e non di proprietà cinese.

Fonti: BBC, China daily, IBtimes

Link: http://www.bbc.com/news/world-asia-32941829

http://www.chinadaily.com.cn/china/2015-05/30/content_20865649.htm

http://www.chinadaily.com.cn/world/2015-05/30/content_20864752.htm

http://www.chinadaily.com.cn/china/2015-05/30/content_20864748.htm

http://it.ibtimes.com/mar-cinese-meridionale-usa-invita-la-cina-fermare-la-bonifica-nellarea-1404452

Corea del Nord – Gli U.S.A. premono per una denuclearizzazione  della penisola coreana

Un delegato statunitense ha dichiarato la necessità di “unità e cooperazione” di tutte le parti per far avanzare la denuclearizzazione della penisola coreana.

Kim Sung, rappresentante speciale degli Stati Uniti a Pechino per la politica della Corea del Nord, ha dichiarato che l’unità delle cinque parti e gli scambi di note coi colleghi cinesi sono sempre stati fondamentali.

Kim ha anche dichiarato di sostenere la posizione cinese, di pressione su Pyongyang.

Hua Chunying, portavoce del ministero degli esteri cinese ha affermato, invece, che la questione nucleare coreana è complessa e che le varie preoccupazioni devono essere indirizzate attraverso il dialogo e la negoziazione.

In Seul ha anche avuto luogo un incontro trilaterale tra U.S.A., Giappone e la Repubblica di Corea. Tema dell’incontro è anche stato le pressioni e le sanzioni da applicare alla Corea del Nord.

Cina, Stati Uniti, Russia, Giappone, Repubblica di Corea e Repubblica democratica popolare coreana avevano avviato incontri a 6 nel 2003. Questi incontri, tuttavia, sono fermi dal 2008.

Fonti: China daily

Link: http://www.chinadaily.com.cn/world/2015-05/30/content_20865452.htm

 (Featured image source China daily)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s