Rassegna 27 aprile – 3 maggio: Sud est asiatico

27 aprile, Asia – L’ASEAN non affronterà le questioni territoriali nel Mar cinese meridionale secondo il Primo ministro malese

Il Primo ministro malese, Najib Razak, ha affermato che i Paesi dell’ASEAN eviteranno il confronto diretto con la Cina sulle questioni territoriali nel Mar cinese meridionale. Secondo il Premier questo atteggiamento di non intervento è servito a mantenere sotto controllo la situazioni nella zona evitando maggiori tensioni.

Fonti: Asian correspondent

Link: http://asiancorrespondent.com/132444/malaysia-pm-says-asean-will-avoid-confrontation-on-south-china-sea/

29 aprile, Indonesia – Esecuzioni incomprensibili

Il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite ha criticato la decisione dell’Indonesia di giustiziare 8 persone per traffico di droga.

La decisione presa è, infatti, incomprensibile al Consiglio, dato che Indonesia ha più volte richiesto maggiore clemenza per i suoi concittadini condannati all’esecuzione in Paesi terzi.

Le reazioni e le critiche a tale sentenza da parte della comunità internazionale sono state dure.

Rupert Colville, portavoce dell’alto commissario Onu per i diritti umani, ha affermato che la pena di morte è prevista per crimini gravi e che, in questo caso, non si sarebbe dovuta applicare.

Anche Ban Ki Moon, il Segretario generale dell’ONU, ha fatto tutto il possibile affinché queste 8 vite venissero salvate.

Amnesty International ha definito la sentenza “assolutamente riprovevole”.

Tra gli 8 condannati c’erano anche 2 australiani. L’Australia, un alleato importante per l’Indonesia, ha fatto rientrare il suo ambasciatore in segno di protesta.

Mary Jane Fiesta Veloso, cittadina filippina, a seguito di una richiesta del Presidente delle Filippine, non è stata per ora giustiziata.

Fonti: Asia correspondent, BBC, The Diplomat, UN News Center

Link: http://asiancorrespondent.com/132540/un-rights-office-says-indonesia-executions-incomprehensible/

http://asiancorrespondent.com/132524/indonesia-confirms-executions-of-8-drug-smugglers/

http://www.bbc.com/news/world-asia-32527586

http://www.bbc.com/news/world-asia-32501712

http://thediplomat.com/2015/04/indonesia-executions-strain-ties-with-australia/

http://www.un.org/apps/news/story.asp?NewsID=50729#.VUfqNBzKCjQ

30 aprile, Tailandia – Chiusa l’inchiesta del giornalista giapponese ucciso

L’inchiesta sulla morte del video giornalista giapponese della Reuters ucciso nel 2010 in Tailandia durante alcune proteste è stata chiusa.

La Corte ha dichiarato che non può essere determinato se il colpo mortale fu sparato dai manifestanti o dall’esercito.

La Tailandia è stata criticata per la lentezza dello svolgimento dell’inchiesta.

Fonti: Asian correspondent

Link: http://asiancorrespondent.com/132557/thai-inquest-lays-no-blame-in-2010-killing-of-reuters-cameraman/

Birmania – Il parlamentare Shwe Mann in visita in U.S.A.

Il dipartimento di Stato americano ha dichiarato che il parlamentare Shwe Mann discuterà le riforme democratiche con il numero 2 dei diplomatici americani durante una visita a Washington.

Shwe Mann è candidato alle prossime elezioni nazionali, che potrebbero rappresentare un momento storico importante dopo 5 decadi di governo militare.

Fonti: Asian correspondent

Link: http://asiancorrespondent.com/132547/burma-parliament-speaker-shwe-mann-travels-to-us-for-diplomatic-talks/

1 maggio, Tailandia – Trovati 32 corpi, forse appartenenti al gruppo etnico “Rohingya”

La polizia tailandese ha dichiarato di aver trovato nel sud del Paese 32 corpi, probabilmente appartenenti alla minoranza etnica “Rohingya”. Alcuni dei corpi erano seppelliti, altri coperti di vestiti e coperte.

Non è chiara la causa della morte.

Si pensa, comunque, che appartengano a questo gruppo etnico perché i trafficanti di esseri umani abitualmente mettono i “Rohingya” richiedenti asilo in campi temporanei, prima di farli entrare illegalmente nella vicina Malesia.

I “Rohingya” soffrono di discriminazione in diversi Paesi, tra cui la Birmania; per questo cercano asilo nei Paesi vicini.

Fonti: Asian correspondent

Link: http://asiancorrespondent.com/132590/bodies-of-32-suspected-rohingya-trafficking-victims-found-in-southern-thailand/

Birmania – I ribelli delle minoranze etniche si incontrano per giungere a un accordo su un cessate il fuoco

I leader dei gruppi dei ribelli delle minoranze etniche si incontreranno nel Nord est della Birmania per discutere come porre a termine agli scontri su tutto il territorio.

Alcuni gruppi di ribelli, che si battono per l’autonomia, si stavano scontrando con le truppe del governo, causando moltissimi morti.

Fonti: Asian correspondent

Link: http://asiancorrespondent.com/132589/burmas-ethnic-rebels-meet-to-discuss-nationwide-ceasefire/

Cambogia – Rifiutate le richieste d’asilo provenienti dal Vietnam

Human Rights Watch ha denunciato il rifiuto della Cambogia di permettere ai richiedenti asilo provenienti dal Vietnam di registrarsi e cercare di ottenere l’asilo.

L’atteggiamento adottato dalla Cambogia da gennaio 2015 va contro il diritto internazionale del rifugiato.

La Cambogia, infatti, ha il dovere di concedere asilo a quelle minoranze provenienti dal Vietnam centrale che scappano da persecuzioni etniche definendole “immigranti illegali”.

Se non inizierà a seguire il diritto internazionale, si potrebbe assistere a una deportazione più grande di quella degli Uighurs cinesi del 2009.

Il governo cambogiano dovrà poi pagare le dure conseguenze diplomatiche di questa azione.

Fonti: Human Rights Watch

http://www.hrw.org/news/2015/05/01/cambodia-register-not-return-vietnamese-asylum-seekers

2 maggio, Birmania – Elezioni

Shwe Mann, il parlamentare della Birmania/Myanmar, ha affermato che si candiderà alle elezioni qualora sia nominato dal partito al governo.

Il parlamentare si trova ora in visita negli Stati Uniti.

Fonti: Asian correspondent

Link: http://asiancorrespondent.com/132611/burma-speaker-says-hell-run-for-presidency-if-nominated/

3 maggio, Tailandia – Traffico di esseri umani

La polizia tailandese ha continuato le ricerche nella zona dopo il ritrovamento di 32 corpi, sospettati di appartenere alla minoranza etnica “Rohingya”.

Questa triste scoperta ha ricordato che il traffico di esseri umani continua. La Tailandia sarebbe, infatti, solo una tappa intermedia verso la Malesia per questa minoranza etnica vittima di persecuzioni in Myanmar.

Nel 2012 l’ONU aveva emesso una risoluzione che richiedeva al Myanmar di riconoscere la cittadinanza ai “Rohingya”.

Human Rights Watch ha definito la situazione tailandese “fuori controllo”.

Fonti: Asian correspondent

Link: http://asiancorrespondent.com/132619/thai-police-dig-up-graves-at-suspected-trafficking-camp/

http://www.bbc.com/news/world-asia-32547552

http://www.bbc.com/news/world-asia-32562105

(Feature image source: Flickr European Commission DG)

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s