Rassegna settimanale 16 – 22 febraio: Sud Est Asiatico

17 febbraio – Tailandia: lotta al traffico di esseri umani inadeguata

Un gruppo di attivisti umani, ha definito gli sforzi della Tailandia nella lotta al traffico di esseri umani, “completamente inadeguati”. Il loro fallimento riguarda anche la contrapposizione alla connivenza e al coinvolgimento dei politici nel traffico di esseri umani e nello sfruttamento lavorativo nel mondo ittico.

Martedì la Environmental Justice Foundation(EJF) di Londra, ha dichiarato che la Tailandia non è ancora riuscita a prevenire gli abusi nell’industria ittica. Ha inoltre affermato “il governo tailandese dovrebbe prender provvedimenti chiari e significativi prevenire e sopprimere il traffico di esseri umani nell’industria ittica”.

Fonte: Thomas Reuters Foundation
Link: http://www.trust.org/item/20150217093556-r6j0r/?source=reOtherNews3

18 febbraio – Myanmar: legge marziale e stato d’emergenza nella regione di Kokang

Il presidente birmano Thein Sein ha dichiarato lo stato di emergenza nella regione di Kokang, nello Stato Shan, zona orientale del Myanmar al confine con la Cina, imponendo la legge marziale per i prossimi tre mesi. L’annuncio è arrivato la scorsa notte in un intervento trasmesso dalla tv di Stato del Myanmar e segue le perpetrate violenze dei giorni scorsi nell’area. Gli scontri fra il Myanmar National Democratic Alliance Army (Mndaa) e i militari, sono divampati il 9 febbraio, hanno causato almeno 47 morti fra i soldati e 26 fra i ribelli, migliaia di civili hanno abbandonato la zona in cerca di riparo in aree più sicure.

Ieri due ignoti assalitori hanno aperto il fuoco contro un convoglio con il simbolo della Croce rossa del Myanmar (Mrcs), ferendo due persone. Gli automezzi trasportavano un gruppo di civili sfollati a causa dei combattimenti a Laukkai, nei pressi del confine cinese. Si tratta del primo attacco nella storia del Paese a un veicolo con l’effige dell’ente umanitario. “Non si erano mai verificati attacchi di questo tipo in passato” ha affermato Shwe Cin Myint, portavoce Mrcs. “Questo è il primo”.

Fonte: Thomas Reuters Foundation
Link: http://www.trust.org/item/20150217151205-ucg4a/?source=reOtherNews2

Filippine: si apre uno spiraglio dal MILF?

I ribelli musulmani hanno restituito al governo filippino almeno 16 armi da fuoco ai commandi della polizia. Il ribelle Rasid Ladiasan, del Moro Islamic Liberation Front (MILF) ha detto che la consegna delle armi agli ufficiali del governo, è una vera e propria dimostrazione di “pace” da parte dei ribelli. Un altro fucile è stato consegnato dopo queste dichiarazioni, al commissariato di polizia.

Fonte: Asian Correspondent
Link: http://asiancorrespondent.com/130727/philippines-milf-rebels-return-16-firearms-of-slain-commandos/

19 febbraio – Thailandia: incriminazione ufficiale per Shinawatra

Questa mattina il procuratore generale thai ha incriminato in via ufficiale la ex Primo Ministro Yingluck Shinawatra. Se do vesse esser riconosciuta colpevole potrebbe essere condannata fino a 10 anni di prigione. Prima donna alla guida di un governo nel Paese asiatico, Yingluck – sorella dell’ex premier e multimiliardario Thaksin, è accusata di negligenza per il suo ruolo nella rifrorma per i sussidi alla produzione di riso. Secondo gli accusatori il controverso programma, mirato alla compravendita di voti, sarebbe costato miliardi di dollari alle casse dello Stato e non avrebbe apportato benefici all’economia della nazione. Le nuove accuse rappresentano solo l’ultimo atto di una lotta decennale fra il clan Thaksin e l’establishment militare, fedele alla monarchia.

La Corte suprema dovrà decidere entro il 19 marzo se rinviare a giudizio e processare la donna, deposta dall’incarico nel maggio scorso in seguito a un colpo di Stato dei militari. Una prova di forza dell’esercito, che ha messo fine a mesi di proteste di piazza che chiedevano le dimissioni dell’esecutivo.

Fonte: The Guardian
Link: http://www.theguardian.com/world/2015/feb/19/thailand-indicts-yingluck-shinawatra-over-rice-subsidy-scheme

Myanmar: chiesto l’aiuto della Cina nella lotta agli attacchi terroristici

La Cina dovrebbe cooperare con il Myanmar nella prevenzione degli “attacchi terroristici” che vengono avviati dai territori cinesi, ha dichiarato giovedì un ufficiale in Myanmar, dopo i 10 giorni di combattimenti tra l’esercito e i ribelli.

I due ministri degli esteri si incontreranno mercoledì per discutere della crisi.

Fonte: Reuters
Link: http://www.reuters.com/article/2015/02/19/us-myanmar-clashes-idUSKBN0LN10Y20150219

20 febbraio – Indonesia: disboscamento sfrenato

Più del 30% del legno utilizzato dalle compagnie della carta e dalle industrie del settore forestale, è illegale e provverrebbe da sgomberi non documentati di intere foreste naturali, hanno dichiarato i alcuni ricercatori.

L’Indonesia ha il più alto tasso di disboscamento tropicale del mondo, con una perdita di foreste vergini che ammonta ad un totale di 60,000 sq per kms (23,000 sq miglia) dal 2000 al 2012, sostituite spesso, per lasciar spazio ale piantagioni di olio di palma e fattorie.

Fonte: Thomas Reuters Foundation
Link: http://www.trust.org/item/20150220151441-5izr0/?source=reOtherNews2

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s