Rassegna settimanale 3-9 novembre: Giappone e Corea del Sud

3 novembre 2014, GIAPPONE – La doccia fredda della Xinhua sull’idea di un dialogo Xi-Abe

L’agenzia di stampa cinese Xinhua ha gettato una doccia fredda sulle speranze giapponesi che i leader dei due Paesi, Xi Jinping e Shinzo Abe, potessero approfittare del vertice APEC (che si terrà a Pechino la prossima settimana) per un incontro ufficiale volto a rilassare le tensioni sulle dispute territoriali e la responsabilità militare del Giappone.

In un commento in lingua inglese sul sito della Xinhua, si legge: “Abe has spared no efforts in seeking to meet with Xi. His wish will be fulfilled, since Beijing, the host of this forum, will undoubtedly receive the Japanese leader with etiquette and hospitality, despite chronic territorial rows and a historical feud with Tokyo. However, that does not necessarily mean Abe’s long-sought formal talks with Xi during APEC would come true, which demands Abe extend good faith and take real action to create the proper atmosphere.” Sembra tuttavia che Abe non abbia fatto gli sforzi necessari per migliorare i rapporti bilaterali o riconoscere le responsabilità del suo Paese; lo scorso mese, inoltre, Abe si è nuovamente recato in visita ufficiale al santuario Yasukuni, che onora i morti nelle guerre combattute dal Giappone e, tra di essi, anche dei criminali di guerra della Seconda Guerra Mondiale.

Fonte: Reuters

Link: http://www.reuters.com/article/2014/11/03/us-china-apec-japan-idUSKBN0IN0OQ20141103

 

5 novembre 2014, GIAPPONE – La centrale nucleare danneggiata dallo tsunami rimuove la prima parte delle vasche contenenti combustibile nucleare esausto

Gli operatori della centrale nucleare di Fukushima, colpita dallo tsunami del marzo 2011, hanno rimosso 400 tonnellate di uranio esausto da un reattore danneggiato. Si tratta della prima delle quattro parti che dovranno essere rimosse, in un processo di pulizia che si ritiene continuerà per decenni. Le operazioni per la rimozione di questi prime 400 tonnellate sono durate un anno.

Fonte: Reuters

Link: http://www.reuters.com/article/2014/11/05/us-japan-nuclear-idUSKBN0IP0SC20141105

 

6 novembre 2014, GIAPPONE – Donna giapponese rapita dalla Corea del Nord morì di overdose

Un quotidiano sudcoreano ha dichiarato che Megumi Yokota, cittadina giapponese rapita da agenti nordcoreani nel 1977, all’età di tredici anni, sarebbe morta nel 1994 in seguito a un’overdose di medicinali.

Yokota è stata un’icona simbolo dei cittadini giapponesi rapiti dalla Corea del Nord negli anni ’70 e ’80; lo scorso luglio, il Primo Ministro Abe aveva alleggerito alcune delle sanzioni del Giappone sulla Corea del Nord in cambio della riapertura, da parte di Pyongyang, di un’inchiesta sui rapimenti.

Nel 2002, la Corea del Nord aveva ammesso di aver rapito tredici cittadini giapponesi per addestrare spie.

Fonte: Reuters

Link: http://www.reuters.com/article/2014/11/07/us-northkorea-japan-kidnapping-idUSKBN0IR06W20141107

 

7 novembre 2014, GIAPPONE – Governatore approva la riattivazione del reattore di Sendai

Due reattori della centrale nucleare di Sendai saranno i primi a essere riattivati dopo il meltdown di Fukushima del 2011. Il governatore della prefettura di Kagoshima ha dato il via libera, e la riattivazione è prevista per il prossimo anno.

Prima del disastro del marzo 2011, circa il 30% del fabbisogno energetico giapponese proveniva dall’energia nucleare. Al momento, tutti e 48 i reattori del Paese sono chiusi.

Fonte: BBC

Link: http://www.bbc.com/news/world-asia-29947564

 

GIAPPONE – Cina e Giappone si ammorbidiscono nei confronti della disputa nel Mar Cinese Orientale

Cina e Giappone hanno deciso di tentare di ridurre le tensioni esistenti nei confronti di alcune isole contese nel Mar Cinese Orientale. Le isole (Senkaku in giapponese, Diaoyu in cinese) sono controllate dal Giappone ma rivendicate anche dalla Repubblica Popolare Cinese. Secondo quanto dichiarato dal ministro degli esteri cinese, le due potenze hanno raggiunto un accordo in quattro punti, i quali includono il riconoscimento delle “diverse posizioni” sulla questione. Si sono dette d’accordo “to prevent the situation from aggravating through dialogue and consultation and establish crisis management mechanisms to avoid contingencies”.

Fonte: BBC

Link: http://www.bbc.com/news/world-asia-29947967

 

8 novembre 2014, GIAPPONE – Ministro dell’economia giapponese sostiene che sarà difficile raggiungere un accordo sul TPP entro l’anno

Akira Amari, ministro dell’economia giapponese, ha dichiarato che, nonostante i progressi nel dialogo, è improbabile che il raggiungimento di un accordo nella Trans-Pacific Partnership avvenga entro la fine dell’anno. Le trattative avevano raggiunto un punto di stallo in settembre. Il Giappone vorrebbe proteggere alcuni prodotti (tra cui carne bovina e suina e riso) dalla competizione all’interno del mercato giapponese, mentre gli USA vorrebbero che il Giappone riducesse le barriere alle importazioni.

Fonte: Reuters

Link: http://www.reuters.com/article/2014/11/08/us-trade-pacific-japan-idUSKBN0IS08O20141108

 

9 novembre 2014, GIAPPONE – Abe considera la possibilità di rimandare l’aumento delle tasse e di nuove elezioni

Il Primo Ministro Abe sta considerando la possibilità di sciogliere la camera bassa e anticipare le elezioni se deciderà di rimandare l’aumento delle tasse che aveva pianificato. In caso di elezioni, il Giappone si recherà alle urne il 14 o il 21 dicembre.

Fonte: Reuters

Link: http://www.reuters.com/article/2014/11/09/us-japan-politics-election-idUSKBN0IT03R20141109

(Featured Image Source: Wikimedia Commons)

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s