Rassegna settimanale 21-27giugno: Africa subsahariana

21 giugno 2014, SUDAN – Bashir non guiderà la delegazione sudanese al summit dell’Unione Africana

La Presidenza sudanese ha annunciato che sarà il vicepresidente Bakri Hassan Salih a guidare la delegazione del Sudan al 23simo summit dell’Unione Africana (AU) a Malabo, nella Guinea Equatoriale. Il presidente Omer Hassan Al-Bashir è infatti ricercato dalla Corte Penale Internazionale fin dal 2009, con l’accusa di genocidio, crimini di guerra e crimini contro l’umanità in Darfur.

La Guinea Equatoriale non è tra i firmatari dello Statuto di Roma (con cui veniva fondata la CPI), ma spesso i Paesi africani risentono delle pressioni occidentali quando ricevono Bashir, nonostante l’AU abbia deciso che i capi di stato in carica non possano essere processati dalla CPI.

Il summit si concentrerà su argomenti quali pace e sicurezza in Africa, agricoltura e food security e le missioni di peacekeeping africane. Si tratterà anche di cambiamento climatico e sulle possibilità africane di rispondere alla crisi.

Fonte: Allafrica

Link: http://allafrica.com/stories/201406220010.html

 

NIGERIA – Molti morti in un villaggio della Nigeria

Uomini armati hanno attaccato un villaggio nel nordest della Nigeria, dando fuoco alle case e uccidendo diverse persone. Il villaggio di Koronginim si trova a circa 9 km dalla città di Chibok, ormai tristemente celebre per il rapimento di più di 270 ragazze per mano dei militanti di Boko Haram.

Fonte: Voice of America

Link: http://www.voanews.com/content/several-killed-in-nigerian-village-attack/1942290.html

22 giugno 2014, NIGERIA – Crisi Boko Haram: a dozzine uccisi nel villaggio vicino a Chibok

Si teme che l’attacco del 21 giugno a Koronginim, vicino a Chibok, abbia lasciato morte dozzine di persone. Gli abitanti dicono che gli spari sono continuati per sei ore, e che i combattenti di Boko Haram hanno incendiato le abitazioni e seguito i fuggiaschi che cercavano di mettersi in salvo nascondendosi.

Secondo le testimonianze, i militanti sarebbero arrivati a bordo di motociclette, gridando “Allahu Akbar” e sparando a chiunque fosse in vista.

Fonte: BBC

Link: http://www.bbc.com/news/world-africa-27963728

 

23 giugno 2014, NIGERIA – Esplosione allo Health College di Kano fa otto morti

Un’esplosione ha colpito la Kano School of Hygiene uccidendo almeno otto persone e ferendone almeno venti.

La città è stata nel passato presa di mira dai militanti di Boko Haram, che mirano a creare uno stato islamico nella Nigeria del Nord.

Fonte: BBC

Link: http://www.bbc.com/news/world-africa-27982795

 

 

24 giugno 2014, KENYA – Raid lungo la costa: cinque morti in un nuovo attacco vicino a Mpeketoni

Almeno cinque persone sono morte in un attacco sulla costa del Kenya, vicino alla città di Mpeketoni, dove la scorsa settimana sono state uccise più di 60 persone; per il momento, nessun gruppo ha rivendicato l’attacco.

Gli attacchi sarebbero stati effettuati con armi come macheti.

Fonte: BBC

Link: http://www.bbc.com/news/world-africa-27991517

 

NIGERIA – Boko Haram cattura donne nel Borno

Più di sessanta donne e bambini sono stati rapiti nel Nord della Nigeria da sospetti militanti islamisti.

Boko Haram chiede il rilascio dei suoi combattenti e dei loro parenti in cambio delle ragazze rapite il 14 aprile scorso. Il Governo ha finora respinto le richieste di riscatto.

Fonte: BBC

Link: http://www.bbc.com/news/world-africa-27998502

 

REPUBBLICA CENTRAFRICANA – Gli scontri fanno almeno 18 morti

Sono almeno diciotto le persone rimaste uccise in scontri tra cristiani e musulmani nella Repubblica Centrafricana. Gli scontri sono iniziati quando una milizia a maggioranza cristiana ha attaccato un villaggio del nordovest.

Un testimone ha riportato alla Reuters di aver contato 22 corpi, alcuni dei quali fatti a pezzi.

Fonte: BBC

Link: http://www.bbc.com/news/world-africa-28001595

 

25 giugno 2014, SUDAFRICA – I minatori tornano al lavoro dopo accordo sui salari

Migliaia di minatori nelle più grandi miniere di platino del Sudafrica (la Ango America Platinum, la Impala Platinum e la Lonmin) sono tornati al lavoro dopo cinque mesi di sciopero.

Ci vorrà tuttavia “del tempo” prima che le aziende possano tornare ai pieni ritmi di produzione.

Fonte: BBC

Link: http://www.bbc.com/news/business-28013037

 

SUDAN – La donna nel braccio della morte ha “preparato i documenti”

La donna sudanese liberata dal braccio della morte è stata ora accusata di aver preparato documenti ufficiali per lasciare il Paese. Meriam Ibrahim è quindi stata arrestata nuovamente martedì 24, il giorno dopo che il tribunale l’aveva rilasciata annullando la sua condanna a morte per l’abiura dell’Islam.

Gli USA hanno dichiarato di essere nel corso di trattative con il Sudan per la liberazione della donna, sposata con un cittadino statunitense, Daniel Wani, cristiano originario del Sudan del Sud.

Fonte: BBC

Link: http://www.bbc.com/news/world-africa-28014714

 

 

26 giugno 2014, SUDAN – Meriam Ibrahim: la donna sudanese accusata d’apostasia viene liberate di nuovo

La donna sudanese la cui condanna a morte per aver sposato un cristiano era stata annullata è stata nuovamente liberata di prigione dopo il nuovo arresto all’aeroporto di Khartoum del 24 giugno; era stata accusata di aver falsificato i documenti di identità. La donna attualmente si troverebbe presso l’Ambasciata statunitense con la sua famiglia.

Fonte: BBC

Link: http://www.bbc.com/news/world-africa-28050753

 

SUDAN DEL SUD – Il Sudan del Sud è “lo Stato più fragile del mondo”

Il Sudan del Sud è la nazione più giovane del mondo (essendo nato nel 2011 dalla secessione dal Sudan) ed è in cima alla classifica degli Stati più fragili del mondo secondo una ricerca svolta da un istituto con base negli USA.

Instabilità cronica, leadership fratturate e conflitti etnici in crescita hanno valso al Paese il triste titolo. Le prime sei classificate si trovano tutte nell’Africa sub-sahariana. Al settimo posto si trova l’Afghanistan, seguito da Yemen, Haiti e Pakistan.

La classifica è il frutto di ricerche e analisi durate dieci anni, e si basa su indicatori sociali, economici e politici.

Le nazioni che maggiormente sono migliorate nel 2014 sono Iran, Serbia, Zimbabwe e Cuba. In contrasto, pare essere peggiorata la situazione di USA e Francia, principalmente a causa delle insicurezze economiche.

Fonte: BBC

Link: http://www.bbc.com/news/world-africa-28039164

 

KENYA – Governatore accusato di terrorismo in seguito agli attacchi di Lamu

Un Governatore regionale, Issa Timamy, è stato accusato degli attacchi nell’area di Mpeketoni, e dovrà quindi rispondere delle accuse di terrorismo e assassinio, nonostante il gruppo degli estremisti somali al-Shabab li abbia rivendicati.

La maggior parte dei morti era di etnia Kikuyus, come il Presidente Kenyatta. I non musulmani erano stati isolati dagli altri e uccisi.

Timamy rimarrà in custodia fino al 30 giugno, mentre continuano le indagini.

Fonte: BBC

Link: http://www.bbc.com/news/world-africa-28045161

 

 

27 giugno 2014, La diffusione dell’ebola NON è fuori controllo, sostiene l’Agenzia dell’ONU per la salute

L’Agenzia per la salute delle Nazioni Unite e i suoi partners stanno lavorando congiuntamente al Governo della Guinea, della Liberia e della Sierra Leone per porre sotto controllo lo scoppio dell’ebola nell’Africa occidentale.

La prossima settimana a Accra (in Ghana) si terrà un meeting per discutere sulla risposta da mettere in atto per il controllo del virus, di cui sono stati registrati più di 600 casi da marzo a oggi, e 390 vittime.

Fonte: UN news centre

Link: http://www.un.org/apps/news/story.asp?NewsID=48156#.U7A8EZR_uSq

(Featured Image source: Wikimedia commons)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s